Advertisement

Share’ngo in grado di rilevare l’inquinamento acustico e ambientale

Partirà da maggio a Milano la fase sperimentale con le prime otto auto SHARE’NGO dotate di speciali dispositivi elettronici per rilevare dati ambientali e campi elettromagnetici

Come abbiamo più volte ripetuto anche su queste pagine la mobilità elettrica è un settore che nei prossimi anni è destinato a rivoluzionare drasticamente il modo di muoversi, in città e non solo. Per quanto l’Italia sia più indietro su questo fronte rispetto agli altri paesi europei, anche nel nostro paese qualcosa sta cambiando.

E’ stato presentato nei giorni scorsi a Milano, da Share’ngo, Fastweb e AMAT (Agenzia per la Mobilità, l’Ambiente e il Territorio di Milano), un interessante progetto che prevede la sperimentazione nel capoluogo meneghino, la prima in tutto il mondo, di rilevazione dei dati ambientali di inquinamento e campi elettromagnetici, da una rete di car sharing. Un progetto innovativo che unisce mobilità e connettività coerentemente con il nuovo processo di internet delle cose e di connected car a sostegno della qualità dell’ambiente.

In particolare con il progetto COWATCH-INTELLIGENT SEED una flotta di auto elettriche che complessivamente percorre 35.000 km. al giorno in una città come Milano, riesce a trasmette fino a 0,25 terabyte di dati di controllo ambientale all’ora.

La fase sperimentale partirà a maggio quando saranno dislocate in giro per la città le prime otto auto SHARE’NGO , in una speciale livrea verde, dotate dei dispositivi elettronici in grado di misurare in mobilità inquinamento ambientale, temperatura e umidità dell’aria; inquinamento acustico e campi elettromagnetici.

Amat analizzerà i dati e, in collaborazione con Share’ngo e Fastweb, progetterà la sperimentazione di nuove forme di rilevazione, trasmissione, aggregazione e presentazione di informazioni utili per i cittadini, a salvaguardia della salute e per aiutare l’educazione collettiva ai comportamenti sostenibili, volti alla riduzione degli inquinanti, del traffico e del rumore.

Fastweb fornisce tutti i servizi di connettività che permettono la trasmissione dei dati in tempo reale e che in futuro trasformerà le auto in punti wi-fi.  Le auto sono dotate di  tecnologie di monitoring ambientale NUVAP che, in partnership con Telcomms, ha sviluppato e testato l’utilizzazione in mobilità di Nuvap N1, il primo dispositivo al mondo compatto in grado di rilevare fino a 24 diversi parametri ambientali,  tra cui l’inquinamento acustico, l’inquinamento dell’aria (monossido di carbonio, e polveri sottili), la qualità dell’aria (H2, LPG, Alcohol, NH3, Etanolo, Toluene), la temperatura e l’umidità.

Il sistema di rilevazione delle auto share’ngo ECOWATCH

Il progetto COWATCH-INTELLIGENT SEED parte da Milano ma nel 2017 è previsto l’avvio di programmi simili ad Amsterdam in Olanda (dove Share’ngo avvierà il servizio di car sharing) e a Ningbo in Cina.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Mobilità elettrica

Le ultime notizie sull’argomento