Infobuild
I portali esteri di Infobuild
Iscriviti alla newsletter
Riceverai gratuitamente tutte le informazioni su architettura sostenibile, risparmio energetico e fonti rinnovabili
IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Rendimento energetico degli edifici: Italia deferita alla Corte di giustizia

Rendimento energetico degli edifici: Italia deferita alla Corte di giustizia

La Commissione europea ha deciso di deferire l'Italia alla Corte di giustizia Ue per non essersi pienamente conformata alla direttiva 2002/91/Ce sul rendimento energetico nell'edilizia, che nel frattempo è stata rifusa nella 2010/31/UE.

La normativa italiana risulta non essere conforme alle disposizioni relative agli attestati di rendimento energetico. Inoltre le autorità italiane non hanno ancora comunicato le misure di attuazione relative alle ispezioni dei sistemi di condizionamento d'aria.

La direttiva prevede che in fase di costruzione, compravendita o locazione di un edificio, l'attestato di certificazione energetica sia messo a disposizione del proprietario o che questi lo metta a disposizione del futuro acquirente o locatario.
Attestati e relative ispezioni devono essere rispettivamente compilati ed eseguiti da esperti qualificati e/o accreditati.

Attualmente la direttiva italiana non prevede questo requisito per tutti gli edifici e comprende deroghe all'obbligo di certificazione da parte di un esperto che non sono previste nella direttiva.
Per quanto riguarda i sistemi di condizionamento d'aria, la direttiva prevede ispezioni periodiche che contemplino una valutazione dell'efficienza del sistema e del suo dimensionamento, corredata da raccomandazioni in merito ai possibili miglioramenti.
Le autorità italiane finora non hanno notificato alcuna misura attuativa di questa disposizione.

Un po' di storia
A norma della direttiva 2002/91/Ce del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2002, sul rendimento energetico nell'edilizia, gli Stati membri devono applicare una metodologia di calcolo del rendimento energetico di tutti i tipi di edifici. Gli Stati membri devono inoltre assicurare la certificazione del rendimento energetico degli edifici e prevedere ispezioni periodiche di caldaie e sistemi di condizionamento d'aria.
Nel 2006 è stato avviato un procedimento di infrazione nei confronti dell'Italia per recepimento incompleto e non corretto della direttiva. Nonostante diverse lettere di costituzione in mora e pareri motivati inviati alle autorità italiane, la normativa continua a non essere conforme alla direttiva.
 
Fonte Europarlamento24.eu

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
16/07/2015

Efficienza energetica e APE, pubblicati in Gazzetta i tre nuovi decreti

I tre decreti che completano il recepimento della Direttiva Europea 31/2010/UE e quindi la Legge 90/2013, inerenti all'efficienza energetica degli edifici, sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n.162 del 15 Luglio 2015.   Decreto 26 ...

APE 2015
09/07/2015

Si semplifica la Direttiva Tecnica CasaClima per la certificazione energetica

Dal 1° luglio entra in vigore la versione aggiornata e semplificata della Direttiva Tecnica CasaClima, strumento operativo che definisce la documentazione necessaria, i requisiti e le modalità di calcolo per ottenere la certificazione energetica di ...

Si semplifica la Direttiva Tecnica CasaClima
29/06/2015

Riqualificazione sostenibile e Cerificazione LEED per Palazzo Ricordi

Palazzo Ricordi, costruito nel 1880 grazie all’Opera Pia Borella in via Berchet 2, e divenuto nel 1920 sede dalla Società Ricordi, è stato oggetto di un intervento di riqualificazione sostenibile, grazie a ...

Riqualificazione sostenibile e Cerificazione LEED per Palazzo Ricordi
19/06/2015

APE: nuovo slittamento al 1 Ottobre?

Dopo lo slittamento dei giorni scorsi dal 1° Luglio al 1° Agosto, l’entrata in vigore del nuovo Attestato di Prestazione Energetica - APE sembra essere posticipata ulteriormente al 1° Ottobre. La proposta, avanzata all’inizio di ...

APE
20/03/2015

Accreditato il software ANIT per l'analisi del fabbisogno energetico degli edifici

ANIT rientra nell’elenco delle software-house accreditate dal CTI (Comitato termotecnico italiano) per aver sviluppato un software per l’analisi del fabbisogno energetico degli edifici, come previsto dalle Norme UNI TS 11300, necessario per ...

Accreditato il software ANIT per l'analisi del fabbisogno energetico degli edifici
16/03/2015

Dal 2016 obbligo di certificazione per chi esegue diagnosi energetiche

Gli Esperti in gestione dell’energia (Ege) sono soggetti che hanno le conoscenze, l’esperienza e la capacità necessarie per gestire l’uso dell’energia in modo efficiente; le competenze sono più ampie e al tempo stesso ...

Dal 2016 obbligo di certificazione per chi esegue diagnosi energetiche. IMQ accreditato
09/02/2015

Nuovo sistema di certificazione e sostenibilità ambientale in Lazio

La Regione Lazio ha presentato un nuovo strumento, basato sul protocollo Itaca, per promuovere e incentivare la sostenibilità energetico-ambientale nella progettazione e realizzazione di opere pubbliche e private, che prevede anche la regolamentazione, ...

Nuovo sistema di certificazione e sostenibilità ambientale in Lazio
07/01/2015

In Italia più di 3,5 milioni di abitazioni con certificazione energetica

Il Comitato Termotecnico Italiano (CTI) ha presentato al Mise il Rapporto 2014 sullo Stato di Attuazione della Certificazione Energetica degli Edifici, relativo ai risultati conseguiti nel 2013. Rispetto al precedente Rapporto sono stati introdotti degli ...

In Italia più di 3,5 milioni di abitazioni con certificazione energetica
Partnership