IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Guida aggiornata su Ecobonus ristrutturazioni edilizie

Guida aggiornata su Ecobonus ristrutturazioni edilizie

Disponibile on line sul sito dell'Agenzia delle Entrate la "Guida Ristrutturazioni Edilizie: le agevolazioni fiscali", con le novità introdotte dalla Legge di Bilancio, che interessano gli interventi di recupero del patrimonio edilizio 

 Guida aggiornata dell'Agenzia delle Entrate su Ecobonus ristrutturazioni edilizie

 

E' aggiornata a febbraio 2018 l'utile Guida dedicata alle agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie, on line sul sito dell'Agenzia delle Entrate, con le ultime novità introdotte dalla Legge di bilancio 2018 su regole e modalità da seguire per accedere al bonus, confermato per tutto l'anno nella misura del 50%, con i vari suggerimenti offerti dall’Agenzia nei documenti di prassi sugli adempimenti necessari per richiedere l’agevolazione, disciplinata dall’art. 16-bis del Dpr 917/86.

 

La Guida aiuta passo passo gli utenti sugli interventi agevolabili, dalle singole unità abitative alle parti condominiali, dai box auto agli edifici già ristrutturati, precisando chi può fruire della detrazione, come richiedere il bonus, in che modo effettuare il pagamento dei lavori, quali documenti conservare e quali dati inviare all'Enea, per via telematica, sulla tipologia di intervento realizzato. Queste informazioni verranno utilizzate dall'Agenzia per monitorare e valutare il risparmio energetico ottenuto in seguito alla realizzazione degli interventi di ristrutturazione.

 

La detrazione Irpef del 50% delle spese sostenute per i lavori avviati dal 1° gennaio di quest'anno, fino a un ammontare complessivo non superiore a 96.000 euro per unità immobiliare, è stata prorogata fino al 31 dicembre 2018. Da gennaio 2019, salvo ulteriori proroghe, l'agevolazione tornerà al 36%, con il limite di 48.000 euro per unità immobiliare. La detrazione interessa sia le singole unità immobiliari che gli interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali e viene ripartita in 10 quote annuali di pari importo, nell’anno in cui è sostenuta la spesa e in quelli successivi.


La detrazione per gli interventi di recupero edilizio non è cumulabile con l’agevolazione fiscale prevista per gli stessi interventi dalle disposizioni sulla riqualificazione energetica degli edifici pari al 65%. Nel caso di interventi che rientrino in entrambe le agevolazioni il contribuente può fruire soltanto dell’uno o dell’altro beneficio.

 

Per tutto il 2018 è stata prorogata anche l’agevolazione per l’acquisto o l’assegnazione di immobili già ristrutturati che spetta nel caso in cui gli interventi di ristrutturazione abbiano interessato interi fabbricati e sono stati eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie che, entro 18 mesi, dalla data del termine dei lavori, vendono o assegnano l’immobile.

 

Novità di quest'anno possono usufruire della detrazione anche gli istituti autonomi per le case popolari e i soggetti con finalità analoghe, tra cui le cooperative di abitazione a proprietà indivisa, purché gli interventi di ristrutturazione siano realizzati su immobili adibiti ad edilizia residenziale pubblica o nel caso di cooperative siano assegnati in godimento ai soci.  

 

I principali interventi che danno diritto alle agevolazioni sono quelli di manutenzione ordinaria solo se effettuati sulle parti comuni di edifici condominiali, mentre i lavori di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia eseguiti su immobili residenziali, di qualsiasi categoria catastale, e loro pertinenze.

Box e posti auto

La detrazione è destinata anche all’acquisto di box e posti auto pertinenziali, per le spese relative alla loro realizzazione, e per la costruzione di autorimesse o posti auto, anche a proprietà comune, ma è necessario un vincolo di pertinenzialità con una unità immobiliare abitativa. Per gli acquisti contemporanei di casa e box con unico atto, la detrazione spetta limitatamente alle spese di realizzazione del box pertinenziale, il cui ammontare deve essere specificamente documentato. 

L’Iva ridotta

Per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio è possibile usufruire dell’aliquota ridotta in tema di imposta sul valore aggiunto; a seconda del tipo di intervento, l’agevolazione si applica sulle prestazioni dei servizi resi dall’impresa che esegue i lavori e, in alcuni casi, sulla cessione dei beni.

Interventi antisisimici 

Per quanto riguarda le spese sostenute per interventi di adozione di misure antisismiche le detrazioni sono state prorogate fino al 31 dicembre 2021 e possono arrivare fino all'85%, a seconda delle zone sismiche, del tipo di immobile e del risultato ottenuto con l’esecuzione dei lavori. Il bonus oltre agli edifici che si trovano nelle zone sismiche ad alta pericolosità (zone 1 e 2) interessa anche quelli che si trovano nelle zone a minor rischio (zona sismica 3).

La detrazione, con un importo complessivo pari a 96mila euro per unità immobiliare per ciascun anno, può essere ripartita in 5 quote annuali e riguarda tutti gli immobili abitativi e non soltanto quelli adibiti ad abitazione principale o ad attività produttive.

La detrazione fiscale sale al 70% della spesa sostenuta (75% per gli edifici condominiali) se, dalla realizzazione degli interventi che riguardano l’adozione di misure antisismiche, discende una riduzione del rischio sismico che assicura il passaggio a una classe di rischio inferiore e aumenta all’80% (85% per gli edifici condominiali) se dall’intervento deriva il passaggio a due classi di rischio inferiori.

Mutui per ristrutturare casa, detrazione interessi passivi 

E' prevista una detrazione dall’Irpef degli interessi passivi, e i relativi oneri accessori, pagati sui mutui ipotecari stipulati a partire dal 1998 per la ristrutturazione o la costruzione dell’abitazione principale.
In particolare, è possibile portare in detrazione il 19% degli interessi pagati, indicandone l’importo nella dichiarazione annuale dei redditi. L’importo massimo sul quale calcolare la detrazione è pari a 2.582,25 euro.

Danno inoltre diritto alla detrazione del 50% le opere finalizzate all'eliminazione delle barriere architettoniche, la realizzazione di porte blindate, di vetri antisfondellamento, grate alle finestre, impianti di allarme e videosorveglianza e impianti fotovoltaici.

 

L'Agenzia ha realizzato anche un utile video che spiega le novità più significative per usufruire del bonus del 50% 

 

 

Scarica la Guida dell'Agenzia delle Entrate Ristrutturazioni edilizie: le Agevolazioni Fiscali

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
15/11/2018

Tariffe incentivanti e detassazione Tremonti Ambiente, prorogati i termini

Il GSE ha prorogato al 31 dicembre 2019 il termine indicato per l'attestazione della rinuncia al beneficio fiscale, precedentemente fissato al 22 novembre, per gli operatori incorsi nel divieto di cumulo tra Conti Energia e la  “Tremonti ...

07/11/2018

I Chiarimenti dell'Agenzia per la cessione credito Ecobonus

L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato due risposte a Istanze di interpello, con chiarimenti relativi alla cessione del credito corrispondente alla detrazione per interventi di riqualificazione energetica     Nei giorni scorsi l'Agenzia ...

02/11/2018

Mattarella firma la Legge di Bilancio, confermati Ecobonus e Sismabonus

Dopo la bollinatura della Ragioneria di Stato e la firma del Presidente Mattarella, la Legge di Bilancio approda alle Camere per i passaggi parlamentari. Le novità per l'edilizia     Lo scorso 31 ottobre la Ragioneria di Stato ha ...

26/10/2018

Il Mise annuncia possibile stabilizzazione dell’ecobonus

Di Maio annuncia nel corso del question time alla Camera l’intenzione del Governo di ampliare l'ordine temporale dell’ecobonus, al di là della conferma per il 2019 prevista dalla Legge di Bilancio       Il ministro dello ...

22/10/2018

Aggiornata la Guida per le detrazioni fiscali per il risparmio energetico

L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato con molti mesi di ritardo la versione aggiornata a ottobre 2018 della Guida dedicata all'Ecobonus per il risparmio energetico     A due mesi dalla fine dell'anno, è on line sul sito dell'Agenzia delle ...

22/10/2018

Le ultime modifiche al Decreto rinnovabili

Sono state inserite alcune modifiche allo schema di Decreto FER ora nelle mani del ministero dell’Ambiente per il parere di concerto: l’aumento del 10% della tariffa incentivante prevista per impianti mini idro e mini eolico e premio su tutta ...

15/10/2018

La visione di Di Maio per un Italia rinnovabile e sostenibile

L’impegno del Governo per la sostenibilità annunicato da Di Maio in un video messaggio prevede introduzione dell’Ires verde, conferma ecobonus e risorse a sostegno delle rinnovabili     Il vice premier e Ministro dello ...

11/10/2018

Nuove norme UNI per la carbon footprint e la sostenibilità degli edifici

Due interessanti novità dall'UNI: è stata recentemente recepita anche in lingua italiana la EN 15643-5 dedicata alla valutazione della sostenibilità degli edifici e la norma internazionale ISO 14067 che contiene le linee ...