Advertisement

Entro il 2030 l’energia eolica potrebbe produrre il 20% di elettricità

Rapporto GWEC e Greenpeace International: dopo qualche anno di stallo la capacità eolica potrebbe aumentare di quasi sette volte entro il 2030, arrivando a 2.000 GW di installato

Greenpeace International e Global Wind Energy Council (GWEC) hanno pubblicato lo studio biennale Global Wind Energy Outlook 2014 dedicato alla situazione del settore eolico e alle prospettive future.
Le previsioni evidenziano che, dopo qualche anno difficile, entro la fine del 2030, nell’ipotesi più ottimistica tra le tre presentate, l’eolico potrebbe crescere di circa sette volte, arrivando a soddisfare quasi il 20% della domanda di energia elettrica e raggiungendo un totale di più di 2.000 GW.

Alla fine del 2013 l’eolico ha segnato una capacità totale installata di 318 GW, fornendo attorno al 3% di eneregia elettrica mondiale e, sottolinea lo studio,  la crescita del settore negli ultimi anni è stata piatta – circa 40 gigawatt all’anno – a causa della crisi economica, la bassa crescita nei paesi ricchi, e l’instabilità politica. Per l’anno in corso si prevede un incremento di altri 45 GW, in futuro le installazioni potrebbero arrivare a un massimo di 90 GW, secondo il più ottimistico dei 3 scenari presentati nello Sudio, che ipotizzano politiche moderate o più spinte proiettate negli anni 2020, 2030, 2050.

Sono diversi i segnali incoraggianti: il mercato eolico cinese ha registrato una forte crescita lo scorso anno e ha un grande potenziale. Il mercato statunitense è in ripresa. L’India, che ha un disperato bisogno di più energia elettrica, sta cominciando a guardare al vento. Secondo il Rapporto, le zone in cui il settore crescerà maggiormente sono Brasile in cui sono previsti quasi 4 GW di installazioni eoliche nel solo 2014, Messico, che grazie alla recente riforma energetica potrebbe diventare un  mercato da 2 GW l’anno e Sud Africa, che sta vivendo un periodo di sviluppo e potrebbe diventare il primo paese per la crescita dell’eolico in tutto il continente africano.

Steve Sawyer, CEO di GWEC, ha sottolineato:  “L’energia eolica è diventata l’opzione meno costosa ed i prezzi continuano a scendere. Data l’urgenza di ridurre le emissioni di CO2 e la continua dipendenza dai combustibili fossili importati, è assicurato il ruolo centrale dell’energia eolica per il futuro approvvigionamento energetico del mondo.”

Scarica il Global Wind Energy Outlook 2014

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Eolico

Le ultime notizie sull’argomento