IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > In GU la Manovrina, le novità per edilizia e rinnovabili

In GU la Manovrina, le novità per edilizia e rinnovabili

Ecobonus, cessione detrazione per i condomini, sismabonus, impianti fotovoltaici contraffatti: tutte le novità contenute nella manovra fiscale in vigore dal 24 giugno 2017 

 

 

 

E’ stata pubblicata sulla GU del 21 giugno la conversione in legge del Dl 50/2017, con le disposizioni urgenti in materia finanziaria, iniziative a favore degli enti territoriali, ulteriori interventi per le zone colpite da eventi sismici e misure per lo sviluppo. 

Ecobonus condomini

Tra le principali novità il Governo ha confermato la possibilità per i soggetti incapienti, appartenenti alla no tax area, di cedere anche alle Banche le detrazioni del 65% per gli interventi di riqualificazione di parti comuni degli edifici, dal 31 dicembre 2017 al 31 dicembre 2021.

 

Rete Irene che insieme ad altre associazioni si è molto impegnata per assicurare la cedibilità delle detrazioni per i condomini, in una nota sottolinea che grazie alla Manovrina, ora ci sono due possibilità, regolate dal D.L. 63/2013:

  • art. 14, comma 2-sexies e art. 16, comma 1-quinquies: a favore di tutti, la cessione verso qualunque soggetto privato diverso da banche e intermediari finanziari, per interventi di riqualificazione energetica dell’involucro degli edifici condominiali (detrazioni 70-75%) o finalizzati al loro miglioramento sismico (detrazioni 75-85%).
    L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato i decreti che definiscono le modalità di cessione.
  • art. 14, comma 2-ter: a favore dei soli incapienti, la cessione verso qualunque soggetto privato comprese le banche e gli intermediari finanziari, per tutti gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici condominiali (detrazioni 65-70-75%).
    Le modalità di attuazione dovranno essere definite con specifico provvedimento dell’Agenzia delle Entrate. 

Rete Irene pur apprezzando la novità che certamente rappresenta un primo passo nell’ambito della razionalizzazione del sistema di incentivazione, non nasconde che si tratta di una vittoria dai modesti effetti pratici. “Gli incapienti infatti potevano già cedere ad altri soggetti diversi dalle banche. E le banche, che potranno utilizzare i crediti acquistati solo in compensazione di propri debiti verso l’erario, oppure ricedendoli nuovamente ad altri soggetti, probabilmente non saranno così entusiaste di acquistare piccoli crediti al dettaglio".

 

A questo proposito secondo Rete Irene il Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate, che definirà l’attuazione di questa cessione, dovrebbe permettere di avvalersi della nuova facoltà di cessione ex comma 2-ter anche ai condòmini che acquisiscono lo status di incapienti negli anni successivi a quello di sostenimento delle spese (sempre che nel frattempo non abbiano già fruito della cessione ex comma 2-sexies). Inoltre sarebbe auspicabile permettere ai cessionari (almeno quelli appartenenti alla categoria dei soggetti finanziari) di ricedere le rate relative a singole annualità. In questo modo si potrebbe gestire in modo molto più flessibile la copertura finanziaria, minimizzando i costi della provvista di risorse.

 

Il rischio con questa legge è che si creino difficoltà fra i condòmini che rientrano nella definizione di incapienti e quelli che magari lo diventeranno, o coloro che semplicemente non lo sono per poche migliaia di euro; aumentando i problemi nelle assemblee condominiali, fra chi ha interesse a vendere le proprie detrazioni e quelli per i quali è più conveniente assumere un finanziamento, obbligando quindi a gestire in modo differenziato le quote delle diverse categorie di condòmini.

 

L’auspicio di Rete Irene è che in occasione della prossima Legge di Bilancio si incentivino in maniera più razionale gli interventi di riqualificazione profonda, premiando gli interventi integrati, che comprendono involucro, impianti, parti condominiali e parti pertinenti le singole unità abitativa.  

Cambiamento destinazione d’uso

Per gli interventi edilizi di restauro e di risanamento conservativo è possibile il mutamento di destinazione d'uso a condizione che gli elementi tipologici, formali e strutturali siano compatibili e conformi con quanto previsto dallo strumento urbanistico generale e dai relativi piani attuativi. 

Sismabonus

Chi acquista una casa in un edificio demolito e ricostruito, anche con variazione volumetrica, nei comuni che si trovano nelle zone a rischio sismico 1, nel caso venga assicurato il passaggio ad una classe di rischio inferiore, ha diritto alla detrazione rispettivamente del 75% e dell’85% del prezzo della singola unità immobiliare, fino a 96.000 euro per singola unità immobiliare.
Ricordiamo che in questo caso è possibile cedere il credito alle imprese che hanno effettuato gli interventi ovvero ad altri soggetti privati, mentre non è stata estesa la cessione delle detrazioni a istituti di credito e intermediari finanziari.

 

E’ stato confermato il "Fondo per la progettazione definitiva ed esecutiva nelle zone a rischio sismico" che prevede un totale di 40 milioni di euro per il triennio 2017-2019, 5 milioni di euro per l’anno 2017, 15 milioni di euro per l’anno 2018 e 20 milioni di euro per l’anno 2019. I fondi sono destinati ai Comuni nelle zone a rischio sismico 1, a copertura delle spese di progettazione definitiva ed esecutiva, che riguardano interventi di opere pubbliche. L’ammontare del contributo attribuito a ogni Comune è definito entro il 15 novembre per l’anno 2017 e il 30 settembre per ciascuno degli anni 2018 e 2019, con decreto del Ministero dell’interno, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze. 

Certificazioni per impianti fotovoltaici contraffatti

Per quanto concerne le sanzioni in materia di incentivi agli impianti fotovoltaici, è stato Introdotto un nuovo emendamento per gli impianti con pannelli non certificati o non rispondenti alla normativa di riferimento, che interessa gli impianti di potenza superiore ai 3 KW che hanno beneficiato degli incentivi. Ai sensi del nuovo comma 4-bisnel caso in cui il soggetto beneficiario della tariffa incentivante abbia intrapreso azioni consentite dalla legge nei confronti dei responsabili della non conformità dei moduli, si applica, su istanza del soggetto beneficiario, una decurtazione del 20% della tariffa incentivante base per l’energia prodotta sin dalla data di decorrenza della convenzione con il GSE.

Il nuovo comma 4-ter dispone un dimezzamento della suddetta decurtazione qualora il beneficiario dell’incentivo dichiari spontaneamente, al di fuori di un procedimento di verifica o di indagine, la mancanza della certificazione o che la certificazione non risponde alla normativa di riferimento. 

Impianti eolici

Infine, il comma 4-sexies dispone che tutti gli impianti eolici già iscritti in posizione utile nel registro EOLN-RG2012ai quali è stato negato l'accesso agli incentivi di cui al D.M. 6 luglio 2012 a causa della errata indicazione della data del titolo autorizzativo in sede di registrazione dell'impianto al Registro EOLN-RG2012, sono riammessi agli incentivi previsti dalla normativa per tale registro.

La riammissione avviene a condizione che l'errata indicazione della data del titolo autorizzativo non abbia effettivamente portato all'impianto un vantaggio in relazione alla sua posizione in graduatoria.

TEMA TECNICO:

Normativa

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
13/11/2017

15 milioni per le diagnosi energetiche delle PMI

Pubblicato il Bando dal ministero dello Sviluppo Economico a sostegno delle PMI per la realizzazione di diagnosi energetiche in modo da efficientare i loro consumi   Il ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato il bando 2017 destinato a ...

13/11/2017

SEN 2017: Italia fuori dal carbone dal 2025

Presentato a Palazzo Chigi il testo definitivo della Strategia Energetica Nazionale, che prevede un investimento di 175 miliardi, di portare le rinnovabili al 55% nei consumi elettrici al 2030 e fine carbone al 2025       Il ...

08/11/2017

Proposte per migliorare l'ecobonus per il 2018

L’analisi di Virginio Trivella di Rete Irene del testo della Legge di Bilancio 2018 e alcuni suggerimenti per ottimizzare l’ecobonus     Virgino Trivella, coordinatore del Comitato tecnico scientifico di Rete Irene, ci propone ...

31/10/2017

In Senato il testo definitivo della Legge di Bilancio 2018, le novità per l’edilizia

E’ arrivato in Senato per l’esame parlamentare il testo finale della legge di bilancio 2018: prorogate le detrazioni fiscali per i lavori di ristrutturazione edilizia e di riqualificazione efficiente. Confermato il ...

31/10/2017

Le proposte del Senato per il nuovo APE europeo

Il Senato ha approvato una risoluzione con i commenti alla proposta del parlamento Europeo di modifica alla  direttiva 2010/31/UE sulla prestazione energetica dell'edilizia per garantire risparmio energetico ed ...

11/10/2017

Inchiesta preliminare UNI per posatori di cappotti termici

Inchiesta preliminare pubblica per norme che definiscono requisiti precisi per i posatori di cappotti termici e determinazione dei metodi di calcolo per i rendimenti della climatizzazione 
  Sono 21 i nuovi progetti di norma che ...

30/08/2017

Come cedere ecobonus condomini no tax area anche alle banche

Pubblicata l'attesa circolare dell'Agenzia delle Entrate con i chiarimenti per la cessione anche alle banche, per i contribuenti no tax area, dell'ecobonus per i lavori in condominio     L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul proprio ...

03/08/2017

Il Senato approva il DDL Concorrenza

Slitta a luglio 2019 la fine del mercato tutelato per l'energia elettrica e il gas. Possibile per gli utenti rateizzare le maxi bollette     Dopo un percorso travagliato durato quasi 3 anni, con 146 sì e 113 no il Senato ha approvato con ...