Le mascherine usa e getta peggiorano l’inquinamento da plastica

La pandemia COVID-19 ha peggiorato l’inquinamento da plastica a causa dell’uso di mascherine, guanti e altri dispositivi di protezione usa e getta. Secondo le agenzie e i partner delle Nazioni Unite è necessario attuare  misure efficaci per ridurre, o addirittura eliminare, la quantità di plastica scartata ogni anno.

Le mascherine usa e getta peggiorano l'inquinamento da plastica

In questi mesi durante i quali il mondo è stato colpito dalla pandemia Covid-19, l’inquinamento da plastica è peggiorato a causa dell’enorme aumento delle vendite di mascherine usa e getta, guanti e altri dispositivi di protezione. L’organismo commerciale dell’ONU, UNCTAD, stima che quest’anno le vendite globali delle mascherine ammonteranno a circa 166 miliardi di dollari, rispetto agli 800 milioni di dollari circa del 2019.

Recentemente tutti noi abbiamo visto foto e video di subacquei che raccolgono maschere e guanti dai fondali di mari e oceani, immagini che ci hanno ricordato, se ce ne fosse bisogno, che il problema dell’inquinamento da plastica va affrontato subito e con misure efficaci.

Se i dati storici sono un indicatore affidabile, ci si può aspettare che circa il 75% delle mascherine usate in questo periodo, così come altri rifiuti legati alla pandemia, finiscano nelle discariche o nei mari. A parte i danni ambientali, il costo finanziario stimato dal Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente (UNEP), in aree che vivono sul  turismo e la pesca, è a circa 40 miliardi di dollari.

E’ necessario gestire in modo corretto la grande quantità di rifiuti sanitari, in gran parte costituiti da plastica monouso, per evitare danni molto gravi per il prossimo futuro. L’UNEP, che ha prodotto una serie di schede informative sull’argomento, parla infatti di rischi per la salute pubblica derivanti da maschere usate infette e dal loro incenerimento incontrollato, che porta al rilascio di tossine nell’ambiente, con il rischio secondario di trasmissione di malattie per l’uomo e di danni permanenti per l’ambiente.

Proprio per questo l’UNEP esorta i governi a trattare la gestione sicura e lo smaltimento finale di questi rifiuti, compresi quelli medici e pericolosi, come un servizio pubblico essenziale e vitale. “L’inquinamento da plastica era già una delle più grandi minacce per il nostro pianeta prima dell’epidemia di coronavirus”, dice Pamela Coke-Hamilton, direttore del commercio internazionale dell’UNCTAD. “L’improvviso aumento dell’uso quotidiano di certi prodotti per evitare la trasmissione della malattia sta peggiorando molto le cose”.

Le possibili soluzioni per tagliare la plastica dell’80%

Un recente e ampio rapporto sui rifiuti in plastica pubblicato da The Pew Charitable Trusts e da Sustainability Thinktank Systemiq spiega che le soluzioni per risolvere il problema plastica esistono.

Lo studio, “Breaking the Plastic Wave: A Comprehensive Assessment of Pathways Towards Towards Stopping Ocean Plastic Pollution”, dall’agenzia delle Nazioni Unite per l’ambiente UNEP, prevede che, se non si interviene, la quantità di plastica scaricata nell’oceano triplicherà entro il 2040, passando da 11 a 29 milioni di tonnellate all’anno.

Ma circa l’80% dell’inquinamento da plastica potrebbe essere eliminato nello stesso periodo, semplicemente introducendo una regolamentazione inadeguata, incentivi ad hoc e cambiando i modelli di business così da garantire la riduzione della produzione di plastica. Altre misure raccomandate includono la progettazione di prodotti e imballaggi che possano essere più facilmente riciclati e l’aumento della raccolta dei rifiuti, in particolare nei Paesi a basso reddito.

E’ inoltre consigliabile introdurre politiche commerciali globali, efficaci e coordinate per combattere l’inquinamento da materie plastiche.

L’UNCTAD sta esortando i governi a promuovere alternative alla plastica, non tossiche, rispettose dell’ambiente, biodegradabili o facilmente riciclabili, come le fibre naturali, la lolla di riso e la gomma naturale. Ci potrebbero essere molti vantaggi in termini di creazione di posti di lavoro per i paesi in via di sviluppo, che sono i principali fornitori i molti sostituti della plastica. Il Bangladesh, ad esempio, è il principale fornitore mondiale di iuta, mentre le esportazioni più importanti di gomma naturale arrivano dalla Thailandia e Costa d’Avorio.

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Sostenibilità e Ambiente

Le ultime notizie sull’argomento