La facciata termoattiva che riduce i consumi energetici

Samso si occuperà della riqualificazione degli edifici comunali del Comune di Certosa di Pavia: il primo intervento prevede l’applicazione di una facciata termoattiva che trasformerà la sede del Municipio in un edificio NZEB

La facciata termoattiva che riduce i consumi energetici installata nel municipio di Certosa di Pavia

La ESCo Samso si è aggiudicata una commessa da 1,8 milioni di euro per la realizzazione di interventi di riqualificazione efficiente di alcuni degli edifici comunali del Comune di Certosa di Pavia (PV), ovvero il Municipio, la sede della direzione e segreteria didattica, il nido d’infanzia, la scuola d’infanzia, primaria e secondaria di primo livello, oltre agli ambulatori medici. 

Samso anticiperà l’investimento che verrà poi recuperato grazie ai risparmi garantiti dagli interventi di efficientamento energetico, a carico del Comune non vi sarà alcun onere finanziario.

Il progetto parte da un interessante intervento di riqualificazione del Municipio che prevede l’applicazione  una innovativa facciata termoattiva che assicurerà la riduzione dell’80% dei consumi energetici e trasformerà il Comune in un un edificio NZEB, a consumo energetico pari quasi allo zero.

Igor Bovo, Amministratore Delegato di Samso Spa sottolinea che dagli interventi di riqualificazione deriveranno importanti vantaggi per l’ambiente, la salute e le bollette, con la previsione di ridurre circa 350 mila kg all’anno la CO2 immessa in atmosfera. 

Il progetto di riqualificazione con la facciata termo attiva

Gli interventi di retrofit energetico interesseranno principalmente l’involucro degli edifici senza impattare sulle attività quotidiane che si svolgono all’interno degli stessi.

La facciata termo attiva, che sarà applicata nella sede del Municipio e che prevede l’uso di intonaco termo attivo e una serpentina, si fonda sul principio di attivazione termica delle pareti dell’edificio, attraverso il riscaldamento e il raffrescamento delle superfici opache delle pareti esterne, e prevede l’uso del sole come fonte di energia rinnovabile e gratuita.

Il sistema sarà collegato all’impianto di pannelli solari installati sul tetto, l’energia prodotta da questi sarà indirizzata a una pompa di calore che attiverà il sistema di facciata termo attiva che, grazie al collegamento con centraline domotiche, potrà essere gestito anche da remoto.

L’intervento prevede inoltre la sostituzione dei serramenti con prodotti ad alte prestazioni e l’installazione di un sistema frangisole, con una parziale schermatura, per evitare l’irraggiamento diretto.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Sostenibilità e Ambiente

Le ultime notizie sull’argomento