Fotovoltaico: nel 2021 possibile record di 180 GW

IHS Markit segnala che nonostante gli ostacoli lungo la catena di fornitura e gli aumenti dei prezzi dei moduli, le installazioni solari nel 2021  potrebbero segnare il nuovo record di 180 GW, una crescita del 27%

Fotovoltaico: nel 2021 possibile record di 180 GW

Secondo un nuovo rapporto di IHS Markit, nel 2021 le installazioni di solare fotovoltaico dovrebbero registrare una crescita del 27% su base annua, il comparto a livello globale potrebbe infatti arrivare a 181 GW di nuova potenza installata. Nonostante l’aumento dei prezzi dei moduli e dei costi di trasporto, i lunghi tempi di consegna e le difficoltà lungo la catena di approvvigionamento, emerse già nel 2020 per alcuni componenti e materiali tra cui il polisilicio, il rame e l’acciaio, IHS Markit si aspetta che la domanda globale cresca fino alla seconda metà del 2021.

A partire dal secondo trimestre potrebbero invece diminuire i costi di alcune materie essenziali, come il vetro, ma l’impatto sui prezzi dei moduli sarà limitato dalla crescente domanda sia in Cina che nei mercati internazionali a partire da maggio.

Cina, Stati Uniti e India protagonisti del fotovoltaico

IHS Markit stima che la Cina continentale supererà i 60 GW di installazioni solari fotovoltaiche nel 2021, continuando la propria traiettoria di crescita. Il mercato statunitense installerà 27 GW. Per l’India ci si aspetta un’impennata nella domanda di moduli da agosto 2021 ad aprile 2022 periodo in cui saranno eliminati i dazi; nel corso dell’anno in India potrebbero essere installati fino a 12 GW.

In Europa non tutti i progetti pianificati per l’anno in corso saranno conclusi a causa dei rendimenti inferiori del previsto.
Nella fase odierna l’industria dei moduli appare molto attenta a redditività e leadership tecnologica.
I costi di trasporto e i tempi di consegna potrebbero porre ulteriori vincoli alle installazioni di fine anno.
La domanda di prodotti finiti e componenti è destinata ad aumentare nella seconda metà del 2021 con la riapertura delle economie europee e statunitensi.

“Anche se la domanda di moduli fotovoltaici crescerà a partire dal secondo trimestre del 2021, l’aumento dei tempi di consegna dovuto alle interruzioni delle spedizioni dalla Cina ai mercati d’oltremare potrebbe ancora limitare la corsa stagionale alle installazioni del quarto trimestre di quest’anno e far sì che alcune installazioni passino al 2022”, spiega Edurne Zoco, direttore esecutivo Clean Energy Technology di IHS Markit.

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia



Tema Tecnico

Solare fotovoltaico

Le ultime notizie sull’argomento