IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Il Politecnico di Torino firma un progetto sostenibile per le Olimpiadi della Cina

Il Politecnico di Torino firma un progetto sostenibile per le Olimpiadi della Cina

Il Politecnico di Torino realizza “Il Parco Dora di Shougang” una delle sedi che ospiteranno le olimpiadi invernali del 2022 in Cina, progetto sostenibile e a “zero consumo di suolo”.

 

Il Politecnico di Torino firma un progetto sostenibile per le Olimpiadi cinesi

 

Nasce dalla riqualificazione sostenibile della ex Fabbrica di Ossigeno il progetto “Il Parco Dora di Shougang” realizzato dal Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino, in collaborazione con i Dipartimenti di Ingegneria Strutturale (DISEG) e di Energia (DENERG), che diventerà una delle sedi olimpiadi invernali del 2022 in Cina.

 

Tsinghua University, che è responsabile dell’intero Masterplan dell’area, ha coinvolto il Politecnico, con cui collabora da oltre 10 anni, nella progettazione del Centro Spettatori dell’area di Shougang, sede della disciplina del Big Air.

 

I committenti si sono affidati alla competenza del Politecnico negli interventi di riqualificazione industriale, tanto che il nome attribuito al progetto “il Parco Dora di Shougang” fa riferimento alle similitudini con la realizzazione di un grande parco al posto delle fabbriche lungo le sponde della Dora, realizzato appunto dal Politecnico. 

Progetto della Fabbrica di Ossigeno

La struttura sorge in una zona oggetto di un importante intervento di riqualificazione a ovest della capitale cinese, vicino alle montagne, nell’area dell’ex Acciaieria di Stato di Shougang, un impianto che si sviluppa su un’area molto estesa di circa 9 milioni di metri quadrati (tre volte l’intera area di FIAT Mirafiori). E’ stata dismessa prima delle Olimpiadi del 2008, a causa dell’eccessivo inquinamento e congestione.

 

Il Politecnico di Torino firma un progetto sostenibile per le Olimpiadi cinesi

 

Il progetto di recupero si sviluppa su 9000 metri quadrati di nuova superficie, il Politecnico ha previsto di realizzare una struttura che rispettasse la connotazione originaria della Fabbrica, considerando la sua nuova funzione sia per i giochi olimpionici che per un successivo utilizzo.

 

Coerentemente con la filosofia alla base dei Giochi olimpici cinesi, centrata sul riuso e lo “zero consumo di suolo”, molta attenzione è stata posta a tutti gli aspetti di sostenibilità ed efficienza energetica.

 

Al piano terra la struttura che è introdotta da un grande parco, ospita uno spazio pubblico coperto, che si può percorrere in ogni direzione e che ha l’obiettivo di coinvolgere il pubblico nel piacere delle esperienze sportive e competitive in maniera sana.

 

Il primo piano, in cui si trovano gli uffici e il centro di ricerca, è architettonicamente caratterizzato dai due grandi volumi di vetro che “galleggiano” sopra il playground, dentro lo scheletro strutturale della fabbrica.

 

Sul tetto sorgono alcune piccole club-house che regalano un’esperienza unica agli ospiti che potranno godere di un meraviglioso paesaggio da una posizione privilegiata, verso l’area di gara e il panorama del fiume e delle montagne.

 

La costruzione partirà dalla primavera 2019 e dovrebbe concludersi a fine 2020 in occasione del “test-event”.

 

In collaborazione con l’Ambasciata d’Italia e la Camera di Commercio Italiana in Cina, il Politecnico promuove per la realizzazione del progetto l’uso di materiali e tecnologie italiane.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
18/07/2018

L’arcipelago di Vega, patrimonio Unesco, ospita il suo primo centro per visitatori

La prossima primavera si inaugura il centro visite del sito Unesco dell’Arcipelago Vega. Una struttura sobria, elegante, realizzata con materiali robusti e naturali. Un manifesto della cultura popolare norvegese, incastonato in un paesaggio ...

13/07/2018

Vivere e lavorare in un edificio BIO in legno

Il titolare dell’Azienda Agricola Debiasi ha affidato a Vario Haus la realizzazione di un edificio totalmente sostenibile, che ospita l’abitazione, il laboratorio e il punto vendita     Stefano Debiasi, titolare dell’omonima ...

12/07/2018

Casa G a energia quasi 0 realizzata in bioarchitettura

Dalla riqualificazione di un rustico di fine 800 Tiziana Monterisi Architetto ha realizzato a Moneglia un’abitazione Nzeb utilizzando esclusivamente materiali naturali e spesso poco sfruttati in edilizia quali paglia di riso, argilla, cocciopesto e ...

29/06/2018

Un edificio in sinergia con la lussureggiante natura canadese

Il progetto dell'Audain Art Museum di Patkau Architects insignito del RIBA International Prize 2018, un edificio in vetro e legno immerso nella natura   a cura di Fabiana Valentini     Un edificio di design immerso nella natura e custode ...

27/06/2018

Occitanie Tower, la torre di 40 piani con la spirale verde

Nella zona est di Tolosa sorgerà il primo grattacielo della città. Con i suoi 150 metri di altezza, l’edificio avrà una forma a spirale interrotta solo da un giardino pensile continuo che contrasta con il colore silver delle ...

25/06/2018

A Vancouver il grattacielo di legno più alto al mondo

L’archistar Shigeru Ban firma Terrace House, ambizioso progetto eco-friendly a Vancouver: un grattacielo ibrido di 71 metri in legno, vetro e acciaio   a cura di Fabiana Valentini     Le città del futuro saranno sempre ...

11/06/2018

Ecolibera, un nuovo progetto immobiliare che fa risparmiare

Ecolibera è un concetto di casa come organismo autosufficiente, capace di sfruttare il sole per produrre energia domestica e per la mobilità elettrica, cibo e acqua calda necessari al supporto vitale di chi la abita. Ecolibera è la tappa ...

21/05/2018

Una Smart arena per il nuovo stadio del Cagliari

Una struttura smart perfettamente integrata nell’ambiente che include spazi multifunzionali ed è caratterizzata da una forte flessibilità e sostenibilità   a cura di Silvia Giacometti     Interessante ...