Bando in Toscana per l’efficienza energetica degli immobili

C’è tempo fino al 28 febbraio 2018 per partecipare al bando per i progetti di efficientamento energetico degli immobili delle imprese

Pubblicato un bando in Toscana per interventi di efficienza energetica nelle imprese

Nell’ambito del Programma operativo regionale FESR 2014/2020, la Toscana ha pubblicato il nuovo bando 2017 Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili sedi di imprese (piccole, medie o grandi), a sostegno degli interventi di efficientamento energetico degli immobili delle aziende.

Il bando, che ha una dotazione finanziaria di 3 milioni 200 mila euro, prevede l’allocazione in via prioritaria di 500 mila euro, fino a esaurimento, a favore di progetti di efficientamento energetico delle imprese aventi sedi operative esistenti nei Comuni del Parco Agricolo della PianaFirenze, Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Signa, Calenzano, Prato, Poggio a Caiano e Carmignano.

Ogni impresa può presentare fino a 3 domande, ognuna di queste deve interessare solo una singola unità locale o sede operativa esistente consistente in un singolo edificio. E’ possibile inviare la documentazione solo online, previa registrazione sul sito di Sviluppo Toscana spa, accedendo alla piattaforma bandi fino alle ore 17.00 del 28 febbraio 2018.

Gli interventi ammissibili riguardano l’isolamento termico di strutture orizzontali e verticali; la sostituzione di serramenti e infissi; la sostituzione di impianti di climatizzazione; la sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore o a collettore solare per la produzione di acqua calda, i sistemi intelligenti per automazione, controllo e illuminazione, sistemi di climatizzazione passiva e impianti di cogenerazione o trigenerazione.

A questi si possono aggiungere gli interventi che riguardino l’installazione di sistemi rinnovabili per la produzione di energia termica ed elettrica finalizati all’autoconsumo: solare termico, fotovoltaico, geotermico e impianti di teleriscaldamento.

Saranno ammesse le domande che prevedano almeno un progetto che permetta una quota di risparmio energetico rispetto ai consumi di energia primaria, ante- intervento maggiore o uguale al 10%.

Sono ammissibili le spese sostenute a partire dal 26 aprile 2016.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Efficienza energetica, Incentivi e finanziamenti agevolati

Le ultime notizie sull’argomento