Advertisement
IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Scioglimento dei ghiacci: dal 1990 peggiorato di 6 volte

Scioglimento dei ghiacci: dal 1990 peggiorato di 6 volte

La Groenlandia e l'Antartide stanno perdendo ghiaccio talmente velocemente da seguire lo scenario peggiore del riscaldamento climatico previsto dall'IPCC

 

Scioglimento dei ghiacci: dal 1990 peggiorato di 6 volte

 

Il team dell'Ice Sheet Mass Balance Intercomparison Exercise (IMBIE) - composto da di 89 scienziati polari di 50 organizzazioni internazionali - ha realizzato lo studio più completo sullo scioglimento della calotta polare fino ad oggi, calcolando le variazioni di massa delle calotte di ghiaccio della Groenlandia e dell'Antartico tra il 1992 e il 2018.

 

Il quadro che emerge, spiegano i ricercatori dell'Università di Leeds, è davvero allarmante. Rispetto al 1990 oggi lo scioglimento dei ghiacci è 6 volte più rapido, il che rende plausibile il peggiore degli scenari sul riscaldamento climatico previsto dall'IPCC. Continuando in questo modo ci sarà un ulteriore innalzamento del livello del mare di 17 centimetri entro il 2100

 

I risultati, pubblicati in due articoli sulla rivista Nature, mostrano che la Groenlandia e l'Antartide hanno perso 6,4 trilioni di tonnellate di ghiaccio tra il 1992 e il 2017 - spingendo il livello del mare globale verso un innalzamento di 17,8 millimetri, 10,6 (60%) dovuti alle perdite di ghiaccio della Groenlandia e 7,2 millimetri (40%) all'Antartide.

 

Nel Rapporto pubblicato dall'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) si prevede che il livello del mare aumenterà di 53 centimetri entro il 2100, mettendo 360 milioni di persone a rischio di inondazioni costiere annuali. In realtà gli studi del Team dell'IMBIE dimostrano che le perdite di ghiaccio sia dall'Antartide che dalla Groenlandia stanno aumentando più velocemente del previsto, seguendo lo scenario di riscaldamento climatico peggiore.

 

Il professor Andrew Shepherd dell'Università di Leeds, tra i responsabili della ricerca, ha sottolineato: "Ogni centimetro di innalzamento del livello del mare porta a inondazioni costiere e all'erosione delle coste, sconvolgendo la vita delle persone in tutto il pianeta. Se l'Antartide e la Groenlandia continueranno a seguire questo andamento, causeranno un ulteriore innalzamento del livello del mare di 17 centimetri entro la fine del secolo. Questo significherebbe che 400 milioni di persone sono a rischio di inondazioni costiere annuali entro il 2100, con impatti devastanti per le comunità costiere".

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
10/04/2020

Superare l'emergenza Coronavirus ripartendo dal green

Il ministro dell’Ambiente Sergio Costa intervenendo alla Camera ha parlato dell'opportunità del green per far ripartire l'Italia post emergenza COVID-19: “Una nuova normalità spinta dal green e un'occasione che non possiamo ...

09/04/2020

Grandi elettrodomestici e risparmio energetico nel rispetto dell’ambiente

Scegliere oggi grandi elettrodomestici di classe A o superiore è il modo migliore per abbattere i consumi di acqua ed energia, ottenendo comunque risultati eccellenti.     Indice degli argomenti: Leggere l’etichetta ...

09/04/2020

Inquinamento atmosferico e maggiore mortalità COVID-19 negli USA

Una ricerca statunitense, i cui risultati sono stati pubblicati sul New York Times, collega il tasso di mortalità di Covid-19 all'esposizione all'inquinamento in certe zone del paese. Uno studio che potrebbe aiutare a spiegare anche gli impressionanti ...

06/04/2020

Come rilanciare l'edilizia, il piano di Fillea – Legambiente post COVID-19

Fillea CGIL – Legambiente hanno presentato alcune proposte per il rilancio del settore dell'edilizia post coronavirus: ristrutturazioni energetiche a 1,2 milioni di condomini garantirebbero 430mila posti di lavoro, investimenti, risparmi in bolletta per ...

02/04/2020

Energia e Intelligenza Artificiale: perché è un’unione perfetta

Il mondo dell’energia può solo trarre beneficio dall’impiego della Intelligenza Artificiale: dalla produzione all’accumulo, ecco le ultime ricerche e le più interessanti applicazioni   a cura di Andrea ...

01/04/2020

Il settore dell'energia colpito dal Covid-19, è un fattore chiave per la ripresa

La nuova pandemia di coronavirus ha creato una crisi economica e sanitaria globale senza precedenti. Il settore dell'energia, che rappresenta un fattore chiave della vita moderna, è colpito in modo particolare ma è anche fondamentale ...

30/03/2020

Il clima migliorerà (purtroppo) a causa del coronavirus, nel 2020 emissioni sotto anche del 7%

L’Ispra conferma per il 2019 il disaccoppiamento tra l’andamento delle emissioni (che si riducono) e l’andamento del Pil (che cresce), e spiega che il calo delle emissioni è dovuto soprattutto alle restrizioni alla mobilità ...

27/03/2020

Il potenziale non sfruttato dei rifiuti organici nel fornire energia pulita

Secondo un nuovo rapporto dell'IEA, le risorse mondiali di biogas e biometano potrebbero coprire il 20% della domanda globale di gas, riducendo contemporaneamente le emissioni di gas serra.     Secondo il nuovo rapporto dell'Agenzia ...