Il padiglione sostenibile MultiPly al Salone del Mobile

Il padiglione alto dieci metri a impatto ambientale zero realizzato in tulipier americano tra i protagonisti del FuoriSalone, dall’8 al 19 aprile nel cortile dell’Università degli Studi di Milano 

	Il padiglione sostenibile MultiPly al Salone del Mobile

 

Fra i principali eventi della settimana del design milanese dall’8 al 19 aprile, la mostra curata da Interni – Human Spaces trasformerà il cortile dell’Università degli Studi di Milano con speciali allestimenti in cui l’architettura è strutturata intorno ai bisogni dell’uomo e dell’ambiente.

 

Tra i progetti in mostra il padiglione in tulipier americano a impatto zero alto dieci metri MultiPly, già protagonista del London Design Festival 2018.

 

Sviluppato grazie alla collaborazione tra Waugh Thistleton Architects, American Hardwood Export Council (AHEC), ARUP e SEAM, con l’obiettivo di dare una risposta innovativa ed economicamente sostenibile alla crescente emergenza abitativa, legata anche al cambiamento climatico, il padiglione modulare è realizzato a strati incrociati in legno di latifoglia americano.

 

Come sappiamo una delle sfide più importanti che tutti noi dobbiamo affrontare è quella di rendere le città più resilienti: secondo le stime delle Nazioni Unite infatti se oggi il 55% della popolazione vive in città, questa percentuale è destinata a crescere sino al 68% entro il 2050.  L’impatto di questa rapida urbanizzazione, insieme a eventi meteorologici sempre più estremi ci obbliga a cercare soluzioni sostenibili e a basso impatto.

Multiply e i vantggi del tuliper

Il tuliper americano, oltre a essere uno dei legni di latifoglia americani più abbondanti, è un materiale particolarmente adatto per costruzioni sostenibili ed efficienti: oltre a essere facilmente disponibile, è versatile e carbon-negative.

 

Multiply, installazione modulare a impatto ambientale zero, alla Statale di Milano per il fuori salone

 

Mupliply, sottolinea David Venables, direttore europeo di AHEC, unisce design modulare e sostenibilità e dimostra che è possibile “costruire in massa, in legno, in modo modulare ed economico, soprattutto quando si hanno pannelli riutilizzabili”.

 

Il padiglione dalla struttura tridimensionale è formato da una serie di spazi connessi tra loro che si sovrappongono e si intrecciano, una sorta di labirinto che durante il giorno potrà essere attraversato e scoperto; di sera l’illuminazione studiata da SEAM coinvolgerà ed emozionerà i visitatori.

 

	Il padiglione sostenibile MultiPly al Salone del Mobile

 

Per la sua realizzazione sono stati utilizzati 16 moduli di tulipier lamellare a strati incrociati (CLT), per un totale di 40m3 di tulipier americano che immagazzinano l’equivalente di 28 tonnellate di anidride carbonica e vengono sostituiti velocementre attraverso una crescita naturale nell’intera foresta americana.

 

I 16 moduli sono facilmente smontabili e riconfigurabili per successivi utilizzi. Rispetto alla configurazione esposta a Londra, in questo caso, spiega Simon Bateman, ingegnere strutturale di ARUP, la base è più stretta, la struttura è più alta e maggiormente sottoposta al vento, quindi è stato necessario controllare con attenzione la stabilità.

 

“L’ambizione principale di questo progetto è discutere pubblicamente su come affrontare le sfide ambientali attraverso un modo di costruire innovativo e conveniente”, afferma Andrew Waugh, co-fondatore di Waugh Thistleton.

 

MultiPly 
dall’8 al 19 aprile cortile dell’Università degli Studi di Milano

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Sostenibilità e Ambiente

Le ultime notizie sull’argomento