IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Federbeton apre le porte alla comunità per parlare di sostenibilità e innovazione

Federbeton apre le porte alla comunità per parlare di sostenibilità e innovazione

Federbeton promuove un’iniziativa sostenibile aprendo le porte di cinque importanti cementifici per parlare di innovazione ai cittadini. Gli appuntamenti previsti riguardano gli impianti di Colleferro, Galatina, Matera e Ternate che apriranno al pubblico nella giornata di domani, mentre domenica sarà possibile visitare lo stabilimento di Monselice.

 

A cura di Fabiana Murgia

 

 Stabilimento di Colleferro

 

Le imprese confermano il loro impegno in ambito sostenibile riducendo dell’8,9% la produzione di CO2 in un anno e lo fanno grazie all’impiego delle biomasse; un dato positivo che vuole far riflettere la comunità avvicinandola al mondo dell’industria sostenibile.

 

Quale modo migliore se non aprendo le porte dei propri stabilimenti?

 

A tal proposito Federbeton, federazione rappresentativa della filiera italiana del cemento e del calcestruzzo, e Aitec, che riunisce i produttori nazionali di cemento, si fanno promotrici dell’iniziativa che permetterà ai cittadini di osservare da vicino il modo in cui lavorano gli stabilimenti che producono cemento.

 

Si tratta di cementifici capaci di sostenere occupazione e sviluppo, facendo dell’innovazione e della sostenibilità due capisaldi che contribuiscano ad alimentare in maniera significativa l’economia circolare.

 

A tal proposito Antonio Buzzi, Coordinatore della Commissione Ambiente ed Economia Circolare di Federbeton, si è espresso con queste parole:

 

“Il Rapporto di Sostenibilità 2018 ci restituisce una lettura duplice dell’impegno del comparto del cemento, in qualità di attore protagonista e partecipe dell’economia circolare. Da una parte, i dati ci dicono che i nostri investimenti in tecnologie ambientali di ultima generazione danno i propri frutti: rispetto al 2017, abbiamo contribuito a ridurre dell'8,9% la CO2 emessa in atmosfera, confermando il trend positivo degli anni precedenti. D’altro canto, pur essendo pronti ad utilizzare nel ciclo produttivo quantità maggiori di materie prime alternative a quelle naturali, in piena conformità ai principi dell’economia circolare, continuiamo a scontare ostacoli burocratici e normativi, che allontanano per l’Italia l’obiettivo di un allineamento alla media dei paesi europei, dove l’impiego di tali materiali, anche come combustibili alternativi ai fossili, per i nostri forni è pratica diffusa e agevolata, trasformando gli stessi in risorsa e contribuendo alla chiusura del ciclo dei rifiuti”.

 

L’apertura dei cementifici permetterà di scoprire come nasce il cemento attraverso percorsi guidati, laboratori e momenti di dibattito.

 

Roberto Callieri, Presidente di Federbeton, mostra entusiasmo per questa iniziativa:

 

“Con questa iniziativa Porte Aperte abbiamo il piacere di incontrare le comunità locali per far conoscere il nostro impegno nel generare valore condiviso in termini di qualità del materiale, di sicurezza e salute per i dipendenti, di sviluppo per il Paese e i territori, di economia sostenibile per l'industria, le comunità e l’ambiente”.

 

Per l’occasione Federbeton renderà pubblico il Rapporto di Sostenibilità Aitec 2018 riferito al periodo 2016-2018, sottolineando il contributo offerto dal settore del cemento alla sostenibilità e più in generale all'economia circolare. 

 

Il contributo è reso possibile dalla sostituzione dei combustibili fossili con combustibili alternativi nel ciclo di produzione del cemento; sostituzione che porta ad ottenere una significativa riduzione dell’impatto ambientale sia in termini di produzione di CO2 che in termini di riciclo degli scarti industriali, che altrimenti non avrebbero utilità alcuna.

 

Ne risulta una decremento dei rifiuti destinati a processi di trattamento meno efficienti o stipati presso una discarica.

 

Nel 2018, le calorie di origine fossile sostituite ammontano al 19,7% del totale; nonostante ciò, a causa di ostacoli normativi e burocratici, l'Italia è ancora lontana dalla media europea che si attesta al 46% di sostituzione calorica.

 

Per questo è importante che le aziende persistano nel lavoro di continuo miglioramento del processo produttivo e investano in tecnologie innovative.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
24/10/2019

Climatizzatori: perché scegliere il gas ecologico R32

Scegliere impianti di climatizzazione con gas refrigerante ecologico R32 significa rispettare l'ambiente e limitare le emissioni nocive.  Tecnologia eco-friendly per i prodotti Mitsubishi, sintesi di performance ed ...

24/10/2019

Il progetto urbano e sostenibile di Boeri per rilanciare la città di Genova

“Il Parco di Polcevera e il Cerchio rosso" è il nome del progetto di rigenerazione urbana che verrà realizzato a Genova sotto il nuovo ponte progettato da Renzo Piano al posto del Morandi, crollato il 14 agosto 2018. Un progetto ...

23/10/2019

Una nuova sede green ed ecosostenibile per Alperia

La nuova sede del Gruppo Alperia rappresenta un tassello importante in un più ampio progetto, replicabile in tutta la penisola, di trasformazione di Merano nella “città del futuro”, con un centro urbano ...

22/10/2019

Fotovoltaico: attesa una crescita record nei prossimi 5 anni

Pubblicato da IEA il Renewables 2019, con le previsioni di sviluppo nel periodo 2019-2024 delle energie e tecnologie rinnovabili nei settori dell'elettricità, del calore e dei trasporti. Nei prossimi 5 anni crescita del 50% e oltre, guidata dal ...

22/10/2019

Nasce ARSE, Associazione che promuove il Riscaldamento Senza Emissioni

TEON ha di recente annunciato la nascita di ARSE, la prima associazione italiana che si impegna a combattere l’utilizzo dei combustibili fossili impiegati per il riscaldamento degli edifici, puntando alla promozione dell’energia ...

21/10/2019

Primo resort al mondo in cui il prezzo è determinato dall'impronta di carbonio del vostro soggiorno

Nell'eco hotel finlandese di alto livello Arctic Blue Resort il prezzo del soggiorno è basato sulle emissioni: minore è l'impatto ambientale, minore è il costo della vacanza.        A Kontiolahti, una piccola ...

18/10/2019

Manovra: due miliardi subito dalle tasse sull’ambiente, e arriva la plastic tax

La Manovra vale 11 eco-miliardi in tre anni. Dialettica con dl Clima anche su inquinamento. La Legge di Bilancio dovrebbe riflettere il Dpb che per il Green new deal del governo punta a un coinvolgimento di tutti i ministri sulla sostenibilità. ...

18/10/2019

Risparmio del 70% sui consumi grazie alla riqualificazione efficiente

Il Sindaco Sala ha partecipato all’inaugurazione di un condominio riqualificato a Milano, che rappresenta un ottimo esempio di cosa si possa fare dalla collaborazione tra istituzioni, aziende e cittadini. Un intervento congiunto di sostituzione della ...