IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Aiutare le persone nel rispetto dell'ambiente

Aiutare le persone nel rispetto dell'ambiente

Inaugurato a Milano il nuovo quartier generale di Emergency nato dalla riqualificazione efficiente di una scuola pubblica in disuso

 

Inaugurata a Milano Casa Emergency

 

E’ stata inaugurata in via Santa Croce a Milano “Casa Emergency” nuovo headquarter dell’organizzazione umanitaria fondata proprio nel capoluogo meneghino 23 anni fa.
La struttura sarà aperta alla città, con l’obiettivo di coinvolgere i cittadini attraverso incontri, dibattiti pubblici ed eventi sui temi dei diritti umani e della salute.

 

Nel 2015 l’Associazione ha avviato a Milano un proprio ambulatorio mobile che ha assicurato cure e servizi a oltre 4500 persone in difficoltà. Nei prossimi mesi verrà aperto alla cittadinanza, proprio negli spazi di CASA EMERGENCY, uno Sportello socio-sanitario.

 

Il progetto firmato TAMassociati nasce dalla riqualificazione efficiente di un immobile pubblico in disuso riassegnato a fini sociali attraverso un bando comunale. La struttura si sviluppa su 3.600 mq, su 5 livelli, oltre ai suoi 2.300 mq di spazi esterni caratterizzati dalla presenza di diverse essenze arboree.


Nella ristrutturazione, che è durata 14 mesi è stata posta la massima attenzione al tema del “Progettare il Bene Comune” in ogni aspetto, funzionale, architettonico e sociale, attraverso un percorso etico volto a trasformare l’immobile in un "edificio parlante" e ad alta efficienza energetica. Casa Emergency si caratterizza infatti anche per l’apparato grafico che aiuta a comprendere l’organizzazione funzionale dei suoi spazi. Tutto comunica i principi di Emergency, dalla segnaletica ai brani della Costituzione scritti sulle pareti, dalle cromie scelte a scandire gli spazi che aiutano a individuare i vari ambiti funzionali dell’edificio.

 

Casa Emergency si caratterizza anche per il particolare apparato grafico

 

Progettare il bene comune significa dunque che Casa Emergency sarà uno spazio dedicato alla cittadinanza, che tutti i milanesi possano utilizzare per eventualmente generare altri beni comuni.

 

In particolare gli spazi del giardino e i primi due piani del nuovo headquarter saranno del tutto dedicati ad attività socio-culturali di informazione, formazione, educazione e svago.
Al primo piano si trovano la sala con 132 posti a sedere, che ospiterà mostre e incontri pubblici, l’area ristoro con 100 posti a sedere e lo sportello di orientamento socio-sanitario (80 mq).
Il secondo piano è invece destinato alle attività di formazione e volontariato e ospita la biblioteca, l’info point e la vendita di gadget.
Gli ultimi tre piani sono dedicati alle attività di pianificazione socio sanitaria della ONG a livello nazionale e internazionale.

 

Gli spazi di lavoro di Casa Emergency

A casa Emergency ci sono196 postazioni di lavoro 

Attenzione all'efficienza energetica

TAMassociati ha realizzato un intervento di recupero nel massimo rispetto dell’esistente. A partire dal mantenimento e valorizzazione del giardino, delle facciate e degli elementi architettonici preesistenti.
Gli spazi interni si sono trasformati divenendo più fluidi e aperti rispetto al progetto originario, grazie anche al coinvolgimento di tutti coloro, dai tecnici ai volontari a tutti gli addetti, che devono operare nella nuova sede. 

 

casa Emergency realizzata nel rispetto dell'ambiente e dell'edificio esistente

 

Nell’intervento di riqualificazione sono stati scelti materiali attenti all’ambiente e ad alta efficienza che aiutassero a garantire bassi consumi energetici e ridotte emissioni nocive.

Dalla gestione della temperatura degli ambienti all’illuminazione, ai sistemi di controllo automatico degli impianti, al recupero delle acque. Inoltre nella scelta degli impianti tecnologici, è stato fatto uno studio che ha tenuto conto dei più avanzati sistemi per l’utilizzo di energie rinnovabili.

Riscaldamento e raffrescamento

L'impianto di riscaldamento e climatizzazione è stato realizzato tenendo in considerazione il massimo comfort abitativo della struttura, minimizzando e ottimizzando al tempo stesso i consumi energetici e l’impatto ambientale (locale e globale) dell’impianto stesso. Sono stati scelti impianti di produzione di energia che utilizzassero il più possibile energia da fonti rinnovabili e ad alta efficienza.


La scelta di un impianto geotermico abbinato a due unità polivalenti ad alta efficienza ha risposto nel migliore dei modi alle necessità di un edificio dove convivono diverse destinazioni d’uso.

L’impianto di ventilazione ad aria primaria ha permesso di garantire il ricambio d’aria nei locali più affollati quali sala polifunzionale e ristorante /bar, con trattamento in apposita C.T.A. dotata di sistemi anti-inquinanti, il recupero energetico sull’aria espulsa e la possibilità di un alimentazione d’aria diretta dall’esterno abbinato ad analizzatore di qualità dell’aria.

Le zone uffici sono state climatizzate con ventilconvettori comandati da sensori di presenza e programmati tramite software per il migliore rendimento energetico. 

La produzione di acqua calda sanitaria è assicurata sempre dalle unità polivalenti senza l’impiego di bruciatori.

La scelta di questo impianto ha permesso di recuperare parte dell’acqua di falda, usata per gli scambiatori delle unità polivalenti, in un serbatoio per il successivo utilizzo per l’irrigazione e per la rete duale (scarichi dei bagni)dell’edificio.


Illuminazione

Illuminazione Led e rilevatori di presenza a Casa Emergency

 

Obiettivo dei progettisti era realizzare un impianto automatico che reagisse in base alle presenze all’interno dell’edificio.

La scelta di un impianto a rilevatori di presenza per l’illuminazione integrato agli impianti di climatizzazione ha permesso di ottimizzare l’efficienza e la durata di apparecchi quali luci a LED già aventi ottimi rendimenti.

Un’attenta programmazione e gestione hanno permesso e permetteranno di avere sempre il giusto assetto in base alle diverse esigenze.

Per monitorare il “comportamento” energetico dell’edificio sono stati inseriti contabilizzatori per acqua calda, chilled ed elettricità per facilitare la conduzione degli impianti con l’obiettivo di ottimizzarne il rendimento.

 

Ph: @marcello Bonfanti

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
13/07/2018

Vivere e lavorare in un edificio BIO in legno

Il titolare dell’Azienda Agricola Debiasi ha affidato a Vario Haus la realizzazione di un edificio totalmente sostenibile, che ospita l’abitazione, il laboratorio e il punto vendita     Stefano Debiasi, titolare dell’omonima ...

12/07/2018

Casa G a energia quasi 0 realizzata in bioarchitettura

Dalla riqualificazione di un rustico di fine 800 Tiziana Monterisi Architetto ha realizzato a Moneglia un’abitazione Nzeb utilizzando esclusivamente materiali naturali e spesso poco sfruttati in edilizia quali paglia di riso, argilla, cocciopesto e ...

09/07/2018

Il Politecnico di Torino firma un progetto sostenibile per le Olimpiadi della Cina

Il Politecnico di Torino realizza “Il Parco Dora di Shougang” una delle sedi che ospiteranno le olimpiadi invernali del 2022 in Cina, progetto sostenibile e a “zero consumo di suolo”.     Nasce dalla riqualificazione ...

29/06/2018

Un edificio in sinergia con la lussureggiante natura canadese

Il progetto dell'Audain Art Museum di Patkau Architects insignito del RIBA International Prize 2018, un edificio in vetro e legno immerso nella natura   a cura di Fabiana Valentini     Un edificio di design immerso nella natura e custode ...

27/06/2018

Occitanie Tower, la torre di 40 piani con la spirale verde

Nella zona est di Tolosa sorgerà il primo grattacielo della città. Con i suoi 150 metri di altezza, l’edificio avrà una forma a spirale interrotta solo da un giardino pensile continuo che contrasta con il colore silver delle ...

25/06/2018

A Vancouver il grattacielo di legno più alto al mondo

L’archistar Shigeru Ban firma Terrace House, ambizioso progetto eco-friendly a Vancouver: un grattacielo ibrido di 71 metri in legno, vetro e acciaio   a cura di Fabiana Valentini     Le città del futuro saranno sempre ...

11/06/2018

Ecolibera, un nuovo progetto immobiliare che fa risparmiare

Ecolibera è un concetto di casa come organismo autosufficiente, capace di sfruttare il sole per produrre energia domestica e per la mobilità elettrica, cibo e acqua calda necessari al supporto vitale di chi la abita. Ecolibera è la tappa ...

21/05/2018

Una Smart arena per il nuovo stadio del Cagliari

Una struttura smart perfettamente integrata nell’ambiente che include spazi multifunzionali ed è caratterizzata da una forte flessibilità e sostenibilità   a cura di Silvia Giacometti     Interessante ...