IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Info dalle aziende > FuturaSun alla conquista della Cina

FuturaSun alla conquista della Cina

FUTURA SUN

26/06/2019

FuturaSun apre una nuova fabbrica fotovoltaica a Taizhou in Cina, 4 linee altamente automatizzate con una capacità produttiva annua di 500 MW. Non si tratta di delocalizzare la produzione per conto terzi ma di una produzione di moduli 100% made in Italy in Cina. Una novità assoluta

 

FuturaSun apre una nuova fabbrica fotovoltaica a Taizhou in Cina

 

FuturaSun forte della qualità dei propri prodotti e della tecnologia all'avanguardia, non teme i colossi asiatici del fotovoltaico e inaugura un nuovo stabilimento a Taizhou in Cina. 

 

La fabbrica realizzata nella provincia del Jiangsu, poco a nord di Shanghai, si sviluppa su un’area di 20.000 me, grazie alle 4 linee altamente automatizzate, assicura una capacità produttiva di 500 MW/anno, prevedendo l'uso della tecnologia made in Italy e ad alta efficienza energetica.

 

Il progetto di collaborazione con la Cina, partito da tempo grazie alla lungimiranza del giovane imprenditore italiano, Alessandro Barinnon che da 20 anni si è inserito in questo mercato, non si ferma qui, è infatti prevista in tempi brevi l’espansione della capacità produttiva ad 1 GW.

 

FuturaSun apre una nuova fabbrica fotovoltaica a Taizhou in Cina

 

FuturaSun è la sola azienda italiana che non delocalizza ma produce i propri moduli made in Italy anche per il mercato locale grazie alla capacità del CEO di coniugare l’esperienza e la conoscenza del distretto fotovoltaico veneto con le enormi opportunità di sviluppo economico del gigante cinese. Opportunità premiate anche dal mercato considerando che nei primi 6 mesi del 2019 il fatturato di FuturaSun è cresciuto del 70%.

 

Alessandro Barin sottolinea: “Nelle dinamiche mondiali tra Europa e Cina e nel nostro settore gli esempi di investimenti di successo per la produzione di moduli sono rare. L’apertura della nuova fabbrica dimostra ancora una volta che FuturaSun è un’azienda Europea che sa mantenere il proprio business e crescere operando in una dinamica bi-culturale”.

 

Il nuovo stabilimento sorge a 200 km dall’altro sito produttivo di Maanshan, in una zona in cui si sono stabilite diverse aziende del fotovoltaico, che producono dai pannelli ai componenti. 

 

FuturaSun apre una nuova fabbrica fotovoltaica a Taizhou in Cina

Le nuove stringatrici Silk

A proposito di tecnologia, punto di forza  della produzione sono nuove stringatrici Silk, progettate dall'azienda Veneta in collaborazione con uno spin-off dell’Università di Padova. Si tratta di innovativo e brevettato sistema di stringatura delle celle fotovoltaiche con una configurazione flessibile per la lavorazione di celle da 5 a 12 busbar, che si caratterizza per importanti vantaggi.

 

Il sistema assicura alta automazione, ottima precisione, la velocità di produzione doppia in metà spazio, bassi consumi energetici ed è  adattabile per le future applicazioni “busbar-less”.

 

Richiedi informazioni su FuturaSun alla conquista della Cina

TEMA TECNICO:

Solare fotovoltaico

Consiglia questo comunicato ai tuoi amici

Questo articolo è inerente le seguenti categorie
FONTI RINNOVABILI