IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > CONFINDUSTRIA FINCO: Importante (ed urgente) il rinnovo del 55% oltre il 2010

CONFINDUSTRIA FINCO: Importante (ed urgente) il rinnovo del 55% oltre il 2010

F.IN.CO (Federazione Industrie, Prodotti, Impianti e Servizi per le Costruzioni) fa il punto sul tema delle detrazioni del 55% attraverso la voce di Libero Ravaioli, Consigliere incaricato per l'Europa nonché Vice Presidente CEPMC (Federazione Europea dei Produttori dei Materiali da Costruzione).
"In quattro anni di applicazione le detrazioni del 55% hanno contribuito ad innescare cambiamenti epocali e trasversali nel comparto italiano del risparmio energetico. Sono state un valido supporto per l'industria italiana per quello che riguarda gli investimenti in ricerca ed in innovazione, hanno sviluppato una "coscienza energetica" nei progettisti e nei consumatori, oggi sempre più informati sulle opportunità che determinati prodotti ed impianti possono apportare al risparmio energetico ed hanno fatto emergere una quota significativa ed importante di sommerso con un conseguente beneficio per l'erario." - esordisce Ravaioli.
"Quattro anni della misura del 55% hanno prodotto circa 600.000 interventi di riqualificazione energetica per un risparmio di circa 4.500 GW/h.
Un numero significativo di interventi, ma ancora una goccia nel mare del patrimonio immobiliare italiano, uno dei più belli al mondo ma anche uno dei più antichi ed energivori." - prosegue il Consigliere avanzando una domanda che richiama i possibili futuri scenari: "Cosa avverrà per il 2011?"
L'Ufficio Studi Economici Uncsaal (una delle Associazioni Finco più interessate alla misura), in collaborazione con l'Università di Lugano, ha evidenziato in una  analisi che sarà presentata il prossimo 2 ottobre, l'impatto di una ipotetica mancata conferma del 55% oltre il 2010. E' sufficiente un dato per illustrarne gli effetti: senza il 55% l'intero comparto italiano industriale si ridimensionerà di circa un miliardo di euro (350.000.000 solo con riferimento al settore metallico) e questo comporterebbe la chiusura di centinaia di aziende e la perdita di migliaia di posti di lavoro.
Ravaioli incalza: "Rinnovare il 55% oltre la fine di quest'anno non significa però soltanto dare respiro alle nostre industrie ancora nel tunnel di una crisi congiunturale lunga e difficile da superare, non rappresenta solo la volontà di incentivare "consumi intelligenti" in una vasta platea di proprietari di case, non vuol dire soltanto "moralizzare" un mercato delle costruzioni ancora caratterizzato da squarci di "grigio" o di "nero", ma possiede soprattutto una valenza: fare il bene del nostro Paese consentendo di risparmiare migliaia di GW/h e di preservare l'atmosfera da tonnellate di emissioni nocive".
"Abbiamo cognizione che l'attuale Esecutivo ha ben presenti tutti questi fattori e conosciamo a fondo i problemi di bilancio, ma sappiamo che il 55% è solo apparentemente una voce di spesa, come evidenziato da uno studio commissionato dall'Enea.  E questo è il punto focale: lo sgravio del 55% sugli interventi per l'efficienza energetica, afferma Fabio Brivio, Consigliere Incaricato Finco per la Sostenibilità, non fa risparmiare solo energia ed emissioni, ma conviene anche economicamente: in quattro anni il ritorno per il Sistema Paese di questa misura è di quasi 4 miliardi di euro superiore alla cifra spesa, o meglio non incamerata, dallo Stato."  
"Non riteniamo si debbano apportare modifiche, se non in senso eventualmente integrativo ed accrescitivo (allargando per esempio l'agevolazione alle schermature solari) alle misure attualmente previste.
Sarebbe singolare, in un Paese che deve ancora combattere con una evasione fiscale di oltre 100 miliardi, "rifarsi" penalizzando imprese e dipendenti che lavorano e contribuiscono allo sviluppo delle comunità tutta. In ogni caso auspichiamo una rapida decisione dell'Esecutivo e rimaniamo disponibili a fornire il patrimonio delle nostre conoscenze tecnico-economiche".
 

www.fincoweb.org

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
23/01/2017

Aggiornata la normativa per lefficienza energetica degli edifici in Lombardia

Obiettivo della Regione è predisporre un testo unico relativo all’efficienza e alla certificazione energetica degli edifici. Critica l’Unicmi per il rischio di depotenziare gli ecobonus del 65%     La Lombardia, con decreto ...

13/12/2016

Con la certificazione energetica salvi l'ambiente e risparmi in bolletta

Ridurre le emissioni di inquinanti è fondamentale per il futuro dei nostri figli. La certificazione energetica è una soluzione conveniente per ridurle e allo stesso tempo risparmiare       Negli ultimi anni è cresciuta ...

09/11/2016

Chiarimenti sui nuovi requisiti di efficienza energetica a quasi un anno dalla loro applicazione

A poco meno di un anno dalla pubblicazione ed entrata in vigore del DM 26 giugno 2015 sui requisiti minimi in materia di efficienza energetica e sulla certificazione energetica degli edifici, sono state pubblicate dal Ministero dello Sviluppo Economico ...

28/06/2016

Aggiornamento la UNI/PdR 13:2015 Sostenibilit ambientale nelle costruzioni"

L'UNI ha pubblicato la versione aggiornata della UNI/PdR 13:2015 “Sostenibilità ambientale nelle costruzioni - Strumenti operativi per la valutazione della sostenibilità"  
Nei giorni scorsi l'UNI ha pubblicato una versione ...

16/02/2016

Efficienza energetica, la denuncia di Legambiente sugli sprechi delle nostre case

Legambiente ha scelto di pubblicare, a undici anni dall'entrata in vigore del protocollo di Kyoto, il dossier "Basta case colabrodo", dedicato all’efficienza energetica e ai consumi delle abitazioni in Italia, con l’obiettivo di ...

09/02/2016

Prima certificazione LEED Gold per un hotel

Lusso ed eleganza possono convivere con sostenibilità ambientale e green building, come dimostra la certificazione volontaria LEED Gold (Leadership in Energy and Environmental Design) ottenuta per la prima volta da un hotel, il 4 stelle LaGare Hotel ...

03/02/2016

I dati del GSE sull'utilizzo delle fonti rinnovabili in Italia

Il GSE ha pubblicato, come previsto dal D.Lgs. 28/2011, nella sezione Studi del proprio sito la terza Relazione biennale dell'Italia sui progressi realizzati nella promozione e nell’uso dell’energia rinnovabile – Progress Report 2015.

02/02/2016

La spesa media per l'Attestato di prestazione energetica di 120 euro

E' firmato ProntoPro.it, portale che fa incontrare domanda e offerta di lavoro professionale e artigianale, lo studio in cui vengono confrontati i costi della certificazione energetica in Italia, che evidenzia che la redazione di un Attestato di ...