IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Anie-Gifi, Aper e Assosolare: proposta comune per la revisione del Conto Energia

Anie-Gifi, Aper e Assosolare: proposta comune per la revisione del Conto Energia

Le tre Associazioni GIFI aderente ad ANIE, APER ed ASSOSOLARE, hanno inviato ieri al Ministero dello Sviluppo Economico ed al Ministero dell'Ambiente, una posizione comune e condivisa inerente la revisione del Conto Energia al 2011.
Infatti l'art. 6, comma 3 del DM 19 febbraio 2007, prevede che per gli impianti fotovoltaici che entreranno in esercizio negli anni successivi al 2010 debbano essere ridefinite con apposito decreto le nuove tariffe incentivanti, tenendo conto dell'andamento dei prezzi dei prodotti energetici e dei componenti per gli impianti fotovoltaici.
Dopo un lungo ed impegnativo lavoro di analisi che ciascuna delle Associazioni ha condotto al proprio interno, si è successivamente ritenuto opportuno condividere i risultati ottenuti e convergere verso un proposta unitaria di revisione del conto energia, che possa garantire continuità nella crescita del mercato del fotovoltaico.
Le tre Associazioni considerano che sia indispensabile continuare a sostenere tutte le iniziative nel settore che rafforzino il mercato e consentano l'abbattimento dei costi  e auspicano che vengano confermati i capisaldi dello strumento incentivante introdotto dal DM del 19/02/07. Hanno voluto così avviare ed accelerare il processo di consultazione con i Ministeri preposti alla definizione del decreto interministeriale, con l'auspicio che si giunga entro l'anno, come tra l'altro annunciato più volte dallo stesso Governo, alla sua pubblicazione. Ciò scongiurerebbe tutti gli ulteriori effetti negativi sul mercato, del crescente clima di incertezza che ha già caratterizzato il semestre in corso.

Di seguito le principali proposte ritenute necessarie per un corretto sviluppo del mercato fotovoltaico:
• Durata del futuro meccanismo di incentivazione di 5 anni (2011-2015); 
• Obiettivo della potenza elettrica cumulativa di tutti gli impianti che possono ottenere le tariffe incentivanti per il periodo 2011-2015 non inferiore a 8.000 MW. 
• Introduzione di nuovi scaglioni di potenza (kW): 1-6, 6-20, 20-200, 200-1000, >1000;
• Semplificazione delle tipologie installative. Vista l'oggettiva difficoltà di definire con chiarezza la categoria della parziale integrazione, si suggerisce la sua eliminazione. Di fatto si mantengono due tipologie: impianti su edificio, impianti a terra;
• Nuove tariffe per il 2011 dopo il periodo transitorio (tra parentesi le percentuali di riduzione rispetto alle tariffe 2010).
 
Inoltre le Associazioni propongono di assegnare un bonus agli impianti integrati negli edifici: 15% rispetto alla tariffa su edificio; a quelli installati in aree compromesse: 10% rispetto alla tariffa riconosciuta per gli impianti a terra o che sostituiscano coperture in eternit/amianto: 10% rispetto alla tariffa su edifici.
Si dovrebbe prevedere per l'anno 2011 un periodo transitorio di 6 mesi (gennaio-giugno) con decremento costante bimestrale della tariffa fino al raggiungimento della riduzione stabilita per l'anno 2011; e un decremento annuale del 4% delle tariffe incentivanti a partire dal primo luglio 2012. 
 

Scarica la Proposta comune per le nuove tariffe in conto energia a sostegno del settore fotovoltaico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
17/01/2019

L'energia rinnovabile la fonte pi competitiva nei paesi arabi

I paesi del GCC, Consiglio di Cooperazione del Golfo, nell'ambito dei propri piani di sviluppo, installeranno 7 gigawatt (GW) di nuova capacità di energia elettrica da fonti rinnovabili entro gli inizi del ...

16/01/2019

In Europa si lavora alla ristrutturazione zero energy

Il progetto UE Transition Zero vuole estendere in Europa il metodo Energiesprong per ristrutturare e trasformare vecchie abitazioni in case Net Zero Energy   a cura di Andrea Ballocchi     L’edilizia deve cambiare il proprio status ...

15/01/2019

Lidrogel salato che cattura lumidit dellaria per produrre acqua

L’aria della Terra contiene quasi 13 mila miliardi di tonnellate d’acqua, una riserva di acqua potabile enorme e rinnovabile. Ogni tentativo di sfruttare questa fonte di acqua è stato inefficiente, costoso e complesso. Almeno sino ad ...

14/01/2019

La corretta gestione della risorsa idrica in Italia

Il 30 gennaio a Milano la presentazione del Water Management Report: focus sulle applicazioni e il potenziale di mercato in Italia       L'Energy&Strategy Group del Politecnico di Milano presenta il 30 gennaio ...

10/01/2019

Rinnovabili al 30% nel 2030 nel Piano nazionale per energia e clima

Mise e Ministero dell’Ambiente hanno inviato alla Commissione europea la proposta per il Piano nazionale integrato per l'Energia ed il Clima (PNIEC) al 2030. Una volta approvato gli obiettivi saranno vincolanti      Inviata a ...

09/01/2019

+9% le installazioni di rinnovabili fra gennaio-novembre

Pubblicato da Anie Rinnovabili l'Osservatorio di novembre 2018: crescono nei primi 11 mesi dell'anno le installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico che complessivamente raggiungono circa 836 MW     Crescono del 9% ...

09/01/2019

Canapa rinforzata, ledilizia green migliora e conviene

Il progetto europeo ISOBIO ha sperimentato e intende promuovere materiali edili naturali a base canapa commercialmente interessanti   a cura di Andrea Ballocchi     La canapa e altri materiali naturali sono ottimi alleati per abbattere ...

08/01/2019

Le buone notizie su ambiente ed energia che hanno caratterizzato il 2018

Il sistema energetico globale è in rapida trasformazione, gli obiettivi di sviluppo sostenibile al 2030 e l'accordo di Parigi sul clima, impongono ai paesi, città e imprese di tutto il mondo di intraprendere azioni significative per lo sviluppo ...