IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Decreto FER1, analizziamo i dettagli

Decreto FER1, analizziamo i dettagli

Dopo l’emanazione del tanto atteso Regolamento Operativo per l’iscrizione ai registri e alle aste del Decreto 4 Luglio 2019, meglio noto come Decreto FER 1, da parte del GSE, è finalmente possibile fare un’analisi dei dettagli che possono fare una grande differenza nella valutazione dei progetti per poter presentare una domanda di incentivi che abbia buona chance di rientrare nei registri o nelle aste.

 

a cura di Ing. Nicola Baggio

 

Decreto FER1, analizziamo i dettagli

 

Il Regolamento e vari allegati vanno letti con grande attenzione per individuare le situazioni applicabili al proprio impianto. In questo articolo ci concentreremo esclusivamente sugli impianti fotovoltaici. Gli impianti fotovoltaici devono essere nuovi, ovvero realizzati in siti dove da almeno 5 anni non sia presente un impianto.

 

I componenti utilizzati, quindi anche i moduli, devono essere di nuova costruzione: non possono essere usati moduli di seconda mano, smontati da qualche altro impianto per capirci. E’ verosimile che in prossimo regolamento il GSE specifichi che i moduli fotovoltaici dovranno avere tutte le certificazioni richieste per il V Conto Energia.

Criteri di accesso per l'iscrizine ad Aste o Registri 

I criteri di accesso, su cui maggiormente ci si darà battaglia, per ottenere gli incentivi sono stati solo parzialmente chiariti. In particolare un aspetto paradossale è la possibilità di realizzare impianti su ex cave e ex discariche (gruppo A): il problema di fondo è che quasi tutti questi siti, una volta ripristinati, tornano ad avere una destinazione agricola (magari solo per colture energetiche) e pertanto ciò va in contrasto col divieto di realizzare impianti incentivati su terreni agricoli. Purtroppo si potrà quindi godere di questa corsia preferenziale solo per ex cave che abbiano ora una classificazione diversa da terreno agricolo. Inutile dire che non si capisce molto il senso di una scelta di questo tipo.

 

Sul gruppo A-2, ovvero per i tetti in eternit, viene invece chiarito che gli impianti si possono fare anche su tetti le cui opere di bonifica siano iniziate dopo il 10 Agosto 2019, ovvero il giorno seguente alla pubblicazione in GU del Decreto. Questo è certamente un fatto positivo che evita rallentamenti nelle attività di smaltimento dell’eternit.

 

Un altro criterio, molto importante sia per il gruppo A che per il gruppo A-2, che è stato chiarito è quello degli aggregatori: il soggetto aggregatore può essere un terzo rispetto ai soggetti titolari degli impianti e svolge la sua funzione solo nell’atto di presentazione della richiesta di iscrizione ad aste e registri. Pertanto anche soggetti diversi possono facilmente sfruttare la figura dell’aggregatore a patto di avere impianti esattamente della stessa tipologia.

 

Tra le definizioni risulta rilevante l’apertura alla non coincidenza tra il soggetto titolare e chi presenta la richiesta di connessione all’ENEL che può essere un mandatario, ovvero per esempio il titolare dell’immobile su cui l’impianto viene realizzato. Inoltre è possibile che il produttore di energia e il consumatore locale (in autoconsumo) siano due soggetti diversi: mediante un SEU in cui le eccedenze rimangono nella disponibilità del produttore si potrà quindi gestire anche casi di questo tipo.

 

Per la presentazione della pratica, per qualsiasi impianto, è necessario disporre dell’autorizzazione locale alla costruzione e all’esercizio: è stato chiarito per autorizzazioni con silenzio assenso si può procedere all’iscrizione sul portale solo decorsi i termini del silenzio assenso o con un documento esplicito dell’ente. Parimenti in caso di attività che non necessitano di autorizzazione va emessa una dichiarazione di edilizia libera indicando che l’inizio lavori avviene successivamente alla data di eventuale ammissione al registro, per esempio dal 1 Febbraio 2020 per questa prima finestra.

 

Per le installazioni su edifici il GSE ha “riesumato” le vecchie definizioni del Conto Energia, delle quali francamente non si sentiva la mancanza. Vanno quindi rispettate le altezze delle balaustre o la tangente al piano/ai piani del tetto.

 

Un tema finanziariamente importante è quello delle fideiussioni che vanno presentate per tutti gli impianti sopra i 100 kW. Le fideiussioni, bancarie, devono essere fornite al GSE sia in via telematica ma anche in originale entro 15 gg dalla chiusura della finestra di presentazione delle domande, pena l’esclusione dalla graduatoria.

 

Molte pagine sono dedicate alle norme “anti-frazionamento”: curioso notare che il GSE anche in via solo “soggettiva” possa escludere degli impianti o riclassificarli come unico impianto nella fase di verifica dell’iscrizione. Sarà quindi necessario prestare grande attenzione affinché non ci siano casi ambigui.

 

Quantomeno per il primo registro non verranno ammessi impianti realizzati in stati esteri come previsto da un articolo del decreto, che speriamo rimanga effettivamente lettera morta anche per i prossimi due anni.

 

Ulteriori chiarimenti saranno certamente necessari nei prossimi giorni ma nel frattempo la pazza corsa al 30 Settembre è iniziata. Buon lavoro!


L'Ing Nicola Baggio Co-fondatore di FuturaSun, attualmente ricopre il ruolo di CTO, Asset Manager e R&D Manager.

TEMA TECNICO:

Solare fotovoltaico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
20/09/2019

In Kenia l’acqua del mare diventa potabile grazie all’energia solare

La ONG GivePower ha realizzato e installato lungo le coste della città di Kiunga, in Kenia, il primo impianto di trattamento dell’acqua che sfrutta l’energia solare per rendere potabile l’acqua del mare. Un sistema rivoluzionario ...

19/09/2019

Celle solari organiche per alimentare l'indoor

Scienziati svedesi e cinesi hanno sviluppato nuove celle solari organiche ottimizzate per convertire la luce ambientale interna in elettricità. L'energia che producono è bassa, ma è sufficiente per alimentare i milioni di sensori Iot che ...

09/09/2019

Un edificio in CasaClima A che non rinuncia al design

A Ora, in provincia di Bolzano, è stato realizzato Aurum, complesso edilizio certificato CasaClima A & Nature che ha previsto costi di realizzazione e di esercizio molto bassi. Grazie a materiali sostenibili, fotovoltaico e pompe di calore il ...

04/09/2019

Decreto FER1: il GSE pubblica il regolamento operativo

Il Decreto FER1, entrato in vigore lo scorso 10 agosto, prevede nuovi incentivi per le fonti rinnovabili, per un totale di 8.000 MW. Il GSE ha pubblicato sul proprio sito utili chiarimenti e il Regolamento Operativo per l'iscrizione ai ...

13/08/2019

Fotovoltaico: l’efficienza di Nice Solemyo per impieghi residenziali

Il fotovoltaico permette di soddisfare esigenze che interessano ambiti differenti, tant’è che l’utilizzo di pannelli solari può coprire ingenti necessità a livello industriale, alimentando per esempio la produzione, oppure ...

06/08/2019

L’eco resort alimentato interamente dall’energia fotovoltaica

Non avete ancora deciso dove andare in vacanza? Vi diamo un'idea! Il Kudadoo Maldives Private Resort è una struttura di lusso che coniuga sostenibilità e ambiente. Interamente alimentato dall’energia solare, i suoi pannelli fotovoltaici e ...

02/08/2019

+ 5% per le rinnovabili da gennaio a maggio

In crescita nei primi 5 mesi del 2019 le installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico che nel complesso a fine maggio 2019 raggiungono 285 MW. +22% per il fotovoltaico. L'Osservatorio di Anie Rinnovabili      Nel ...

22/07/2019

Monitoraggio GSE delle fonti rinnovabili nelle regioni italiane

Il GSE ha pubblicato i dati statistici sui consumi di energia rinnovabile nelle Regioni italiane, con monitoraggio degli obiettivi burden sharing. Ne emerge una fotografia positiva: la maggior parte delle Regioni ha superato i target al 2020. Liguria e ...