IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > ICI e fotovoltaico: un ostacolo allo sviluppo del settore

ICI e fotovoltaico: un ostacolo allo sviluppo del settore

Si è svolto a Roma, presso l’Agenzia del Territorio, un incontro tra la Direzione Centrale Cartografia Catasto e Pubblicità Immobiliare e una rappresentanza di Assosolare, guidata dal presidente Gianni Chianetta.
Assosolare, accompagnata dai propri consulenti fiscali Federico Trutalli (NCTM) e Alessandro Pacieri (SCGT), ha ufficialmente presentato le proprie osservazioni in merito alla risoluzione del 6 novembre 2008 n.3, con cui l’Agenzia ha classificato gli impianti fotovoltaici come opifici, stabilendo così l’obbligo del pagamento dell’ICI.
“Un’opportunità – ha spiegato Gianni Chianetta, presidente di Assosolare - per sottoporre ai tecnici dell’Agenzia ulteriori informazioni sul settore fotovoltaico e le sue caratteristiche tecnicoeconomiche.
Primo obiettivo, quello di aprire un tavolo di lavoro per discutere le conclusioni della risoluzione n. 3 e la congruità con gli impianti fotovoltaici”.
Assosolare, come già reso noto pubblicamente, ritiene che vi siano circostanziate ragioni per escludere l’applicazione dell’ICI ai pannelli fotovoltaici; in primo luogo perchè i parchi non costiuiscono un opificio in senso tecnico (categoria catastale D1), in assenza di una connessione strutturale tra i pannelli e il terreno. Il che dovrebbe avere un effetto di riduzione sostanziale della base imponibile ICI. Un altro argomento oggetto di discussione riguarda la natura pubblica delle finalità del fotovoltaico, sancita per legge dal decreto legislativo n. 387/2003, unitamente alla peculiarità strutturale dei parchi (che insistono su terreni che mantengono la propria destinazione ed uso “agricolo”). Finalità plurime ed ulteriori rispetto a quelle meramente commerciali e con caratteristiche costruttive e funzionali del tutto peculiari, che porterebbero d’altra parte ad escludere che gli impianti possano effettivamente classificarsi come opifici, rientrando probabilmente in una diversa categoria catastale residuale ed esente da ICI (categoria E).
“A valle delle valutazioni tecniche – ha proseguito Chianetta – abbiamo fatto presente che sul piano economico l’ICI rappresenterebbe un onere insostenibile per il settore, certamente di serio ostacolo per il suo sviluppo.
Numerosi operatori hanno già presentato le loro perplessità nel proseguire gli investimenti, stante la incidenza dell’ICI sui tassi di rendimento minimi attesi. La recente posizione dell’Agenzia del territorio, che introduce un costo fiscale del tutto imprevisto, la cui giustificazione come sostenuto è peraltro fortemente dubbia, pone il settore in una posizione di incertezza che, secondo noi, deve essere superata celermente, anche per non scoraggiare lo sviluppo di un comparto economico in controtendenza rispetto alla attuale congiuntura”.
“Il costo dell’ICI – ha concluso Chianetta - si aggiungerebbe infatti alla contrazione del credito che già ha rallentato la crescita di un mercato che dovrebbe invece rappresentare – oggi e per il futuro – un’area di salvaguardia ambientale e di tutela della occupazione”.
Vista la criticità della materia e le possibili conseguenze in ambito nazionale, i tecnici dell’Agenzia hanno chiesto la collaborazione di Assosolare per una miglior comprensione delle tecnologie e delle
caratteristiche degli impianti fotovoltaici, per quanto concerne le modalità di accatastamento.
Assolare, dando piena disponibilità alla Agenzia del territorio, assumerà ogni ulteriore azione necessaria allo scopo di tutelare i propri associati dal sostenimento di un onere ritenuto iniquo.

TEMA TECNICO:

Normativa

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
14/05/2020

Decreto Rilancio: il superbonus 110% è, quasi, legge

Confermato il superbonus 110% per i lavori di riqualificazione energetica e adeguamento antisismico, installazione di impianti fotovoltaici e recupero o restauro delle facciate esterne degli edifici. Fraccaro: l’Italia riparte al 110%. C'è anche ...

13/05/2020

RPT: bene ecobonus e sismabonus al 110%, ma non basta

La Rete Professioni Tecniche apprezza la maxi detrazione del 110% ecobonus e sismabonus presente nel DL Rilancio ma fa anche una serie di proposte per migliorare il provvedimento. Il sottosegretario della presidenza del Consiglio Riccardo ...

08/05/2020

L’ecobonus diventa super, l’aiuto fiscale ora vale il 110%

Edilizia sostenibile, efficienza energetica, e rigenerazione urbana, sono il cuore degli interventi della norma che entra a far parte delle misure contro la crisi innescata dall’emergenza coronavirus; e trova posto, grazie alla certificazione del ...

02/04/2020

Emergenza coronavirus, proroga scadenze

Arera con una delibera del 24 marzo ha posticipato di sei mesi i termini per la presentazione delle attestazioni di conformità delle norme CEI 0-16 e CEI 0-21. Per le diagnosi energetiche il MISE ha fissato al 22 maggio la scadenza per ...

25/03/2020

Prorogati i termini dei procedimenti per rinnovabili ed efficienza

Il GSE ha pubblicato sul proprio sito l'elenco, realizzato in collaborazione con il ministero dello Sviluppo Economico, dei procedimenti e dei relativi adempimenti prorogati a causa dell'emergenza coronavirus.   Sono esclusi i procedimenti con ...

04/03/2020

Comunità energetiche, la rivoluzione dell’energia è a portata di tutti

Con il via libera del decreto Milleproroghe, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, decollano l'autoconsumo collettivo e le comunità energetiche. Condomini, famiglie e imprese potranno finalmente autoprodurre e autoconsumare collettivamente ...

27/02/2020

Risparmio energetico diventa obbligo per Italia, via libera Palazzo Chigi a decreto efficienza

Approvato dal Consiglio dei ministri, su proposta del ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli e del ministro per gli Affari europei Vincenzo Amendola, il provvedimento per l’attuazione della direttiva Ue. Tra i punti qualificanti, ...

05/02/2020

Contributi ai comuni per interventi di efficienza energetica e sviluppo sostenibile

Pubblicato il DM 30 gennaio 2020 con i fondi assegnati ai comuni nel triennio 2021-2024. I contributi per un totale di 500 milioni di euro l’anno, sono ripartiti a seconda della popolazione residente. Inizio lavori entro il 15 ...