Efficienza energetica: è legge il decreto incentivi

E` stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 25 maggio 2010 la Legge n. 73 del 22 maggio 2010 di conversione del DL n. 40/2010.
Tra le novità introdotte, relative alle agevolazioni previste dal DL 40/2010 nel settore dell'edilizia, viene segnalata l'estensione delle agevolazioni anche al patrimonio immobiliare esistente ed all'acquisto di gru a torre tramite locazione finanziaria.
In particolare all'articolo 4 è stato inserito il comma 1-bis che riconosce il contributo per l'acquisto di gru a torre anche nel caso di acquisto tramite locazione finanziaria previa rottamazione (secondo le modalità stabilite dall'articolo 2, comma 1, lettera m, del decreto del Ministro dello sviluppo economico 26 marzo 2010, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 79 del 6 aprile 2010) e che il certificato di rottamazione deve essere prodotto a cura dell`acquirente, ovvero del conduttore nei casi di acquisto tramite locazione finanziaria.
Per quanto riguarda l'estensione al parco immobiliare esistente, il DL 40/2010 in realtà non esplicitava i settori interessati ma fissava solo l'ammontare del fondo (in totale 300 milioni di Euro), rimandando ad un successivo decreto l'individuazione dei settori, il relativo riparto del fondo e le condizioni di accesso agli incentivi.
Tra i settori agevolati il decreto del Ministro del 26 marzo scorso ha assegnato 60 milioni di euro per contributi a favore dell'acquisto di nuovi immobili con particolari caratteristiche di efficienza energetica.
Lo stesso Ministero aveva ribadito che gli incentivi si applicano esclusivamente a nuovi immobili, così come definiti dal D.lgs 192/05 ovvero quelli la cui domanda di rilascio del permesso di costruire è stata presentata dopo l'8 ottobre 2005 (il decreto 26 marzo cita esplicitamente il D.lgs 192/05 ai fini dell'applicazione dei contributi all'acquisto, comportando quindi l'applicazione di tutte le previsioni e definizioni del detto decreto), ricomprendendo le situazioni di demolizione e ricostruzione.
Pertanto per dare attuazione all'estensione dei contributi degli incentivi agli immobili esistenti, sarebbe necessario un nuovo decreto ministeriale per la definizione delle modalità di concessione di contributo e l'indicazione del fondo da cui attingere.
Il Ministero ha comunicato che, dall'avvio degli incentivi, sono già esauriti gli stanziamenti per l'acquisto di motocicli, motori e scafi nautici, macchine agricole e movimento terra.
 
Fonte www.ance.it

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Normativa

Le ultime notizie sull’argomento