Mattoni vegetali: materiali edili performanti e green

L’edilizia di qualità, attenta alle prestazioni e all’ambiente, scopre i pregi del legno per farne un ingrediente per mattoni ad alte prestazioni e dal ridotto impatto ambientale

a cura di Andrea Ballocchi

Mattoni vegetali: materiali edili performanti e green

Indice degli argomenti:

Il legno entra nei mattoni. Non stiamo parlando di edilizia in legno, ma di materiali edili che combinano questo materiale naturale per creare prodotti performanti, in termini di efficienza energetica, ma anche a ridotto impatto ambientale. Non solo mattoni in canapa, anzi più precisamente canapulo ovvero il nucleo legnoso della pianta, ma anche mattoni forati che combinano il laterizio a materia prima vegetale oppure blocchi cassero in legno e cemento.

Klimahouse 2020 anche in questo caso ha ospitato diverse idee green. Vediamone alcune. 

Mattoni vegetali: canapa e calce trovano spazio e idee nuove

Edilcanapa è una realtà recente, ma che ha una storia originale: nasce dall’esperienza imprenditoriale di un’azienda metalmeccanica in provincia di Teramo, ma si sviluppa in modo indipendente e oggi è una realtà con una connotazione molto attenta alla sostenibilità.

Edilcanapa: mattone in legno di canapa

Come racconta Mariaelena Alessandrini, responsabile commerciale di questa realtà sul mercato dal 2014, Edilcanapa si è creata un suo spazio anche grazie all’attenzione per la ricerca e sviluppo, culminata con collaborazioni con diverse Università italiane. Così oggi, oltre ai mattoni, propone una gamma di materiali edili naturali che comprende pannelli isolanti, intonaci, malte: «abbiamo sviluppato collaborazioni con diversi atenei italiani, a partire dal Politecnico di Torino, dove è in corso uno studio per la verifica del comportamento dei nostri blocchi in presenza di onde elettromagnetiche», sottolinea.

L’azienda propone Canaplock, un ecomattone composto da canapulo e calce capace di combinare proprietà isolanti e massa termica, sotto forma di conducibilità e inerzia termica.

Sempre a base canapa, in questo caso con una miscela brevettata di canapulo grosso – legno di canapa certificata CenC – legante dolomitico naturale e probiotici è il nuovo Blocco Ambiente realizzato da Senini, un mattone ecologico che sfrutta anche in questo caso le proprietà isolanti e traspiranti della canapa per realizzare un prodotto in grado di assicurare comfort termico, acustico e igrometrico.

Blocco Ambiente in canapa realizzato da Senini

Oltre a spiccate doti di resistenza al fuoco, al gelo, a insetti e roditori, ha un basso consumo energetico durante la lavorazione.

Nello stand BioMat, invece, faceva bella mostra il “Biomattone calce e canapa”, realizzato sfruttando componente legnosa interna dello stelo della pianta, mescolata a freddo con calce aerea con l’aggiunta di acqua. «Non è stato adottato alcun additivo, l’unica azione è il riposo di 60 giorni per la completa stagionatura», ha spiegato il responsabile commerciale BioMat, Francesco Saverio Tiritiello.

Biomattone calce e canapa di Biomat

Tra le doti del prodotto: la leggerezza (335 kg/m3) e le prestazioni in termini di trasmittanza termica che arrvano a 0,185 W/(mK) per il biomattone di spessore 36 cm.

Mattoni innovativi: il legno si lega a laterizio o al cemento

Legno e laterizio uniti per prodotti più performanti e sostenibili. Da qui nascono le soluzioni di Wienerberger Porotherm BIO, la cui microporosità è ottenuta con farine di legno vergini o miscele di fibre vegetali, che permette di regolare la temperatura e l’umidità interna dell’edificio per un maggiore comfort abitativo.

Wienerberger Porotherm BIO: legno e laterizio

Il legno, infine, si combina col cemento per prodotti certificati uso bioedilizia: è il caso di Iso Span e dei suoi blocchi cassero, prodotti ottenuti con trucioli di legno dolce e residui provenienti dalla lavorazione del legno, sminuzzati e mescolati con cemento, acqua e minerali. L’impasto viene poi riversato in  casseforme per realizzare vari blocchi o pannelli.

i suoi blocchi cassero Iso Span ottenuti con trucioli di legno

Le proprietà di questi materiali edili sono riconosciute da un’esperienza pluriennale: lo ricorda la stessa azienda segnalando che “il sistema costruttivo ISO SPAN ha una storia di oltre 50 anni e attualmente in Austria rappresenta oltre il 40% del totale delle costruzioni”.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Sostenibilità e Ambiente

Le ultime notizie sull’argomento