Advertisement

Ue: meno aiuti alle rinnovabili e sostegno a energivore

Nuove Linee Guida per l’ambiente e l’energia a discapito delle rinnovabili

La Commissione Europea ha presentato nuove regole sugli aiuti pubblici a favore di progetti per la protezione dell’ambiente e l’energia, che prevedono la riduzione graduale dei sussidi di Stato per certe tecnologie legate alle energie rinnovabili, visto il loro stadio di maturità industriale. Inoltre è prevista la riduzione della pressione fiscale sui settori a forte consumo energetico, tra cui ceramica, metalli, manifatturiero chimico e carta e l’autorizzazione agli Stati a decidere riduzioni per imprese molto energivore di altri settori.

Le nuove disposizioni Ue si applicheranno dal primo luglio fino al 2020, con una fase  pilota tra il 2015 e il 2016 per testare le procedure su una piccola parte delle nuove capacità di produzione elettrica.

“Molte energie rinnovabili hanno raggiunto un livello tale da poter competere con altre fonti di energia più tradizionali – ha commentato il commissario alla concorrenza Joaquin Almunia- E’ tempo che queste tecnologie rispondano agli andamenti del mercato e che il sostengo pubblico sia attribuito secondo un processo competitivo”.

Il comunicato della Commissione sottolinea  che il settore delle rinnovabili, come energia eolica, solare o geotermica, “ha ricevuto pesanti aiuti pubblici negli ultimi anni grazie a tariffe fisse non collegate agli effettivi costi del settore. Questo ha incoraggiato la crescita del settore ma ha anche creato distorsioni al mercato”.

Per quanto riguarda le energie rinnovabili la Commissione ritiene opportuno sostituire gradualmente il sistema del “feed-in tariff” con il sistema “feed-in premium”, eliminando le tariffe fisse stabilite dallo Stato per passare al sistema in cui il prezzo dell’energia rinnovabile sia composto da due fattori: il valore di mercato dell’energia elettrica, esposto alle oscillazioni della domanda e dell’offerta, e un premio fissato dall’autorità pubblica. In tal modo le fonti di energia rinnovabili, “saranno sensibili ai segnali di mercato. I piccoli impianti saranno sottoposti a un regime speciale e potranno beneficare ancora di un sostegno”.

Scarica le Linee Guida della Commissione su protezione ambiente ed energia

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Normativa

Le ultime notizie sull’argomento