IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Bozza nuovo decreto rinnovabili con incentivi al fotovoltaico

Bozza nuovo decreto rinnovabili con incentivi al fotovoltaico

Sta girando in questi giorni la bozza del nuovo Decreto Rinnovabili, già approvata da Ministro dello Sviluppo Economico, che prevede incentivi per gli impianti alimentati da rinnovabili, tra cui il fotovoltaico per il periodo 2018/2020 e introduce il bonus amianto per le sostituzioni con FV

 

Bozza decreto rinnovabili con incentivi al Fotovoltaico

 

La bozza del Decreto rinnovabili elettriche che sta girando in questi giorni, dopo l’approvazione del Ministro dello Sviluppo Economico e ora in esame dal Ministro dell’Ambiente, prevede l’ammissione agli incentivi anche per il fotovoltaico, con benefici più significativi per chi lo utilizza in sostituzione dell'amianto.

 

In particolare il Decreto stabilisce l’accesso agli incentivi per il fv per gli impianti di potenza superiore ai 20 kW, che non hanno accesso alle detrazioni fiscali, considerando la diminuzione dei costi e l’alto potenziale sfruttabile.

 

Non sono ammessi dal decreto gli incentivi per gli impianti fotovoltaici che si trovano in aree agricole.

 

Sono ammessi ai meccanismi di incentivazione, previa partecipazione a procedure pubbliche per la selezione dei progetti da iscrivere in appositi registri. Gli impianti fotovoltaici di potenza inferiore a 1 MW concorreranno nei registri con l’eolico onshore.

  • gli impianti di nuova costruzione, integralmente ricostruiti e riattivati, di potenza inferiore ad 1 MW;
  • gli impianti oggetto di un intervento di potenziamento, qualora la differenza tra il valore della potenza dopo l’intervento e quello della potenza prima dell’intervento sia inferiore ad 1 MW;
  • gli impianti oggetto di rifacimento di potenza inferiore ad 1 MW.

Per gli impianti con potenza pari o superiore a 1 MW si procederà con il meccanismo delle aste al ribasso.

 

Le tecnologie che prende in considerazione il Decreto sono le seguenti:

a) eolico onshore e fotovoltaico che hanno evidenziato una più marcata capacità di riduzione dei costi e che hanno strutture e livelli di costi tali da poter competere o anche integrarsi nelle offerte;

b) idroelettrico, geotermoelettrico, gas residuati dei processi di depurazione e gas di discariche esaurite che presentano strutture di costo simili a eolico onshore e fotovoltaico ma una capacità di compressione dei costi meno marcata e potenziali di sviluppo più limitati.

 

Il GSE pubblicherà i bandi relativi alle procedure di asta e registro: la prima scadenza è il 31 gennaio 2019, poi ogni 4 mesi fino al 31 gennaio 2021. il periodo di presentazione delle domande di partecipazione è di 30 giorni decorrenti dalla data di pubblicazione del bando e la graduatoria sarà pubblicata sul sito del GSE entro 90 giorni dalla chiusura del bando.

 

I bandi per l’iscrizione al registro, sono divisi in 4 gruppi:

  • Gruppo A dedicato a eolico e fotovoltaico;
  • Gruppo A-2:  impianti fotovoltaici i cui moduli sono installati in sostituzione di coperture di edifici su cui è operata la completa rimozione dell’eternit o dell’amianto. La potenza complessiva è di 700 MW.
  • Gruppo B: impianti idroelettrici, geotermoelettrici, impianti a gas residuati dei processi di depurazione ed impianti alimentati da gas di discarica;
  • Gruppo C: rivolto a impianti eolici, idroelettrici e geotermoelettrici oggetto di rifacimento totale o parziale.

La potenza messa a disposizione per l’iscrizione ai registri dei vari bandi è indicata in tabella:

potenza per incentivi rinnovabili decreto

 

Dovranno poi  essere rispettati i tempi definiti per l’entrata in esercizio degli impianti.

 

I bandi per le procedure d’asta, sono divisi in tre gruppi:

  • Gruppo A dedicato a eolico e fotovoltaico;
  • Gruppo B: impianti idroelettrici, geotermoelettrici, impianti a gas residuati dei processi di depurazione ed impianti alimentati da gas di discarica;
  • Gruppo C:  a impianti eolici, idroelettrici e geotermoelettrici oggetto di rifacimento totale o parziale.

La potenza messa a disposizione nelle aste è mostrata in tabella: 

Potenza messa a disposizione per aste, bando rinnovabili

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
15/11/2018

Tariffe incentivanti e detassazione Tremonti Ambiente, prorogati i termini

Il GSE ha prorogato al 31 dicembre 2019 il termine indicato per l'attestazione della rinuncia al beneficio fiscale, precedentemente fissato al 22 novembre, per gli operatori incorsi nel divieto di cumulo tra Conti Energia e la  “Tremonti ...

12/11/2018

La rinascita di Chernobyl: da nucleare, ad energia solare

A più di 30 anni dal disastro nucleare della centrale di Chernobyl, un impianto fotovoltaico da 1MW ha iniziato a produrre energia pulita che soddisfa il fabbisogno energetico di 2 mila abitazioni. Una rinascita per tutta la zona della vecchia ...

08/11/2018

Lo scenario per il fotovoltaico italiano da oggi al 2030

Dal convegno organizzato da Althesys a Rimini e dedicato alle prospettive del fotovoltaico in Italia è emerso che è necessario aumentare gli sforzi per assicurare il rispetto dei target fissati dalla UE. Si deve intervenire sugli impianti ...

07/11/2018

I Chiarimenti dell'Agenzia per la cessione credito Ecobonus

L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato due risposte a Istanze di interpello, con chiarimenti relativi alla cessione del credito corrispondente alla detrazione per interventi di riqualificazione energetica     Nei giorni scorsi l'Agenzia ...

02/11/2018

Mattarella firma la Legge di Bilancio, confermati Ecobonus e Sismabonus

Dopo la bollinatura della Ragioneria di Stato e la firma del Presidente Mattarella, la Legge di Bilancio approda alle Camere per i passaggi parlamentari. Le novità per l'edilizia     Lo scorso 31 ottobre la Ragioneria di Stato ha ...

31/10/2018

Il fotovoltaico apre la strada verso lautoconsumo

Nel 2017 l’autoconsumo è stato pari a 4.889 GWh, ovvero il 20,1% della produzione complessiva degli impianti fotovoltaici, in crescita dell’1,9% rispetto al 2016. Un settore dalle grandi potenzialità ma che presenta ancora troppi ...

22/10/2018

Le ultime modifiche al Decreto rinnovabili

Sono state inserite alcune modifiche allo schema di Decreto FER ora nelle mani del ministero dell’Ambiente per il parere di concerto: l’aumento del 10% della tariffa incentivante prevista per impianti mini idro e mini eolico e premio su tutta ...

11/10/2018

Nuove norme UNI per la carbon footprint e la sostenibilit degli edifici

Due interessanti novità dall'UNI: è stata recentemente recepita anche in lingua italiana la EN 15643-5 dedicata alla valutazione della sostenibilità degli edifici e la norma internazionale ISO 14067 che contiene le linee ...