IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > A Catania la più grande fabbrica di moduli fotovoltaici

A Catania la più grande fabbrica di moduli fotovoltaici

Torna il sole sull'Etna Valley, con un progetto che prevede la realizzazione in Sicilia della più grande fabbrica di pannelli fotovoltaici in Europa e che ridarà respiro a ST Microelectronics e Numonyx, produttori di chip il cui stabilimento catanese è in crisi da tempo. La produzione dei nuovi impianti fotovoltaici, ad alta resa energetica, sarà possibile grazie alla collaborazione di STM con partner internazionali di alto livello come Enel e Sharp. Il piano servirà anche a preservare i posti di lavoro e le competenze della società italo-francese ST, soggetto dell'intesa, che nel 2009 ha visto le proprie vendite crollare del 17 per cento, come dimostrano i recenti dati sull'andamento dell'azienda. In futuro una cosa è certa: 650 unità lavorative salvaguardate, 500 nuovi posti di lavoro e investimenti per 1,676 miliardi di euro.
Il presidente della Provincia di Catania, Giuseppe Castiglione, ha seguito attentamente la vicenda ed ha accolto subito l'invito rivoltogli dall'azienda, recandosi nello stabilimento della Stm, dove il vice presidente Carmelo Papa e il direttore del sito di Catania, Carlo Marino, gli hanno illustrato il progetto. Ad accompagnarlo il capogruppo del Pdl al Consiglio comunale, Nuccio Condorelli.
«La costituzione di una nuova società Enel, Sharp, Stm - hanno spiegato Papa e Marino - ha come obiettivo l'istallazione di una fabbrica di produzione di celle fotovoltaiche in tecnologia Thin Film, per una capacità di 480 MW/anno, associata ad una linea di assemblaggio di moduli finiti per la stessa capacità annua. L'area destinata ad accogliere l'insediamento - hanno continuato - è l'M6 (oggi Numonyx) a cui si aggiungerà un nuovo fabbricato di 66.000 mq. Le infrastrutture e i servizi esistenti nella zona individuata - hanno aggiunto - agevoleranno e valorizzeranno l'insediamento che si prevede operativo entro 12 mesi dall'avvio della costruzione, che - auspicano - inizi a dicembre 2009». Sono infatti i tempi a preoccupare i vertici della Stm: «La validità del progetto - hanno concluso Papa e Marino - trae giustificazione solo nell'ottica di un avvio velocissimo in produzione, cosa che potrà realizzarsi solo se saranno espletate tutte le attività di progettazione ed approvazione in maniera efficace e per le quali serve una mano dalle Istituzioni».
«Ho seguito l'iniziativa con grande interesse - ha affermato Castiglione -. Credo molto nel futuro dell'energia rinnovabile, la Sicilia ha l'esposizione solare migliore d'Europa e la Stm ha una struttura organizzativa molto forte, così come conferma la sua leadership europea nella tecnologia. La realizzazione nella nostra provincia di quello che sarà il più grosso impianto fotovoltaico d'Europa non può che renderci orgogliosi, ma soprattutto fiduciosi per il rilancio dell'Etna Valley e del suo filone di ricerca e innovazione. C'è di più - ha aggiunto il presidente Castiglione -, le straordinarie opportunità di crescita e sviluppo che si prospettano per l'azienda avranno una ricaduta positiva sull'occupazione e l'economia dell'intero territorio. Sarà anche compito delle Istituzioni favorire gli insediamenti produttivi, stimolare un indotto che, in questi ultimi tempi, ha sofferto un po' dello stallo della Stm. Si pensi che STMicroelectronics realizza da decenni microprocessori in silicio cristallino, ma nell'Isola non ci sono aziende che producono le materie prime per i moduli. Va inoltre rivisto il piano provinciale della mobilità a cui stiamo lavorando - ha continuato - poiché, sebbene l'area M6 abbia una buona logistica, si stima, con l'avvio di questo nuovo progetto, una movimentazione di oltre 200 containers per settimana, a cui va aggiunta la movimentazione dei gas. La Provincia - ha concluso Castiglione - sta mettendo costantemente al centro del suo impegno politico e amministrativo lo sviluppo economico del territorio; tra i progetti concreti anche quello di investire 3,5 milioni di euro, recuperati da un vecchio fondo comunitario, per lo start up di imprese nei settori innovativi, quali ad esempio, l'ICT e le biotecnologie, ma anche il cabalaggio attraverso fibra ottica di tutta la zona industriale».

TEMA TECNICO:

Solare fotovoltaico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
15/11/2018

Tariffe incentivanti e detassazione Tremonti Ambiente, prorogati i termini

Il GSE ha prorogato al 31 dicembre 2019 il termine indicato per l'attestazione della rinuncia al beneficio fiscale, precedentemente fissato al 22 novembre, per gli operatori incorsi nel divieto di cumulo tra Conti Energia e la  “Tremonti ...

12/11/2018

La rinascita di Chernobyl: da nucleare, ad energia solare

A più di 30 anni dal disastro nucleare della centrale di Chernobyl, un impianto fotovoltaico da 1MW ha iniziato a produrre energia pulita che soddisfa il fabbisogno energetico di 2 mila abitazioni. Una rinascita per tutta la zona della vecchia ...

08/11/2018

Lo scenario per il fotovoltaico italiano da oggi al 2030

Dal convegno organizzato da Althesys a Rimini e dedicato alle prospettive del fotovoltaico in Italia è emerso che è necessario aumentare gli sforzi per assicurare il rispetto dei target fissati dalla UE. Si deve intervenire sugli impianti ...

31/10/2018

Il fotovoltaico apre la strada verso l’autoconsumo

Nel 2017 l’autoconsumo è stato pari a 4.889 GWh, ovvero il 20,1% della produzione complessiva degli impianti fotovoltaici, in crescita dell’1,9% rispetto al 2016. Un settore dalle grandi potenzialità ma che presenta ancora troppi ...

05/10/2018

- 17% per fotovoltaico, eolico e idroelettrico nei primi 8 mesi del 2018

Anie Rinnovabili ha pubblicato l'Osservatorio FER di agosto che mostra ancora un calo, -17%, delle installazioni nei primi 8 mesi dell'anno rispetto al 2017.      Nel periodo gennaio-agosto 2018 le nuove installazioni di fotovoltaico, ...

03/10/2018

La Cina sperimenta per la prima volta finestre fotovoltaiche e isolanti

I ricercatori della South China University of Technology hanno sviluppato un prototipo di finestra fotovoltaica in grado di svolgere due funzioni differenti e molto importanti: produrre energia ed isolare termicamente.   a cura di Tommaso ...

28/09/2018

Blockchain al servizio della digital energy

Il settore energetico è protagonista di una vera e propria trasformazione digitale, verso un modello di produzione decentralizzata e distribuita di energia elettrica, in cui gli acquisti e le vendite di energia elettrica saranno certificati ...

28/09/2018

Le osservazioni di Anie Rinnovabili sullo schema di Decreto FER

ANIE Rinnovabili, che ha analizzato la bozza di Decreto ministeriale di incentivazione alle FER, esprime molta soddisfazione per la programmazione su base triennale e la possibilità di installazione di moduli fotovoltaici a seguito della bonifica da ...