IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Casa G a energia quasi 0 realizzata in bioarchitettura

Casa G a energia quasi 0 realizzata in bioarchitettura

Dalla riqualificazione di un rustico di fine 800 Tiziana Monterisi Architetto ha realizzato a Moneglia un’abitazione Nzeb utilizzando esclusivamente materiali naturali e spesso poco sfruttati in edilizia quali paglia di riso, argilla, cocciopesto e legno trattato con oli naturali

 

Casa G a energia quasi 0 realizzata in bioarchitettura

 

Alla base dei progetti firmati dall’architetto Tiziana Monterisi vi è la certezza che lo sviluppo sostenibile possa assicurare un futuro migliore e che tale filosofia debba essere alla base dei progetti edilizi attraverso l’utilizzo di risorse naturali o secondarie.

 

Questa la cultura fondante del progetto “Casa G” firmato da Tiziana Monterisi Architetto a Littorno, frazione del Comune di Moneglia in provincia di Genova.

 

L’intervento nasce dalla riqualificazione efficiente di un rustico di fine 800 di cui si è mantenuta la muratura portante in pietra locale e che ha portato alla realizzazione di un edificio per la villeggiatura moderno e di design, in cui l’attenzione alla sostenibilità ambientale è altissima in ogni aspetto. I lavori hanno beneficiato degli Ecobonus del 65% e 50% per interventi di riqualificazione energetica e ristrutturazione edilizia.

 

Lo studio biellese ha voluto valorizzare ciò che la natura già offriva, da una parte l’edificio esposto a sud sfrutta la luce del sole, e dall’altra il fresco pergolato protegge dal caldo eccessivo regalando momenti di relax.

Il progetto 

Il progetto ha previsto l’utilizzo solo di materiali naturali al 100% che assicurano ottime performance energetiche e minimizzano l’impatto ambientale: Casa G è infatti un’abitazione a energia quasi 0, in cui il fabbisogno energetico è minore di 15 kWh/mq/anno.  Per l’approvvigionamento di calore, oltre a una piccola stufa a legna, sono utilizzati esclusivamente gli apporti solari passivi

 

L’abitazione è realizzata su 2 livelli, in cui i 2 piani sono divisi da una soletta di legno fatta a mano.  Il tetto è stato demolito e ricostruito con intelaiatura in legno e tamponamento in balle di paglia di riso. Lo stesso sistema è stato utilizzato per la realizzazione del cappotto esterno dell’edificio. L’intonaco esterno è in calce. I serramenti sono a triplo vetro e doppia camera.

 

L’umidità è controllata sia dagli intonaci interni in argilla che dalla ventilazione naturale assicurata dal territorio collinare in cui si trova l’abitazione che sorge a 185 metri sul livello del mare.

 

Grazie ai materiali utilizzati anche per le finiture interne, tra cui l’argilla, le pitture derivanti da chimica vegetale, il cocciopesto e il legno trattato con oli naturali, le superfici acquistano un aspetto materico e gli ambienti sono salubri poiché viene minimizzata l’energia grigia dell’edificio

 

Casa G a Moneglia, materiali naturali per le finiture interne

 

Grazie a tutti gli accorgimenti costruttivi l’abitazione prevede costi di gestione e costi di manutenzione minimi assicurando in qualsiasi periodo dell’anno ottimo comfort senza che sia necessario sostenere spese per il riscaldamento o l’impianto di condizionamento.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
18/07/2018

L’arcipelago di Vega, patrimonio Unesco, ospita il suo primo centro per visitatori

La prossima primavera si inaugura il centro visite del sito Unesco dell’Arcipelago Vega. Una struttura sobria, elegante, realizzata con materiali robusti e naturali. Un manifesto della cultura popolare norvegese, incastonato in un paesaggio ...

13/07/2018

Vivere e lavorare in un edificio BIO in legno

Il titolare dell’Azienda Agricola Debiasi ha affidato a Vario Haus la realizzazione di un edificio totalmente sostenibile, che ospita l’abitazione, il laboratorio e il punto vendita     Stefano Debiasi, titolare dell’omonima ...

09/07/2018

Il Politecnico di Torino firma un progetto sostenibile per le Olimpiadi della Cina

Il Politecnico di Torino realizza “Il Parco Dora di Shougang” una delle sedi che ospiteranno le olimpiadi invernali del 2022 in Cina, progetto sostenibile e a “zero consumo di suolo”.     Nasce dalla riqualificazione ...

29/06/2018

Un edificio in sinergia con la lussureggiante natura canadese

Il progetto dell'Audain Art Museum di Patkau Architects insignito del RIBA International Prize 2018, un edificio in vetro e legno immerso nella natura   a cura di Fabiana Valentini     Un edificio di design immerso nella natura e custode ...

27/06/2018

Occitanie Tower, la torre di 40 piani con la spirale verde

Nella zona est di Tolosa sorgerà il primo grattacielo della città. Con i suoi 150 metri di altezza, l’edificio avrà una forma a spirale interrotta solo da un giardino pensile continuo che contrasta con il colore silver delle ...

25/06/2018

A Vancouver il grattacielo di legno più alto al mondo

L’archistar Shigeru Ban firma Terrace House, ambizioso progetto eco-friendly a Vancouver: un grattacielo ibrido di 71 metri in legno, vetro e acciaio   a cura di Fabiana Valentini     Le città del futuro saranno sempre ...

11/06/2018

Ecolibera, un nuovo progetto immobiliare che fa risparmiare

Ecolibera è un concetto di casa come organismo autosufficiente, capace di sfruttare il sole per produrre energia domestica e per la mobilità elettrica, cibo e acqua calda necessari al supporto vitale di chi la abita. Ecolibera è la tappa ...

21/05/2018

Una Smart arena per il nuovo stadio del Cagliari

Una struttura smart perfettamente integrata nell’ambiente che include spazi multifunzionali ed è caratterizzata da una forte flessibilità e sostenibilità   a cura di Silvia Giacometti     Interessante ...