IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > L’Europa rischia di non rispettare gli obiettivi rinnovabili al 2030

L’Europa rischia di non rispettare gli obiettivi rinnovabili al 2030

Per assicurare il rispetto del target del 27% di rinnovabili sui consumi l'Europa deve rivedere la propria strategia, focalizzanosi sulla decentralizzazione dei sistemi energetici 

 L'Europa rischia di non rispettare gli obiettivi rinnovabili al 2030

 

Il Rapporto recentemente pubblicato dalla società di consulenza strategica Roland Berger,Power to the People - The Future of Europe's Decentralized Energy Marketevidenzia che l’Europa deve attuare nuove tecnologie, diversi modelli di business e una normativa condivisa per assicurare la reale transizione verso un modello rinnovabile e garantire che siano rispettati gli obiettivi comuni fissati al 2030, ovvero 27% di quota “rinnovabile” sul totale fabbisogno energetico del continente.

 

In particolare perché l’UE riesca a ridurre radicalmente le proprie emissioni di anidrite carbonica, sarà fondamentale la decentralizzazione dei sistemi energetici. 

Senza un mercato unico e stabile dell’energia il Vecchio Continente non riuscirà a garantire la transizione a un sistema rispettoso dell'ambiente, affidabile ed economico.

Oggi infatti ogni Stato decide in autonomia le proprie politiche energetiche mentre, per poter raggiungere il target del 27%, secondo lo Studio, è indispensabile pensare a una regolamentazione unica, che permetterebbe a tutti i paese di beneficiare in maniera più ampia di elementi utili per la diffusione delle energie rinnovabili.

 

Il Report per spiegare l’importanza delle tecnologie di scala propone due esempi:

1. I prezzi delle batterie di stoccaggio continuano a diminuire mentre la loro capacità è in continuo miglioramento, gli impianti di stoccaggio passeranno secondo le previsioni dai 400 Mw/h del 2015 a 50 Gw/h nel 2025. Equivalgono a un fabbisogno di 800.000 case in Germani per 1 settimana. Diminuendo notevolmente il fattore di rischio legato alla scarsa prevedibilità delle fonti rinnovabili, fotovoltaico ed eolico in particolare.

Miglioramento della capacità di stoccaggio eolico e fotovoltaico in Europa entro il 2025

 

2. Il prezzo medio dei pannelli solari dal 2010 ad oggi è crollato dell’80%. E potrebbe scendere ulteriormente.

 

Lo Studio segnala inoltre che, grazie alla decentralizzazione dei sistemi energetici, i privati giocheranno un ruolo sempre più da protagonisti legato alla crescita degli impianti domestici. Potenzialmente, sottolinea Paolo Massardi, Senior Partner di Roland Berger Italia, 450 milioni di consumatorinella UE a 27 paesi, esclusi gli UK, potrebbero diventare prosumer, ovvero produttori oltre che consumatori di energia, stimolando investimenti di sistema, per la produzione, il trasporto, la distribuzione e lo stoccaggio dell'energia.

 

Il mercato dello stoccaggio è in costante crescita e offre interessanti opportunità per le imprese, stanno infatti nascendo nuove aree di business e nuovi interessanti servizi.

Le imprese dovranno essere capaci di cogliere queste opportunità collaborando con start-up, università e istituti di ricerca, creando sinergie capaci di sostenere lo sviluppo di tecnologie innovative al passo con le possibilità che offre il mercato delle rinnovabili.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
19/04/2018

Corrono gli investimenti nelle rinnovabili

Presentato l’Irex Annual Report: nel 2017 13,5 miliardi di investimenti nelle rinnovabili, per una potenza di 13,4 GW, soprattutto all’estero.     Nel 2017 gli investimenti in rinnovabili tra Italia e, soprattutto, estero hanno ...

17/04/2018

Forum mondiale per la forestazione urbana

Le foreste urbane e le infrastrutture verdi possono fornire un contributo fondamentale alla progettazione sostenibile: a Mantova la prima edizione del World Forum on Urban Forests        Dal 28 novembre al 1 dicembre Mantova ...

13/04/2018

21 maggio 2017: l'87% dei consumi elettrici coperti da rinnovabili

Nel 2017 crescono i consumi di energia, calano leggermente le emissioni di CO2, prezzi in discesa e rinnovabili ai massimi storici. Il nuovo report Enea.     Pubblicata da Enea l'analisi trimestrale del sistema energetico italiano che si ...

12/04/2018

Risparmio energetico e riqualificazione edilizia a Klimahouse Toscana

Appuntamento a Firenze dal 13 al 15 aprile presso il Nelson Mandela Forum per approfondire le soluzioni e tecnologie a basso impatto ambientale per abitazioni confortevoli ed energeticamente efficienti     Si rinnova l'appuntamento a Firenze ...

11/04/2018

Soluzione innovativa di facciata per il risparmio energetico

Impianti di distribuzione integrati nella facciata degli edifici per la gestione del riscaldamento, raffrescamento e il ricambio d’aria: l'innovativa soluzione sviluppata da Eurac Research e l’azienda Stahlbau ...

05/04/2018

Dalle foglie che svolazzano nuova fonte di energia?

Dal passaggio tra luce e ombra che si crea al movimento delle foglie al vento si può generare energia pulita. I risultati di uno studio della Linköping University     In futuro potrebbe essere possibile raccogliere energia con ...

04/04/2018

Normativa comunitaria su emissioni di CO2 dei mezzi pesanti

La Commissione accoglie con favore l'ambizioso accordo raggiunto per la prima volta con il Parlamento Europeo sulla legislazione dell'UE in materia di monitoraggio e comunicazione delle emissioni di CO2 dei veicoli pesanti       I ...

29/03/2018

Le città galleggianti possono salvare gli oceani

La prima città galleggiante potrebbe diventare presto realtà: energeticamente autosufficiente, 100% rinnovabile e rispettosa dell’ambiente marino. Sorgerà a circa un km dalla riva all’interno di una meravigliosa laguna ...