Laboratorio a cielo aperto per testare innovative tecnologie rinnovabili

Al NOI Techpark i ricercatori di Eurac Research testano fotovoltaico e teleriscaldamento del futuro

I ricercatori di Eurac Research hanno realizzato un laboratorio a cielo aperto al NOI Techpark, parco tecnologico dell’Alto Adige, con l’obiettivo di testare le ultime tecnologie in tema di fotovoltaico e teleriscaldamento e avvicinare mondo della ricerca a quello delle aziende che potranno trovare in questo spazio le strutture più all’avanguardia per diventare sempre più competitive a livello internazionale.

In particolare sono previste due aree outdoor. La prima è il PV integration Lab in cui verranno testati i sistemi fotovoltaici integrati negli edifici. Il laboratorio comprende un modello di copertura basculante di 20m2 capace di inclinarsi fino a 60° e un modello di facciata 4×6 mt. Sono inoltre presenti due container attrezzati per testare impianti solari collegati a batterie.

L’altra area è l’Energy Exchange Lab, un laboratorio in cui verranno testati sistemi avanzati di teleriscaldamento e teleraffrescamento e che comprende un’area esterna in cui c’è la rete di teleriscaldamento e un impianto solare termico a concentrazione. Il laboratorio riproduce su piccola scala il funzionamento di un’intera rete.

Wolfram Sparber, direttore dell’Istituto per le energie rinnovabili di Eurac Research sottolinea che si tratta di un laboratorio tra i pochissimi in Europa a riprodurre un intero sistema di teleriscaldamento, dalla produzione di energia all’utilizzo finale. In questo spazio vengono testate le innovazioni di prodotto che possono aiutare la riqualificazione energetica di edifici esistenti.

L’Eurach sta collaborando con più di cento aziende europee in oltre 30 progetti di ricerca applicata alle soluzioni per l’efficienza energetica e l’utilizzo di rinnovabili. E tra queste la quota di aziende locali e regionali è in costante aumento.

I nuovi laboratori Eurac, si legge in un comunicato stampa del centro studi, permetteranno di testare soluzioni particolare e innovative, come per esempio i pannelli solari sul tetto di un rifugio alpino che portano la corrente anche dove la rete elettrica non arriva. Oppure si potranno testare sistemi fotovoltaici semitrasparenti inseriti nel vetro di una finestra per produrre energia pulita sfruttando tutta la superficie di un edificio. Ma anche il riciclo del calore di scarto di un supermercato per riscaldare le abitazioni di un quartiere.

Nei prossimi anni si trasferiranno presso il parco tecnologico altri laboratori dell’Eurac Research dedicati a efficienza energetica ed energie rinnovabili, tra cui una camera di prova per testare l’interazione tra sistemi di facciata multifunzionali e comfort degli edifici, uno spazio dedicato al monitoraggio ambientale e allo studio dei reperti antichi, una camera climatica che simulerà tutti i climi della Terra.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Solare fotovoltaico

Le ultime notizie sull’argomento

Vademecum Ecobonus 110%

Vademecum Ecobonus 110%

Da ITALIA SOLARE un vademecum per chiarire le condizioni di accesso al superbonus 110% nella realizzazione ...