IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Coworking eco-sostenibili

Coworking eco-sostenibili

Lavorare in ambienti green friendly: ecco l’obiettivo di questi 3 coworking in giro per il mondo


a cura di Fabiana Valentini

 

Coworking eco-sostenibili, il TreeXOffice a Londra

 

Essere freelance significa doversi spostare spesso e talvolta avere bisogno di punti di appoggio per una riunione o per incontrare un cliente. I coworking nascono per soddisfare queste esigenze: si tratta di spazi di lavoro polifunzionali dotati di ogni comfort.

 

Ci sono alcune hub creative che mettono a disposizione ambienti in cui lavorare e rilassarsi circondati dal verde: andiamo alla scoperta di tre incredibili progetti di coworking eco-sostenibili, luoghi di lavoro alternativi davvero unici. 

TreeXOffice – Londra 

Un progetto di coworking che più green non si può: stiamo parlando dell’innovativo TreeXOffice (img in apertura), l’installazione creata dallo studio londinese Tate Harmer. Uno spazio di lavoro particolare e creativo quello progettato a Hoxton Square in occasione del London Festival of Architecture: la struttura ruota attorno a un tronco di albero ed è completamente immersa nel verde cittadino.

 

L'ufficio sull'albero TreeXOffice a Londra

Il TreeXOffice è completamente immerso nella natura: il progetto fa parte dell’iniziativa Park Hack Project, voluta dalla città di Londra per sollecitare i cittadini a vivere il parco.

 

Il progetto creato dai designer Natalie Jeremijenko, Shuster + Moseley, Tim Lucas Prezzo e Myers fa parte dell’iniziativa Park Hack Project voluta dalla città di Londra per stimolare i cittadini a vivere maggiormente le aree verdi.

 

TreeXOffice a Londra, completamente immerso nella natura

L’ufficio sull’albero è dotato di ogni comfort per permettere ai freelance di poter svolgere comodamente il proprio lavoro.

 

Cambia così radicalmente il concetto di luogo di lavoro: con TreeXOffice è possibile dedicarsi ai propri progetti in un ambiente rilassante come quello del parco. Questo piccolo e unico spazio può essere affittato e condiviso: “l’albero-ufficio” ha tutto ciò che serve per poter lavorare, come elettricità, connessione wi-fi e otto postazioni.

 

Vediamo la struttura nel dettaglio. Il progetto del TreeXOffice presenta una piattaforma tonda che avvolge un albero del parco ed è formata da pannelli in policarbonato traslucido apribili così da far entrare più aria nella struttura. La copertura è rivestita da un pannello circolare in grado di riparare il coworking dalle intemperie e al tempo stesso far entrare luce naturale.

 

I pannelli in policarbonato apribili di TreeXOffice a Londra

 

Second Home – Lisbona

Il progetto di Second Home, a cura di SelgasCano, nasce per essere una “casa lontano da casa”, un luogo accogliente e creativo dove poter lavorare immersi in uno splendida cornice green. Questa bellissima struttura nasce dal recupero del Mercado da Ribeira, storica location di Lisbona: qui gli architetti si sono occupati di progettare un ambiente stimolante e accogliente, in grado di ricreare una dimensione di familiarità domestica anche al lavoro.

 

Coworking sostenibile Second Home a Lisbona

Second Home è una vera e propria “seconda casa” per i lavoratori freelance: gli architetti hanno progettato un ambiente confortevole a misura d’uomo per stimolare il lavoro e l’interscambio culturale.

 

Un ambiente di lavoro può essere a misura d’uomo, stimolare la creatività e favorire la sostenibilità al tempo stesso? La risposta per gli architetti di SelgasCano è affermativa: il progetto Second Home vede la presenza di un grande tavolo sociale dalle forme sinuose pensato per favorire lo scambio di opinioni e il rapporto tra persone e al tempo stesso garantire privacy agli associati.

 

La biblioteca dello spazio coworking Second Home a Lisbona

Tante sono le aree svago presenti: biblioteca, caffetteria, sala cinema e molto altro è a disposizione degli iscritti.

 

L’ambiente è luminoso e colorato: i toni vivaci delle palette scelte, unite agli arredi rafforzano l’atmosfera gioiosa che gli architetti intendono promuovere. Numerose sono le aree svago: biblioteca, bar, sala cinema e benessere attendono i professionisti che lavorano negli spazi del Mercado de Ribeira.

 

Tante piante inserite nello spazio di lavoro Second Home a Lisbona

Le piante sono state inserite al fine di combattere l’inquinamento indoor, oltre a svolgere il ruolo di divisore di ambienti senza dover costruire pareti. Il risultato è un ambiente arioso e colorato.

 

L’ufficio è disseminato da piante che rendono l’ambiente caratteristico e non solo: la loro funzione è quella di dividere lo spazio tra le postazioni, assorbire lo smog e il rumore. Grazie alle piante è dunque possibile combattere l’inquinamento indoor e garantire privacy agli associati, senza dover ricorrere a barriere architettoniche. 

inEDI – Milano

Il coworking è approdato da tempo anche in Italia: sempre più città si stanno attrezzando per proporre spazi in cui i freelance possano lavorare e far rete tra loro. Un esempio di spazio coworking con una particolare vocazione green è quello di inEDI a Milano, in zona Paolo Sarpi, un polo di lavoro ideato da Effetti Digitali Italiani, società specializzata in effetti visivi.

 

Questo spazio creativo per i creativi digitali offre oltre 900 metri quadrati e cinquanta postazioni per i professionisti. "Vorremmo che inEDI diventasse un incubatore e un acceleratore per freelance e startup, grazie al supporto dell’esperienza e delle competenze che abbiamo maturato in sedici anni di attività nel mondo della pubblicità e del cinema, nazionale e internazionale”. Queste sono le parole diFrancesco Grisi, socio fondatore di EDI, il quale spiega il valore aggiunto di questo coworking: essere un hub culturale in grado di mettere in comunicazione i freelance con i professionisti del mondo EDI.

 

Coworking sostenibile inEDI a Milano

Nel coworking inEDI l’aspetto della sostenibilità ambientale è importante: qui moduli eco-compatibili e air plants combattono l’inquinamento indoor.

 

Particolare attenzione viene data all’aspetto green del progetto: l’energia elettrica proviene da fonti rinnovabili e tutti gli arredi presenti sono realizzati da materiali riciclati.

 

Lavorare e vivere in maniera eco-sostenibile è possibile a Milano: grazie alla collaborazione con il designer Pietro Follini, nell’hub sono presenti moduli eco-compatibili e air plants (piante biofiltranti) per combattere l’inquinamento indoor. Inoltre il coworking favorisce la mobilità sostenibile mettendo a disposizione dei professionisti delle biciclette secondo il principio del bike sharing.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
20/06/2018

In che modo l'evoluzione del sistema energetico influenzer l'esigenza di stoccaggio di energia?

L'Associazione europea per lo stoccaggio dell'energia (EASE) ha pubblicato uno studio che stima la capacità di stoccaggio necessaria per consentire all'Europa di raggiungere i propri obiettivi di decarbonizzazione.     Pubblicato da ...

12/06/2018

L'italia pu arrivare al 59% di elettricit da rinnovabili entro il 2030

Un nuovo studio dell'European Climate Foundation mostra che per l'Italia le tecnologie pulite meno costose rappresentano un'opportunità capace di stimolare maggiori ambizioni in materia di clima ed energia, in linea con gli obiettivi dell'accordo di ...

11/06/2018

Gli effetti dell'economia circolare per la sostenibilit ambientale

Un innovativo studio evidenzia che l'economia circolare potrebbe consentire di mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 2°C e ridurre le emissioni industriali dell'UE di oltre la metà entro il 2050     La ricerca ...

06/06/2018

A che punto la transizione verso le energie rinnovabili?

Il 2017 è stato un anno record per le energie rinnovabili, grazie a riduzione dei costi, aumento degli investimenti e progressi delle tecnologie. Ma la transizione energetica non sta avvenendo abbastanza velocemente per raggiungere gli obiettivi per il ...

06/06/2018

Passivhaus Days 2018

Un'iniziativa che si svolge in tutta Europa che ha l'obiettivo di far conoscere a progettisti e utenti un nuovo modo di costruire e abitare, secondo il protocollo costruttivo Passivhaus.     Dall'8 al 10 giugno committenti e ...

05/06/2018

Approvate le norme sulla diminuzione dell'inquinamento

Approvato dal CDM del 29 maggio il decreto legislativo che promuove il raggiungimento di livelli di qualità dell’aria che non creino problemi alla salute e all'ambiente     Il Consiglio dei Ministri ha approvato lo scorso ...

05/06/2018

REBUILD 2018, linnovazione radicale

Per decarbonizzare l’edilizia la strada è ancora lunga. Ma REbuild 2018 ha dimostrato, esperienze alla mano, che si può fare. Ma occorre vincere ancora numerose resistenze, che non appartengono solo al settore delle costruzioni del nostro ...

01/06/2018

5 giugno, giornata mondiale dellambiente

La Giornata mondiale dell'ambiente organizzata ogni anno delle Nazioni Unite il 5 giugno, vuole incoraggiare la consapevolezza e l'azione a livello mondiale per la protezione dell'ambiente     Come ogni anno dal 1972 il 5 giugno è la ...