Advertisement

Progetto europeo per realizzare batterie per auto super efficienti

MARS-EV è un progetto europeo che coinvolge 16 centri di ricerca e università con l’obiettivo di realizzare batterie litio-ione super efficienti

Enea e Politecnico di Torino sono i centri italiani coinvolti dal progetto europeo MARS-EV che in tutto conta 16 istituti di ricerca e Università di 5 paesi, impegnati a realizzare materiali innovativi per batterie litio-ione ad alta energia, più sicure, resistenti e a basso impatto ambientale, da destinare alla mobilità elettrica.

Il progetto, che ha un costo totale di 9 milioni di euro, è partito nell’ottobre del 2013 e si concluderà il prossimo settembre e ha lo specifico obiettivo di realizzare sistemi di accumulo elettrochimico litio-ione per la mobilità elettrica con prestazioni molto superiori, fino a 250 Wh kg-1 di energia accumulata rispetto agli attuali 150 Wh kg-1.

Nel corso del workshop “Materiali all’avanguardia per batterie litio-ione ad alta energia”, promosso da ENEA a Roma nei giorni scorsi sono stati presentati i risultati ottenuti nei primi tre anni di attività e le prospettive future.

Fra le novità presentate, i materiali per realizzare componenti per batterie litio-ione ad elevata energia, più sicuri e che assicurino una durata maggiore in termini di cicli di carica e scarica, con lo scopo di arrivare ad un prototipo di cella di scala pre-industriale più sostenibile e riproducibile in diverse dimensioni.

È stato inoltre messo a punto uno specifico modello matematico per tenere conto dell’invecchiamento dei componenti e delle esigenze di assicurare il recupero ottimale dei materiali di scarto dalle celle a fine vita.

L’Enea durante il workshop ha anche proposto le nuove linee di ricerca nel campo degli accumuli elettrici ed elettrochimici per lo sviluppo delle fonti rinnovabili e della mobilità elettrica.

In particolare, l’Agenzia svilupperà una nuova linea di attività su simulatori e dimostratori di reti e microreti dotate di sistemi di accumulo integrati con sistemi generativi e cogenerativi. Verranno inoltre sviluppate tecnologie per l’accumulo elettrochimico per applicazioni sia fisse che mobili che interessano accumulatori litio-zolfo, batterie litio-ione (riduzione dei costi di produzione), sistemi ibridi batteria-supercondensatore per dispositivi di ricarica rapida di veicoli elettrici adibiti al trasporto urbano, inclusa la valutazione dell’invecchiamento e della sicurezza.

Fonte Enea

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Mobilità elettrica

Le ultime notizie sull’argomento