Nuovo brevetto per pompa di calore elio-assistita

Il Dipartimento di Energia del Politecnico di Milano ha brevettato una nuova pompa di calore che unisce la tecnologia tradizionale di tipo aria-acqua con quella dei pannelli solari ibridi fotovoltaici termici

Dal Polimi Nuovo brevetto per pompa di calore elio-assistita

Le pompe di calore elettriche sono sempre più utilizzate in edilizia per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria. Il loro funzionamento grava quasi del tutto sulla rete elettrica nazionale perché l’energia deve provenire da una sorgente a bassa temperatura (circa tra il 60% e 80% da acqua, aria o terreno) e l’energia elettrica deve essere prelevata dalla rete elettrica nazionale (circa tra 20% e 40%).

Un nuovo brevetto del Dipartimento di Energia del Politecnico di Milano assicura interessanti vantaggi perché richiede un prelievo di energia elettrica dalla rete ridotto e assicura la produzione di acqua calda sanitaria anche in assenza di irraggiamento.

La nuova pompa di calore unisce la tecnologia tradizionale di tipo aria-acqua con quella dei pannelli solari ibridi fotovoltaici termici. In particolare nell’evaporatore speciale a triplo fluido acqua-aria-refrigerante, che fa da congiunzione, oltre a scorrere il fluido refrigerante, è ricavato un circuito in cui scorre contemporaneamente acqua.

Quest’ultimo circuito ad acqua è collegato al campo di pannelli solari ibridi che sono usati per aumentare la temperatura dell’acqua e per produrre energia elettrica.

In questo modo, si legge nel comunicato del Politecnico, la temperatura media dell’aria che passa attraverso l’evaporatore aumenta grazie al riscaldamento imposto dalla portata di acqua calda che proviene dal campo di pannelli solari, assicurando l’ottimizzazione delle prestazioni energetiche della pompa di calore.

Inoltre, la potenza elettrica generata dal campo di pannelli solari ibridi viene usata per soddisfare la richiesta della pompa di calore diminuendone in questo modo il prelievo dalla rete elettrica o garantendone il funzionamento autonomo.

Vantaggi della nuova pompa di calore

  • Funziona anche in assenza di radiazione solare
  • In presenza di radiazione solare, funziona con prestazioni energetiche migliori a parità di effetto utile
  • richiede un minor prelievo di energia elettrica dalla rete
  • Garantisce prestazioni migliori anche del campo di pannelli solari ibridi
  • Nella stagione estiva, può essere utilizzata per raffrescare gli ambienti e assicurando che i pannelli solari vengano utilizzati per la produzione di acqua calda sanitaria

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Sostenibilità e Ambiente

Le ultime notizie sull’argomento