Advertisement

3,5 milioni di impianti termici attivi in Lombardia

Sono oltre 3,5 milioni gli impianti termici attivi in Lombardia, alimentati nel 90% dei casi  da gas naturale distribuito tramite rete, per la quasi totalità di tipo autonomo e con una potenza inferiore ai 35 kW. 2 impianti su 3 rispettano l’obbligo biennale di registrazione di avvenuta manutenzione al CATASTO UNICO REGIONALE degli IMPIANTI TERMICI (CURIT).

 

Tra le province con il maggior numero di impianti termici attivi ai primi posti risultano Milano (702.263), Brescia (501.490) e Varese (458.370), mentre gli impianti termici centralizzati sono maggiormente localizzati nelle città più popolose.

E’ quanto emerge dai dati pubblicati nel nuovo portale di CURIT – CATASTO UNICO REGIONALE IMPIANTI TERMICI, che conta circa 11.400 manutentori registrati e coinvolge in totale quasi 16.000 operatori del settore.

Il portale risulta arricchito, oltre che di una nuova veste grafica, anche di nuovi servizi dedicati ai cittadini, Enti locali e operatori del settore oltre che di una sezione informativa contenente gli indicatori più significativi del parco impianti termici per il riscaldamento delle abitazioni  della Lombardia.

I dati presenti in CURIT fotografano il numero e l’evoluzione del parco impianti sul territorio regionale in termini di prestazioni energetico-ambientali, tipologia di combustibile utilizzato, vetustà e taglia degli apparecchi; è possibile altresì accedere liberamente ai dati relativi alla distribuzione provinciale e comunale degli impianti attivi sul territorio regionale.  

Esempio unico in Italia nel suo genere, CURIT è stato istituito nel 2008 da Regione Lombardia e sviluppato da Finlombarda con l’obiettivo di rispondere al meglio alle esigenze di quanti sono interessati ad acquisire informazioni sugli impianti di climatizzazione e sulle soluzioni più efficaci per il risparmio energetico.

Tra i servizi messi a disposizione dal nuovo portale, si ricordano l’accesso agli elenchi dei tecnici registrati per poter scegliere l’installatore o il manutentore più vicino a casa e il controllo dei dati della propria caldaia presenti all’interno del Catasto.

 

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Sostenibilità e Ambiente

Le ultime notizie sull’argomento