IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Poche semplici mosse per il rilancio del fotovoltaico in Italia

Poche semplici mosse per il rilancio del fotovoltaico in Italia

Firmata l’alleanza tra aziende e associazioni a sostegno di maggiori investimenti nella rigenerazione delle centrali solari

 Firmata la Carta per il rilancio del fotovoltaico in Italia

Siglata la "Carta del rilancio sostenibile del fotovoltaico" dalle principali aziende e associazioni del settore: ANIE Rinnovabili, ASI Azienda Solare Italiana, Eco-PV, EF Solare Italia, Elettricità Futura, Enel Green Power, Enerray, Esapro, Falck Renewables, Green Arrow, GSF Global Solar Fund, RTR, Tages, Terna.


Obiettivo del nuovo patto, che nasce come dichiarazione volontaria da parte degli operatori, è semplificare gli investimenti per la riqualificazione e l’ammodernamento degli impianti fotovoltaici, primo passo a sostegno del settore verso il raggiungimento degli obiettivi di decarbonizzazione al 2030.


Alla base dell’alleanza una recente ricerca realizzata da Althesys in collaborazione con Enel Foundation, GSE e importanti player italiani, che esamina i vantaggi per il sistema paese legati al rilancio del settore e alla crescita degli impianti di grande taglia: si parla di 11 miliardi di euro le ricadute economiche e di 20.000 nuovi occupati, tra diretti e indiretti. Ma non solo, vanno infatti considerate anche le positive ricadute sull’ambiente, con un calo delle emissioni di 12,8 milioni di tonnellate di CO2 equivalenti.


Alessandro Marangoni, ceo di Althesys e coordinatore della ricerca ha sottolineato il ruolo centrale del fotovoltaico italiano, che dovrà essere sviluppato sia sui grandi impianti che sulla generazione distribuita, per il raggiungimento degli obiettivi di decarbonizzazione al 2030, ma perché ciò avvenga è necessario rinnovare il parco fotovoltaico poco produttivo e investire in nuove realizzazioni.


Lo studio evidenzia infatti che parte del parco fotovoltaico italiano, seppur piuttosto giovane (8/10 anni di media), presenti diverse criticità e quindi perdite di efficienza, con un peggioramento produttivo di circa il 2,2% annuo al 2016, assai maggiore rispetto a quanto previsto al momento dell’installazione.


Inoltre come sappiamo l’installato è fortemente diminuito nel nostro paese, con meno di 400 MW medi annui nel periodo 2014-2017, la nuova potenza va dunque a sostituire quella persa: “al 2030, la perdita totale sarebbe di 5.000 MW, pari al 25% della potenza esistente al 2017”.


Nel caso degli impianti utility scale, che rappresentano lo 0,8% degli impianti totali, ma il 43,7% della potenza, sono circa il 40% quelli con problemi di inefficienze (2,5-3,3 GW), e il costo complessivo per l’ammodernamento è stimabile tra 220-270 milioni di euro. Circa 19 MW usciranno dall’incentivazione tra il 2029 ed il 2035, ma potranno continuare a produrre se mantenuti efficienti, considerando che la vita utile è di circa 25-30 anni.


E’ dunque necessario ripartire da qui, dall’ammodernamento e riqualificazione degli impianti utility scale: basti pensare che grazie agli interventi di revamping si potrebbero recuperare fino a 4.000 MW di potenza al 2030, mentre dal repowering potrebbero arrivare, sempre al 2030, 1.550-1.700 MW aggiuntivi.


Il primo passo a sostegno di questo processo è la semplificazione del quadro normativo che semplifichi gli interventi sugli impianti esistenti, facilitando i processi autorizzativi per gli ampliamenti e un coordinamento per lo sviluppo della rete.
Altrettanto importante è il sostegno alla realizzazione di nuovi impianti attraverso la realizzazione di una serie di strumenti tra cui la classificazione del territorio, l’individuazione di “aree preferenziali”, un contesto normativo e di mercato adatto ai PPA. Infine è fondamentale che siano avviate le aste previste dalla bozza di Decreto 2018-20, non ancora emanato e a questo punto urgente.

TEMA TECNICO:

Solare fotovoltaico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
09/01/2019

+9% le installazioni di rinnovabili fra gennaio-novembre

Pubblicato da Anie Rinnovabili l'Osservatorio di novembre 2018: crescono nei primi 11 mesi dell'anno le installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico che complessivamente raggiungono circa 836 MW     Crescono del 9% ...

20/12/2018

L'energia solare come servizio a noleggio

Da oggi privati e aziende possono noleggiare una centrale elettrica fotovoltaica: si occupa di tutto Green Genius e i clienti pagano esclusivamente l'elettricità prodotta dall'impianto     L'energia solare deve essere alla portata ...

13/12/2018

Dalla corretta regolamentazione parte la nuova era del fotovoltaico italiano

Il fotovoltaico in Italia è un settore dalle grosse potenzialità tra autoconsumo, comunità energetiche, contratti di acquisto di energia a medio-lungo termine e digitalizzazione, ma è necessaria una maggiore chiarezza. Se ne ...

04/12/2018

Un nuovo rivestimento ottimizza l'efficienza dei pannelli fotovoltaici

Sviluppata nell'ambito di un progetto dell'UE, la nanoparticella di SolarSharc autopulente, duratura e realizzata a basso costo, aumenta del 4% l'efficienza produttiva dei pannelli     Il progetto SolarSharc (SOLARSHARC - A durable ...

03/12/2018

Nuove opportunità di mercato per il fotovoltaico

Gli ambiziosi obiettivi per il fotovoltaico italiano che chiedono di triplicare l'installato da qui al 2030 si possono raggiungere: nel corso del Forum ITALIA SOLARE 2018 in programma l'11 dicembre si approfondiranno sfide ...

20/11/2018

Come garantire 68 GW di potenza fotovoltaica installata in Italia al 2030

In occasione del Forum ITALIA SOLARE 2018 in programma a Roma l’11 dicembre, aziende, istituzioni, investitori e operatori del settore si confronteranno sul presente e futuro del mercato fotovoltaico nel nostro paese       “A ...

15/11/2018

Tariffe incentivanti e detassazione Tremonti Ambiente, prorogati i termini

Il GSE ha prorogato al 31 dicembre 2019 il termine indicato per l'attestazione della rinuncia al beneficio fiscale, precedentemente fissato al 22 novembre, per gli operatori incorsi nel divieto di cumulo tra Conti Energia e la  “Tremonti ...

12/11/2018

La rinascita di Chernobyl: da nucleare, ad energia solare

A più di 30 anni dal disastro nucleare della centrale di Chernobyl, un impianto fotovoltaico da 1MW ha iniziato a produrre energia pulita che soddisfa il fabbisogno energetico di 2 mila abitazioni. Una rinascita per tutta la zona della vecchia ...