IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > PV Cycle: programma volontario per la gestione dei rifiuti di pannelli fotovoltaici

PV Cycle: programma volontario per la gestione dei rifiuti di pannelli fotovoltaici

L'associazione, nata nel 2007, con l’obiettivo di mettere in atto l’impegno dell’industria fotovoltaica per la creazione di un programma volontario di recupero e riciclaggio dei rifiuti di pannelli fotovoltaici giunti al termine del loro ciclo di vita, ha presentato nei giorni scorsi una dichiarazione volontaria alla Commissione Europa.

Nella dichiarazione viene espresso il desiderio di Creare un programma volontario per la gestione dei rifiuti di pannelli fotovoltaici giunti al termine del loro ciclo di vita, fondato sul principio della responsabilità estesa del produttore, che contribuirà alla sostenibilità dell’industria, rappresentando un riferimento per la gestione ambientale di tali pannelli su scala mondiale e rispettare il diritto e gli impegni internazionali dell’Unione europea.

Le società che compongono PV cycle hanno raggiunto un accordo su una serie di propositi riguardanti l'UE, in particolare verrà stabilito un programma su base volontaria, di recupero e riciclaggio dei pannelli fotovoltaici immessi o che saranno immessi dai membri PV Cycle. Il programma sarà finanziato con quote versate dalle società aderenti all'accordo volontario.

Gli obiettivi espressi nella dichiarazione sono molto audaci e si possono così riassumere:

  • Raccogliere il 65% dei pannelli immessi sul mercato
  • riciclare almeno l'85% dei pannelli raccolti
  • aumentare il tasso di riciclaggio progressivamente, in funzione della riduzione dell'impatto ambientale e della fattibilità economica
Le percentuali sopra indicate sono da intendere riferite ad una base di pannelli installati dalle società aderenti a PV Cycle che abbiano superato un ciclo di vita di almeno 25 anni a partire dal 1990, anno dal quale si registrano le prime installazioni significative.

La realizzazione degli obiettivi sarà monitorata da un organismo indipendente e composto da rappresentanti del parlamento europeo.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
13/12/2019

Boom fotovoltaico, nel 2019 +100% in Europa

Il 2019 sarà l'anno con la crescita più significativa del fotovoltaico europeo dal 2010: 16,7 GW di nuove installazioni. La Spagna con 4,7 GWha registrato la crescita più significativa. Entro la fine del 2019, l'UE avrà ...

12/12/2019

Gennaio-agosto 2019, + 49% per le rinnovabili

Crescono nei primi 9 mesi del 2019 le installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico che nel complesso a fine agosto 2019 raggiungono 771 MW. + 200% per eolico,+28% per fotovoltaico. L'Osservatorio di Anie ...

11/12/2019

Accordo sulla Manovra, la plastic tax a 0,40 centesimi

La tassa partirà da luglio, quella sullo zucchero da ottobre. La legge di Bilancio dopo l’accordo di maggioranza arriva a 32 miliardi, ma le tensioni nel governo non finiscono. Intanto di plastica se ne produce più dell’acciaio, ...

11/12/2019

Al via le domande in Friuli per bando accumulo per il fotovoltaico

Via libera da parte dell'Amministrazione regionale del Friuli, alla concessione di contributi straordinari per l'acquisto e l'installazione di sistemi di accumulo di energia elettrica. Domande solo on line. I bandi e gli incentivi promossi ...

10/12/2019

Piccole innovazioni sostenibili che trasformano l'abitare

Tutti noi possiamo e dobbiamo fare scelte più consapevoli e sostenibili nel nostro quotidiano, che limitino la nostra impronta ecologia. Alcune proposte per gli arredi indoor e outdoor che ci possono aiutare   la redazione

09/12/2019

La transizione energetica oltre il PNIEC

Il limite di emissioni di CO2 che l’Italia non può superare per rispettare l’aumento della temperatura globale entro 1,5° è di 3,8 miliardi di tonnellate. Lo Studio firmato Eurac Research. L’opportunità economica ...

05/12/2019

Solo un paese su 5 ha una strategia sanitaria per affrontare il cambiamento climatico

Proteggere la salute delle persone dai pericoli del cambiamento climatico, come per esempio lo stress da calore, tempeste e tsunami non è mai stato più importante, ma secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità la maggior parte dei ...

03/12/2019

COP25: le strategie per limitare il riscaldamento di 1,5°

In un momento in cui si intensificano gli allarmi per i livelli di emissioni in atmosfera senza precedenti, eventi metereologici estremi, surriscaldamento con conseguente aumento della siccità, la COP 25 di Madrid rappresenta un’occasione ...