IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Cos’è il metodo LCA e la sua applicazione in edilizia

Cos’è il metodo LCA e la sua applicazione in edilizia

Il metodo LCA permette di valutare gli impatti ambientali con riferimento all’intero ciclo di vita di un prodotto o di un servizio. Nasce in ambito industriale, ma ha grandi potenzialità applicato nel settore edile, offrendo uno strumento completo per una progettazione e una costruzione consapevoli e più sostenibili.

 

Cos'è il metodo LCA e la sua applicazione in edilizia

 

La valutazione degli impatti ambientali di un prodotto o di un servizio può essere effettuata in diversi modi, ma molto spesso quando si ragiona rispetto a quale intervento sia opportuno sostenere per costruzioni più sostenibili, un metro di misura incisivo è ancora quello economico. È certamente fondamentale che edifici energeticamente efficienti e sostenibili siano accessibili a tutti e che gli investimenti in questo settore abbiano un ritorno veloce, ma in fase di valutazione e progettazione dovremmo dedicare molto impegno alle nostre decisioni e scegliere per un punto di vista il più ampio possibile. 

Cos’è il sistema LCA

Il sistema LCA – Life Cycle Assessment – prende in considerazione l’intero ciclo di vita di un prodotto o un servizio, valutandone energia e materia prima necessari all'intero ciclo di vita. Per questo motivo si usa dire “dalla culla alla tomba” o, in inglese, “from cradle to gate”. Si tratta, quindi, di una valutazione dell’impatto ambientale sulla base della quantità di energia e di materia necessarie per ogni fase di vita di quel prodotto o servizio. Sono presi in considerazione gli input, intesi come energia e risorse utilizzate, e gli output, cioè gli scarti e le immissioni nell’ambiente. Dal momento in cui è impossibile costruire qualcosa o offrire un servizio senza dissipare energia o produrre materiale di scarto – quindi rifiuti – è importante poter valutare l’impatto atteso e scegliere la soluzione più ecologica. Chiaramente si tratta di un modello che semplifica la complessità della realtà, ma rimane comunque uno degli strumenti più completi per poter ragionare sugli impatti e i rischi attesi.

 

Il metodo LCA valuta l'energia necessaria nell'intero ciclo di vita del prodotto

Il metodo LCA nel settore edilizio

Applicare il metodo LCA nel settore edilizio è certamente possibile e può portare ad un grado di conoscenza e consapevolezza importantissimo per una progettazione a basso impatto ambientale. La complicazione che sorge in questo settore dipende da una sua intrinseca caratteristica: l’unicità di ogni processo progettuale e di conseguenza di ogni costruzione. Inoltre, il sistema che si sviluppa è complesso poiché occorre fare una duplice valutazione: una in merito i prodotti edilizi e una sull’intero edificio. Ogni prodotto utilizzato per la realizzazione di un edificio è un elemento del sistema che comporta degli impatti ambientali dalla sua realizzazione fino al suo smaltimento, così come accade per l’intero sistema edificio.

Il pannello ECO ESPANSO® 100 di Isolconfort si caratterizza per il basso impatto ambientale di

L’analisi ed i controlli dello studio LCA effettuati sul processo produttivo di Isolconfort, hanno confermato il basso impatto ambientale di ECO ESPANSO® 100 e l’idoneità del suo utilizzo per il miglioramento del risparmio energetico degli edifici.

 

Se si vuole considerare l’analisi LCA come uno strumento di progettazione, è più semplice essere indirizzati nella scelta dei materiali da costruzione, delle tecniche costruttive, degli impianti da installare e nelle modalità di gestione e di demolizione dell’edificio. Si tratta, infatti, dei processi che contraddistinguono la vita di ogni edificio, ognuno dei quali con diversi impatti ambientali.

 

Il Metodo LCA è un valido strumento di progettazione edilizia

Le fasi di un’analisi con il metodo LCA

Il primo passo per lo svolgimento di un LCA è quello di stabilire gli obiettivi con cui lo si sviluppa, definendo un’unità funzionale, fondamentale per quantificare i flussi di energia. Si tratta di definire una prestazione di riferimento, un risultato atteso, per creare un sistema di riferimento che permetta la comparazione tra diversi prodotti. In questo modo si delinea il campo di applicazione del metodo LCA.

 

La fase successiva è quella dell’analisi dell’inventario, in cui si individuano tutti i processi oggetto di studio e si contabilizzano gli input e gli output (energia consumata, materie prime, emissioni, …). Quantificare i flussi richiede tempo e questa fase - cuore dell’intero sistema – può essere svolta con l’ausilio di specifici software.

 

Nella terza fase si procede con la valutazione degli impatti, durante la quale si rendono leggibili e sommabili tra loro i dati raccolti nell’inventario, in modo da poter aggregare tra loro impatti simili e ricorrere ad opportuni fattori di peso.

 

L’ultima fase è quella di analisi e interpretazione dei risultati, in relazione agli obiettivi che ci si era posti, effettuando confronti e individuando i maggiori impatti ambientali.

 

LCA – ciclo di vita di un edificio

Nell’immagine sono rappresentate le fasi principali del ciclo di vita di un edificio, dall’estrazione delle materie prime per la produzione dei materiali da costruzione, alla demolizione.

Riferimenti e linee guida

L’introduzione del LCA e le sue prime linee guida sono state introdotte dal SETAC agli inizi degli anni ’90 e oggi è possibile trovare riferimenti al metodo LCA, per quanto generici e non specifici del mondo delle costruzioni, nelle norme ISO 14000, che definiscono una serie di standard internazionali relativi alla gestione ambientale delle organizzazioni. Nello specifico, le 14040 sono dedicate alla valutazione del ciclo di vita dei prodotti

A cura di Arch. Gaia Mussi

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
21/02/2018

Cosa deve fare il prossimo Governo per l'ambiente

In vista delle elezioni del prossimo 4 Marzo Legambiente ha presentato ai candidati di tutte le forze politiche il proprio appello perché mettano in campo precise politiche a sostegno delle rinnovabili e della sostenibilità ambientale. Le ...

20/02/2018

Comuni in pista per la mobilità sostenibile

Firmato il protocollo di intesa “Comuni in pista - #Sullabuonastrada” tra Anci, Istituto per il credito sportivo e Federciclismo, a sostegno degli investimenti dei Comuni nelle piste ciclabili     Lo sviluppo sostenibile del ...

20/02/2018

L'UE può raddoppiare la quota di rinnovabili entro il 2030

Secondo un nuovo Studio presentato da Irena, l'UE potrebbe raddoppiare la quota delle energie rinnovabili nel suo mix energetico, a costi contenuti, passando dal 17% nel 2015 al 34% nel 2030     Da oltre due decenni i paesi dell'Unione europea ...

19/02/2018

In calo le rinnovabili a gennaio, tranne l'eolico

Scende a gennaio la domanda di elettricità in Italia, non bene le rinnovabili che comunque mantengono la produzione ai livelli di gennaio 2017. In forte crescita l'import 

Nel mese di gennaio 2018, secondo quanto rilevato da ...

19/02/2018

Interventi di rigenerazione urbana in Emilia

La Regione ha firmato un accordo con Fondazione sviluppo sostenibile per la riqualificazione efficiente delle aree urbane      Per contrastare i cambiamenti climatici e il surriscaldamento è necessario pianificare precisi ...

07/02/2018

I temi su cui costruire l’edilizia del futuro

Decarbonizzazione, digitalizzazione e industrializzazione del settore delle costruzioni: al via la Call for Speakers di REbuild 2018    REbuild è diventato in questi anni un importante momento di incontro e confronto tra i principali ...

06/02/2018

Il condominio efficiente e sostenibile? Si può

Legambiente ha presentato la nuova campagna CIVICO 5.0 dedicata all’efficienza energetica e alla sharing economy in condominio.   Come sappiamo in Italia il mercato della riqualificazione sta trainando il settore dell’edilizia, che ha ...

05/02/2018

Nel 2017 dalle rinnovabili più elettricità che dal carbone

In Europa lo scorso anno prodotta più energia da fotovoltaico, eolico e biomasse che dal carbone. Le emissioni di gas serra sono leggermente aumentate     Un recente Rapporto pubblicato dai due tink tank Agora Energiewende e Sandbag, ...