IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Il progetto italiano SEED Italy a Solar Decathlon 2019

Il progetto italiano SEED Italy a Solar Decathlon 2019

La casa del futuro efficiente e sostenibile del SEED Italy concorrerà a Solar Decathlon Europe in programma a Budapest

 

Il progetto italiano SEED Italy a Solar Decathlon 2019

Il team SEED Italy (Sustainable Energy Efficient Design Italy) parteciperà alla edizione 2019 del Solar Decathlon Europe sotto il coordinamento del Politecnico di Milano. Il gruppo è formato da 8 università italiane che oltre al Politecnico di Milano sono il Politecnico di Torino, l’Università dell’Insubria, l’Università di Genova, l’Università di Firenze, l’Università di Chieti-Pescara, l’Università di Reggio Calabria e l’Università di Catania.

 

Il Solar Decathlon Europe è una competizione internazionale in dedicata alle Università in cui agli studenti viene chiesto di progettare, costruire e rendere operativo un edificio green ed efficiente, alimentato esclusivamente dal sole.

 

I team in concorso dovranno realizzare, nello spazio espositivo aperto al pubblico del Villaggio Solare, che quest’anno si trova alle porte di Budapest, il proprio progetto, in scala 1:1, che dovrà avere un carattere realistico e prevedere la possibilità di essere commercializzato.

Gli edifici saranno valutati dalla giuria su 10 differenti parametri: architettura, sistema costruttivo, efficienza energetica, integrazione con l’ambiente, comfort interno, funzionalità delle apparecchiature, innovazione e mobilità, economia circolare e sostenibilità, comunicazione e sensibilizzazione sociale, bilancio energetico.

Il progetto che otterrà il punteggio cumulativo più alto sarà premiato. 

Il progetto SEED Italy

La prototipo si svilupperà su un solo piano su una superficie compresa tra 45 e 70 m2, in cui i vari spazi saranno organizzati intorno a un nucleo centrale, ovvero il Core, che conterrà tutti i servizi e gli impianti tecnici e sarà anche il principale elemento strutturale della costruzione. Il layout degli spazi interni sarà minimal ma prevede i servizi igienici, una cucina funzionante, una sala da pranzo in grado di ospitare minimo 6 persone durante la competizione, due workstation e una camera da letto.

 

Verranno coinvolti dal Team SEED Italy  circa un migliaio di studenti, suddivisi tra le varie università del consorzio, che inizieranno a lavorare sul progetto finale, costruire e monitorare il modello in scala e alla fine, nel 2019, realizzare il prototipo in Ungheria.

 

Al termine della competizione, l’edificio verrà lasciato in uso al Politecnico di Milano a disposizione degli studenti e ricercatori.

 

Il team italiano SEED a Solar Decathlon 2019

 

L'ambizioso obiettivo del Team SEED Italy è di partire da questo progetto per sviluppare una strategia ripetibile su scala nazionale, per una riqualificazione multi-tasking del patrimonio edilizio esistente, attraverso la costruzione veloce e con sistemi innovativi a secco, dei volumi sulla copertura di edifici esistenti da riqualificare, garantendo però il mantenimento attivo delle funzioni esistenti durante le operazioni di adeguamento funzionale ed energetico.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
18/02/2019

GLAMPING: vacanze ecosostenibili e glamour

Chi ha detto che vivere una vacanza in sintonia con la natura e attenta all'ambiente non significhi anche godere del bello, se non addirittura del lusso? Le soluzioni Crippa Concept     Sono in aumento gli amanti delle vacanze all'aria ...

11/02/2019

Nel 2017 il 18,3% dei consumi in Italia coperti da rinnovabili

Nel 2017 gli 787.000 impianti a fonti rinnovabili presenti in Italia hanno coperto il 35% della produzione lorda di energia. Il Rapporto del GSE.     Cresce il ruolo delle rinnovabili in Italia, nel 2017 infatti il 18.3% dei consumi energetici ...

08/02/2019

Gli ultimi 4 anni sono stati i più caldi di sempre

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres ha chiesto un'azione urgente per il clima, mentre l'agenzia meteorologica dell'ONU conferma il record di riscaldamento globale     Dopo l'allarme lanciato dal rapporto ...

07/02/2019

La crescita di fotovoltaico ed eolico in Europa

Agora Energiewende e Sandbag hanno presentato la valutazione annuale del sistema elettrico dell'UE per il 2018: lo scorso anno l'elettricità rinnovabile ha ridotto del 5% le emissioni di CO2 nel settore energetico dell'Unione, con la progressiva ...

06/02/2019

Le città diventano intelligenti e sostenibili

Presentati al Klimahause di gennaio gli interventi realizzati a Bolzano e Innsbruck nell’ambito del progetto Sinfonia: edifici riqualificati, fonti rinnovabili, migliorie alla rete di teleriscaldamento     I risultati del progetto europeo ...

06/02/2019

Presentata in Commissione UE la proposta per il Piano nazionale integrato Energia e Clima

Una nota del Ministero dell'Ambiente fa sapere che la proposta di Piano Nazionale Energia e Clima è stata presentata in Commissione UE: al 2030 rinnovabili al 30% e riduzione dei consumi energetici del 43%.     Il Piano stabilisce le ...

05/02/2019

A che punto è la tecnologia digitale nella filiera dell'energia?

A Milano il 14 febbraio la presentazione del Digital Energy Report per fare il punto su potenziale delle tecnologie digitali, con particolare attenzione a smart city e smart community     L'Energy&Strategy Group del Politecnico di ...

31/01/2019

6 grafici per spiegare le azioni climatiche da intraprendere entro il 2020

Il think tank World Resources Institute (WRI) ha preparato un documento che aiuta a capire come rispettare l'obiettivo di limitare l'aumento della temperatura globale a 1,5°     I paesi firmatari dell'accordo di Parigi si sono ...