4 milioni di euro per la riqualificazione efficiente degli edifici in Molise

Razionalizzazione dell’uso delle fonti energetiche sugli edifici pubblici

La Giunta regionale del Molise ha approvato un avviso pubblico per un importo complessivo di 4 milioni di euro, rivolto alle amministrazioni comunali e agli enti pubblici, per il finanziamento di progetti finalizzati a rendere energeticamente più efficienti gli utilizzi degli stabili pubblici e le utenze energetiche. Il presidente della Regione Molise, Paolo di Laura Frattura ha spiegato: “Pubblichiamo un avviso che va nella direzione per il nostro governo regionale prioritaria di conseguire una maggiore autonomia energetica regionale e una migliore sostenibilità ambientale, attraverso la razionalizzazione dei consumi energetici e la valorizzazione delle fonti rinnovabili”.

L’avviso pubblico prevede due categorie, la prima (A) destinata al risparmio energetico negli edifici pubblici. Le agevolazioni sono concesse nella seguente forma: il 30% a titolo di contributo alla spesa (da non rimborsare); il 70 per cento a titolo di prestito soggetto a restituzione senza interessi. Il prestito sarà erogato a valere sul Fondo rotato per l’efficienza energetica.

Potranno essere proposti interventi riguardanti:
a) interventi sull’involucro degli edifici, finalizzati alla riduzione della trasmittanza termica degli elementi costituenti l’involucro;
b) opere di ristrutturazione(sostituzione di impianti generali e/o di riscaldamento e raffrescamento convenzionali;
c) caldaie ad alta efficienza energetica, anche alimentate da biomassa;
d) impianti di cogenerazione ad alto rendimento e/o di impianti di teleriscaldamento;
e) pompe di calore;
f) realizzazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili;
g) redazione della diagnosi energetica con previsione della collocazione post-intervento degli edifici interessati in una classe energetica adeguata;
h) certificazione energetica degli edifici interessati dagli investimenti.
L’investimento non può riguardare interventi appartenenti alle sole classi di cui alle lettere g) e h), può essere composto da uno o più interventi e può riguardare uno o più edifici. Non può inoltre avere un costo complessivo inferiore a 40 mila euro e superiore a 699.999 euro.

La categoria B è mirata al risparmio energetico su pubblica illuminazione e all’efficientamento energetico del ciclo integrato dell’acqua. Le agevolazioni sono concesse interamente nella forma di contributo alla spesa (da non rimborsare).
Possono essere proposti interventi riguardanti:
a) risparmio energetico su pubblica illuminazione;
b) efficientamento energetico del ciclo integrato dell’acqua.
L’investimento complessivamente proposto può essere composto da uno o più interventi e non può avere un costo complessivo inferiore a 40 mila euro e superiore a 499.999,99 euro.
Gli interventi proposti nell’ambito della categoria B non possono presentare cronoprogrammi eccedenti la seguente tempistica: realizzazione e rendicontazione finale entro e non oltre il 20 dicembre 2015; funzionalità dell’intervento e uso entro e non oltre il 31 dicembre 2016.
Non saranno considerati ammissibili gli interventi che complessivamente comportino un parametro di risparmio energetico annuo inferiore a 0,043 tep per ogni mille euro di investimento.

Le risorse saranno assegnate mediante procedura valutativa con procedimento “a sportello”. La valutazione delle domande di agevolazione si effettuerà secondo l’ordine cronologico di presentazione delle stesse, a prescindere dalla categoria di candidatura prescelta, nonché secondo le soglie e le condizioni stabilite dal bando.
Per entrambe le categorie, le agevolazioni possono coprire fino al 100 percento del costo dell’investimento.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Sostenibilità e Ambiente

Le ultime notizie sull’argomento