IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > A Catania la più grande fabbrica di moduli fotovoltaici

A Catania la più grande fabbrica di moduli fotovoltaici

Torna il sole sull'Etna Valley, con un progetto che prevede la realizzazione in Sicilia della più grande fabbrica di pannelli fotovoltaici in Europa e che ridarà respiro a ST Microelectronics e Numonyx, produttori di chip il cui stabilimento catanese è in crisi da tempo. La produzione dei nuovi impianti fotovoltaici, ad alta resa energetica, sarà possibile grazie alla collaborazione di STM con partner internazionali di alto livello come Enel e Sharp. Il piano servirà anche a preservare i posti di lavoro e le competenze della società italo-francese ST, soggetto dell'intesa, che nel 2009 ha visto le proprie vendite crollare del 17 per cento, come dimostrano i recenti dati sull'andamento dell'azienda. In futuro una cosa è certa: 650 unità lavorative salvaguardate, 500 nuovi posti di lavoro e investimenti per 1,676 miliardi di euro.
Il presidente della Provincia di Catania, Giuseppe Castiglione, ha seguito attentamente la vicenda ed ha accolto subito l'invito rivoltogli dall'azienda, recandosi nello stabilimento della Stm, dove il vice presidente Carmelo Papa e il direttore del sito di Catania, Carlo Marino, gli hanno illustrato il progetto. Ad accompagnarlo il capogruppo del Pdl al Consiglio comunale, Nuccio Condorelli.
«La costituzione di una nuova società Enel, Sharp, Stm - hanno spiegato Papa e Marino - ha come obiettivo l'istallazione di una fabbrica di produzione di celle fotovoltaiche in tecnologia Thin Film, per una capacità di 480 MW/anno, associata ad una linea di assemblaggio di moduli finiti per la stessa capacità annua. L'area destinata ad accogliere l'insediamento - hanno continuato - è l'M6 (oggi Numonyx) a cui si aggiungerà un nuovo fabbricato di 66.000 mq. Le infrastrutture e i servizi esistenti nella zona individuata - hanno aggiunto - agevoleranno e valorizzeranno l'insediamento che si prevede operativo entro 12 mesi dall'avvio della costruzione, che - auspicano - inizi a dicembre 2009». Sono infatti i tempi a preoccupare i vertici della Stm: «La validità del progetto - hanno concluso Papa e Marino - trae giustificazione solo nell'ottica di un avvio velocissimo in produzione, cosa che potrà realizzarsi solo se saranno espletate tutte le attività di progettazione ed approvazione in maniera efficace e per le quali serve una mano dalle Istituzioni».
«Ho seguito l'iniziativa con grande interesse - ha affermato Castiglione -. Credo molto nel futuro dell'energia rinnovabile, la Sicilia ha l'esposizione solare migliore d'Europa e la Stm ha una struttura organizzativa molto forte, così come conferma la sua leadership europea nella tecnologia. La realizzazione nella nostra provincia di quello che sarà il più grosso impianto fotovoltaico d'Europa non può che renderci orgogliosi, ma soprattutto fiduciosi per il rilancio dell'Etna Valley e del suo filone di ricerca e innovazione. C'è di più - ha aggiunto il presidente Castiglione -, le straordinarie opportunità di crescita e sviluppo che si prospettano per l'azienda avranno una ricaduta positiva sull'occupazione e l'economia dell'intero territorio. Sarà anche compito delle Istituzioni favorire gli insediamenti produttivi, stimolare un indotto che, in questi ultimi tempi, ha sofferto un po' dello stallo della Stm. Si pensi che STMicroelectronics realizza da decenni microprocessori in silicio cristallino, ma nell'Isola non ci sono aziende che producono le materie prime per i moduli. Va inoltre rivisto il piano provinciale della mobilità a cui stiamo lavorando - ha continuato - poiché, sebbene l'area M6 abbia una buona logistica, si stima, con l'avvio di questo nuovo progetto, una movimentazione di oltre 200 containers per settimana, a cui va aggiunta la movimentazione dei gas. La Provincia - ha concluso Castiglione - sta mettendo costantemente al centro del suo impegno politico e amministrativo lo sviluppo economico del territorio; tra i progetti concreti anche quello di investire 3,5 milioni di euro, recuperati da un vecchio fondo comunitario, per lo start up di imprese nei settori innovativi, quali ad esempio, l'ICT e le biotecnologie, ma anche il cabalaggio attraverso fibra ottica di tutta la zona industriale».

TEMA TECNICO:

Solare fotovoltaico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
26/03/2020

Fotovoltaico e coronavirus: il momento è delicato

L’emergenza coronavirus avrà implicazioni anche nel settore del fotovoltaico. Le testimonianze di alcune delle aziende protagoniste del settore ammettono la complessità, ma guardano avanti   a cura di Andrea ...

24/03/2020

Pannelli fotovoltaici bifacciali: più energia allo stesso costo

I ricercatori del National Renewable Energy Laboratory stanno testando i primi moduli fotovoltaici in grado di assorbire la luce da entrambi i lati del pannello. 10% in più di energia a fronte di un costo appena superiore rispetto ai moduli ...

09/03/2020

+21% le installazioni di rinnovabili fra gennaio-novembre

Pubblicato da Anie Rinnovabili l'Osservatorio di novembre 2019: crescono nei primi 11 mesi dell'anno le installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico che complessivamente superano 1 GW di potenza     Crescono del 21% le ...

06/03/2020

Efficienza record per la cella solare “tandem” in perovskite made in Italy

Un gruppo di ricerca italiano formato da Università di Roma “Tor Vergata”, ENEA e Istituto Italiano di Tecnologia ha realizzato un’innovativa cella solare "tandem" in perovskite e silicio che ha ...

27/02/2020

Fonti rinnovabili in Italia e Europa, i dati aggiornati del GSE

Il Gestore dei Servizi Energetici ha pubblicato sul proprio sito il documento aggiornato con le statistiche su sviluppo e diffusione delle fonti rinnovabili in Italia ed Europa nel 2018     Indice degli argomenti: Diffusione delle FER in ...

17/02/2020

Enorme potenziale occupazionale del fotovoltaico

Due nuovi studi stimano che entro il 2050 le energie rinnovabili in generale e il fotovoltaico in particolare, offriranno importanti opportunità di lavoro. Attesi 1,73 milioni di posti di lavoro nel solare in Europa entro il 2050   la ...

06/02/2020

E se le celle solari funzionassero di notte?

Alcuni ricercatori dell'Università della California hanno sviluppato un prototipo di celle fotovoltaiche notturne che utilizzano la terra come fonte di calore e il cielo come dissipatore di calore     Un team di ricercatori ...

04/02/2020

A Madrid il primo impianto fotovoltaico collettivo di autoconsumo

Il Gruppo Iberdrola installerà a Madrid il primo sistema solare di autoconsumo collettivo per un’area del centro: 60 pannelli fotovoltaici installati su un edificio residenziale e i residenti saranno compensati per l'energia prodotta in ...