IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Raccolta differenziata: l’importanza del corretto smaltimento

Raccolta differenziata: l’importanza del corretto smaltimento

Si sa, la produzione di rifiuti è in crescita costante e con essa la necessità di attuare una raccolta differenziata efficace che possa condurre a una via di miglioramento, in un’epoca in cui l’ecosistema appare fortemente minacciato. La produzione incontrollata di rifiuti causa danni consistenti all’ecosistema marino e per questo è necessaria un’azione determinata e consapevole per operare in una direzione sostenibile.

 

 A cura di Fabiana Murgia

 

 Rifiuti sulle spiagge

 

Indice:

La produzione inarrestabile di rifiuti ha causato, nel corso degli anni, danni ingenti all’ecosistema marino e alle spiagge; lo ha dimostrato l’indagine Beach Litter 2018, svolta da Legambiente, che ha monitorato 78 spiagge rinvenendo 48.388 rifiuti in un’area complessiva di 416.850 mq.

 

Si parla di una media di 620 rifiuti ogni 100 metri lineari di spiaggia campionata, la maggior parte dei quali rappresentano resti di plastica.

 

L’afflusso incontrollato di rifiuti in mare e sulle spiagge deriva da una pessima gestione a monte che può tradursi in un’attuazione errata della raccolta differenziata, se non addirittura in una vera e propria mancanza.

 

Un altro grosso problema è rappresentato dalla provenienza diretta dei rifiuti dagli scarichi non depurati e dalla cattiva abitudine di utilizzare i wc come una pattumiera.

 

Le conseguenze che queste abitudini sbagliate si portano dietro sono gravissime e possono tradursi negli impatti negativi osservati su tartarughe, mammiferi e uccelli marini, filtratori, invertebrati o pesci, ossia tutti gli esseri viventi a contatto con l’ecosistema marino.

I danni provocati dai rifiuti

I rifiuti che ogni anno si riversano sulle spiagge e nei mari generano danni che non possono essere considerati con superficialità; possono intrappolare, ferire o addirittura essere ingeriti dalle specie che popolano l’ecosistema marino, provocando soffocamento, malnutrizione ed esposizione alle sostanze tossiche contenute o assorbite dalla plastica.

 

 Danni sull'ecosistema

 

L’analisi attuata sulle specie marine ha mostrato un’avvenuta ingestione in oltre 180 specie marine e un recente studio dell’Università di Siena, condotto nel Tirreno settentrionale sulla tartaruga Caretta, ha registrato la presenza di rifiuti di plastica nello stomaco del 71% di individui sottoposti all’analisi del tratto gastrointestinale.

L’importanza della raccolta differenziata

Una delle strade da intraprendere per porre un freno all’accumulo della spazzatura sulle spiagge è quella della corretta differenziazione dei rifiuti, affinché sia possibile operare uno smaltimento efficiente.

 

 Raccolta differenziata

 

Oltre ai rifiuti cumulabili è necessario ricordare che esistono oggetti solidi e non, che rientrano nella categoria dei rifiuti speciali e prevedono quindi un trattamento particolare, come le batterie scariche che sono inquinanti e altamente pericolose in quanto dotate di sostanze tossiche come nichel, cadmio e piombo che possono contaminare il terreno e le falde acquifere, rientrando nelle abitazioni dal rubinetto e provocando malattie.

 

È necessario, quindi, smaltirle solo negli appositi punti di raccolta.

 

Così come accade per l’olio che, se buttato nel lavandino, genera danni enormi compromettendo la potabilità di circa un milione di litri d’acqua.

La raccolta della plastica

Nonostante la plastica rappresenti, ad oggi, la minaccia più pericolosa tra i rifiuti presenti per l’ecosistema è utile sapere che tra tutti i materiali è quello che si presta maggiormente a un riciclo completo; ecco perché è fondamentale differenziare questa materia in modo adeguato, evitandone la dispersione in ambiente, dove rimarrebbe intatta per centinaia di anni.

 

 Come differenziare i rifiuti

 

È necessario, quindi, raccogliere assieme bottiglie, buste della pasta, flaconi dei prodotti utilizzati per le pulizie, vaschette del gelato, cassette e retine di frutta e verdura, vasetti dello yogurt e incarti trasparenti di brioches e caramelle, preoccupandosi dell’eventuale pulitura dei contenitori con residui organici e della rimozione di etichette di carta.

 

Gettare rifiuti plastici sporchi può portare l'imballaggio ad essere scartato dai sistemi di smistamento automatico che rilevano un peso più alto del dovuto, inoltre è fondamentale non accartocciare le bottiglie che potrebbero non essere riconosciute dal sistema, eventualmente è possibile appiattirle.

La raccolta del vetro

Per quanto riguarda la raccolta del vetro vengono considerati idonei bottiglie e barattoli, anch’essi necessariamente puliti e vuoti, mentre vengono esclusi dalla lista lampadine, neon, specchi, bicchieri e contenitori in pirex, materiali che non è possibile riciclare e sono destinati all'indifferenziata.

La raccolta della carta

Lo smaltimento della carta include la raccolta giornali, scatole, cartoni ben piegati, quaderni, scatole del latte, contenitori dei succhi di frutta, dei corn flakes e vaschette porta-uova in cartone. 

 

 Raccolta della carta

 

Vengono esclusi rifiuti di carta unta, carta da forno e piatti e bicchieri di carta, oltre agli scontrini che vengono prodotti con carta chimica, o termica, generando problemi nella reazione al calore.

 

Anche Comieco, il Consorzio Nazionale per il Recupero e il Riciclo degli imballaggi a base cellulosicainvita ad essere responsabili e a rispettare l'ambiente in vacanza, raccomandando di fare attenzione nella raccolta dei rifiuti e di dotarsi di bidoni diversificati anche in una casa vacanza.

 

Si pensi che se ogni italiano differenziasse dal resto dei rifiuti anche solo 3 riviste, 3 quotidiani, 2 scatole di gelati, 4 cartoni di succo di frutta e 2 fascette dello yogurt, si raccoglierebbero ben 140.000 le tonnellate di carta e cartone, l’equivalente di un’intera discarica. 

 

I rifiuti a base di cellulosa sono considerati “preziosi” in quanto possono tornare a nuova vita grazie a un riciclo totale.

La raccolta dell’umido

La raccolta dell’umido organico permette di restituire all’ambiente composti utili per diverse attività, quali la concimazione di orti e campi.

 

Sono considerati rifiuti organici gli avanzi di cibo, gli alimenti ammuffiti, le bucce della frutta, i sacchetti del tè, i fondi del caffè e i fiori secchi.

 

Importante ricordare di inserire nell’umido i tovaglioli e i fazzoletti, anche se sporchi di cibo, in quanto capaci di decomporsi e quindi adatti al riciclo; gettarli nell’indifferenziata vorrebbe dire sprecare la possibilità di riciclarli.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
11/12/2019

Accordo sulla Manovra, la plastic tax a 0,40 centesimi

La tassa partirà da luglio, quella sullo zucchero da ottobre. La legge di Bilancio dopo l’accordo di maggioranza arriva a 32 miliardi, ma le tensioni nel governo non finiscono. Intanto di plastica se ne produce più dell’acciaio, ...

11/12/2019

Al via le domande in Friuli per bando accumulo per il fotovoltaico

I bandi e gli incentivi promossi dalle Regioni per efficienza ed energie rinnovabili: dalle smart grids in Puglia all’efficientamento energetico degli edifici in Liguria, Emilia Romagna e Lombardia, dal Piano Green in Piemonte ai tetti verdi di ...

10/12/2019

Piccole innovazioni sostenibili che trasformano l'abitare

Tutti noi possiamo e dobbiamo fare scelte più consapevoli e sostenibili nel nostro quotidiano, che limitino la nostra impronta ecologia. Alcune proposte per gli arredi indoor e outdoor che ci possono aiutare   la redazione

09/12/2019

La transizione energetica oltre il PNIEC

Il limite di emissioni di CO2 che l’Italia non può superare per rispettare l’aumento della temperatura globale entro 1,5° è di 3,8 miliardi di tonnellate. Lo Studio firmato Eurac Research. L’opportunità economica ...

05/12/2019

Solo un paese su 5 ha una strategia sanitaria per affrontare il cambiamento climatico

Proteggere la salute delle persone dai pericoli del cambiamento climatico, come per esempio lo stress da calore, tempeste e tsunami non è mai stato più importante, ma secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità la maggior parte dei ...

03/12/2019

COP25: le strategie per limitare il riscaldamento di 1,5°

In un momento in cui si intensificano gli allarmi per i livelli di emissioni in atmosfera senza precedenti, eventi metereologici estremi, surriscaldamento con conseguente aumento della siccità, la COP 25 di Madrid rappresenta un’occasione ...

03/12/2019

Nanotecnologie: il futuro sostenibile dell’energy storage passa da qui

Un report realizzato da scienziati internazionali sottolinea l’importanza dei nanomateriali per fare energy storage e provvedere a un futuro energetico più sostenibile   a cura di Andrea Ballocchi     Indice degli ...

02/12/2019

Diagnosi energetica: da obbligo a volano dell’efficienza energetica

Il 5 dicembre scade l’obbligo di diagnosi energetica per le grandi imprese e le energivore. È una misura per fare efficienza energetica, valida per tutte le aziende   a cura di Vittorio Gabrielli       Indice degli ...