Infobuild
I portali esteri di Infobuild
Iscriviti alla newsletter
Riceverai gratuitamente tutte le informazioni su architettura sostenibile, risparmio energetico e fonti rinnovabili
IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Nasce il Coordinamento delle Associazioni delle rinnovabili termiche e dell’efficienza energetica (C.A.R.T.E.)

Nasce il Coordinamento delle Associazioni delle rinnovabili termiche e dell’efficienza energetica (C.A.R.T.E.)

Airu, Anest, Assolterm, Assotermica, Coaer, Consorzio GeoHP, Fiper, Itabia, Italcogen, Ugi, Associazione regionale consorzi forestali lombardi, Lombardy Energy Cluster, Amici della Terra, hanno costituito il Coordinamento delle Associazioni delle Rinnovabili Termiche e l'Efficienza energetica (C.A.R.T.E.), con l'obiettivo di promuovere iniziative finalizzate ad ottenere la necessaria attenzione al ruolo delle rinnovabili termiche nelle politiche italiane di promozione delle fonti rinnovabili e dell'efficienza energetica. Il coordinamento inoltre si prefigge di sostenere l'attivazione dei diversi strumenti utilizzabili nell'intervento pubblico per le rinnovabili termiche: incentivazione, regolazione, informazione e sviluppo del monitoraggio statistico di un settore dei consumi di energia poco conosciuto.

"Il varo degli schemi di decreti ministeriali in attuazione del Decreto legislativo 28/2011 - si legge nel comunicato - conferma, nonostante alcuni lodevoli propositi espressi, che la politica del governo di attuazione della direttiva 2009/28/CE continua a relegare nella marginalità il ruolo delle fonti rinnovabili termiche (solare termico, biomasse, geotermia, pompe di calore, biometano). Ancora una volta vengono compiute scelte che allocano nuove importanti risorse a carico delle tariffe senza un'analisi costi/benefici contestuale rispetto alle scelte di incentivazione per le Fer termiche e l'efficienza energetica come correttamente previsto dalla direttiva 2009/28/CE".

Tale problematica è stata recentemente evidenziata anche a livello di UE dal comunicato congiunto:"Energy roadmap 2050: né caldo né freddo?, con il quale le principali associazioni europee delle filiere economiche connesse all'utilizzo delle rinnovabili termiche hanno richiamato l'attenzione su una realtà che è stata definita il gigante dormiente delle rinnovabili, le cui potenzialità continuano ad essere ignorate.

"In questi anni - continua il comunicato - l'Italia è riuscita a produrre energia elettrica da fonti rinnovabili con tassi di crescita estremamente interessanti. L'emergenza gas dello scorso febbraio mostra che la stessa attenzione e programmazione va posta allo sviluppo delle Fer termiche e agli interventi di efficienza energetica per: sviluppare e consolidare la produzione di calore e raffreddamento da fonti rinnovabili; far fronte ai cambiamenti climatici in atto; ridurre la dipendenza nell'approvvigionamento di combustibili esteri.
Incentivare la crescita e le aziende competitive del made in Italy, come recentemente affermato dal Ministro Passera al Salone del Mobile, si traduce nel rilanciare il settore della green economy e, in particolare, delle energie rinnovabili. Si ribadisce, a tal fine, l'urgenza di recuperare il ritardo nella definizione di una politica chiara e condivisa per la produzione di calore e raffreddamento da fonti rinnovabili che valorizzi la specificità di queste tecnologie, che hanno differenziali di costo inferiori rispetto ad altre soluzioni, richiedono misure di incentivazione ridotte per il sistema paese, ma soprattutto necessitano di un miglior accesso al credito.

Con le rinnovabili termiche e l'efficienza  si può andare oltre l'obiettivo minimo obbligatorio del 17%, riducendo i costi dell'incentivazione e aumentando la ricaduta sull'economia italiana. Per fare questo è necessario rielaborare il PAN portando l'obiettivo 2020 al 20% con un approccio globale e non con fughe in avanti, come l'incomprensibile annuncio dell'innalzamento del obiettivo del solo settore elettrico.

Per i regimi di incentivazione per le Fer termiche si ritiene indispensabile la definizione di una quadro di misure stabili con orizzonte 2020 a partire da i nuovi contributi per i piccoli interventi, la riforma dei TEE, dall'istituzione del fondo di garanzia per gli investimenti nelle reti di Teleriscaldamento, dalla stabilizzazione dei regimi di agevolazione fiscale e il coordinamento con i sistemi di incentivazione regionale.

Una buona regolazione può accelerare anche senza costi la penetrazione delle Fer termiche semplificando i regimi autorizzativi, (DM posa sonde geotermiche), rafforzando gli obblighi per gli edifici, e definendo  standard tecnici equilibrati.
La diffusione delle FER termiche può avere, inoltre un grande sviluppo anche tramite politiche di informazione rivolta alle imprese e alle famiglie".

Per presentare le proprie proposte il Coordinamento delle Associazioni delle Rinnovabili Termiche e l'Efficienza energetica (C.A.R.T.E.) ha chiesto al Presidente Monti e ai Ministri competenti (Sviluppo economico, Ambiente e Politiche agricole) un incontro e l'apertura di un tavolo di lavoro per la definizione dei Decreti Ministeriali attuativi del D.lgs. n. 28/2011 per le rinnovabili termiche e l'efficienza energetica.

TEMA TECNICO:

Solare termico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
31/08/2015

Finestre fotovoltaiche grazie a un nuovo tipo di concentratori solari luminescenti

Il team di ricerca del Dipartimento di Scienza dei Materiali dell’Università di Milano-Bicocca coordinato dai professori Francesco Meinardi e Sergio Brovelli, in collaborazione con il gruppo guidato da Victor I. Klimov del Los Alamos National ...

Finestre fotovoltaiche grazie a un nuovo tipo di concentratori solari luminescenti
23/07/2015

Impianti termici ed etichettatura: regolamenti dettati dall'UE

Sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea L193 del 21 Luglio 2015 alcuni dei regolamenti che sono stati adottati dalla commissione europea inerenti alla progettazione ecocompatibile e all'etichettatura di stufe, caldaie e pannelli ...

Bandiera UE
15/06/2015

A Trieste un impianto dimostrativo per testare la tecnologia del solar cooling

La tecnologia del solar cooling, che rientra tra quelle annoverabili nel Conto Termico, abbina il raffrescamento degli ambienti alla produzione di acqua calda sanitaria e permette di produrre il freddo a partire dall’energia termica, riducendo ...

A Trieste un impianto dimostrativo per testare la tecnologia del solar cooling
26/02/2015

Stratos, sistema termico solare di nuova generazione

Stratos, brevettato da Cordivari, è un sistema termico solare a circolazione naturale per la produzione di acqua calda sanitaria, installabile su tetti a falda o piani. Rispetto ai sistemi tradizionali non ha bollitori ma l'acqua circola all'interno ...

Stratos, sistema termico solare di nuova generazione
11/02/2015

Nuove misure del MISE per favorire l'accesso agli incentivi del Conto Termico

Il Ministero per lo Sviluppo Economico informa che è aperta fino al 28 febbraio 2015 la consultazione pubblica sulle nuove misure che MISE e Ministero dell’Ambiente intendono attuare  per la semplificazione e il potenziamento del conto ...

Nuove misure del MISE per favorire l'accesso agli incentivi del Conto Termico
12/01/2015

Efficienza energetica e fonti rinnovabili: approvazione delle tariffe dal GSE e dal Ministero

A seguito della pubblicazione del Decreto Legge n.91/2014 (coordinato poi con la Legge 11 agosto 2014, n.116), che all'art. 25, comma 1 ha previsto che gli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di ...

Tariffe del GSE
02/10/2014

Entro il 2050 il solare potrebbe diventare la prima fonte di energia

Due studi dell'Agenzia Internazionale per l'Energia (Aie) prevedono che entro il 2050 il solare potrebbe rappresentare  la più grande fonte mondiale di energia elettrica, davanti alle fonti fossili, all'eolico, l'idroelettrico e il nucleare, ...

AIE: Entro il 2050 il solare potrebbe diventare la prima fonte di energia
15/05/2014

Gruppo Banca Sella, impianto fotovoltaico e termico per produrre energia pulita

Il Gruppo Banca Sella, coerentemente con l’attenzione ad ambiente ed eco sostenibilità ha dotato due delle proprie sedi di un impianto fotovoltaico e un solare termico, entrambi forniti e installati da Punto Fotovoltaico – La Casa delle ...

Gruppo Banca Sella, nuovo impianto fotovoltaico a Biella per produrre energia pulita
Partnership