Advertisement Advertisement
IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Ancora troppe le auto euro 0 in Italia

Ancora troppe le auto euro 0 in Italia

Secondo un’indagine di Facile.it in Italia viaggiano ancora 4,5 milioni di auto Euro 0

 

 

 

In Italia circolano decisamente troppe auto Euro 0 inquinanti, che richiedono un’assicurazione più costosa, consumano molto e che non sono più prodotte dal 1992. A rivelarlo un’indagine pubblicata da Facile.it che parla di 4,5 milioni di auto Euro 0 che circolano sulle nostre strade, ovvero circa l’11,65% del parco auto italiano. E non c’entrano le auto storiche che sono poco più di 800.000 (fonte: International Business Time).

 

La Lombardia è la regione in cui circolano più macchine inquinanti, sono infatti 591.000 i veicoli Euro 0 immatricolati; subito dopo la Campania con 556.000 automobili che appartengono a questa categoria e, al terzo posto, la Sicilia, dove i veicoli Euro 0 sono circa 482.000.

La Calabria è però la regione con la percentuale maggiore, il 16,27% di veicoli circolanti Euro 0, segue la Campaniacon il 16,26%, e stranamente sul podio sale anche il Trentino Alto Adige (15,83%) che, però, ha anche valori molto alti delle auto di ultima generazione, sono infatti quasi il 47% le auto è Euro 5 o superiore.

La regione più virtuosa è invece il Piemonte che ha il minor numero in termini percentuali di veicoli Euro 0  (8,8%) seguita dal Veneto (8,9%);

Tra le province è Roma a quella con il maggior numero di veicoli inquinanti (345.000 Euro 0), seguita da Napoli (313.000) e, a distanza, Milano (197.000). In termini percentuali, la provincia col parco auto più inquinante è invece Napoli che con il 17,99% precede Vibo Valentia, seconda (17,90%) davanti ad un'altra calabrese, Reggio Calabria, che si ferma al 17,88%.

Le province più attente sono Belluno (8%) e Torino (8,18%).

 

Diego Palano, responsabile BU Assicurazioni di Facile.it commenta che le auto euro 0 oltre a essere dannose per l’ambiente sono anche costose per i proprietari sia per quanto riguarda i consumi che per i costi assicurativi.

A questo proposito una simulazione su due veicoli di pari cilindrata (1.000) e con identico utilizzo; uno Euro 0 immatricolato nel 1990, l’altro euro 4 immatricolato nel 2007, evidenzia che il miglior prezzo RC auto ottenibile per la macchina “inquinante” è di 399 euro annui, quello riservato al veicolo più recente 351 euro, ovvero circa il 13% in meno, un bel risparmio.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
12/06/2018

L'italia pu arrivare al 59% di elettricit da rinnovabili entro il 2030

Un nuovo studio dell'European Climate Foundation mostra che per l'Italia le tecnologie pulite meno costose rappresentano un'opportunità capace di stimolare maggiori ambizioni in materia di clima ed energia, in linea con gli obiettivi dell'accordo di ...

11/06/2018

Gli effetti dell'economia circolare per la sostenibilit ambientale

Un innovativo studio evidenzia che l'economia circolare potrebbe consentire di mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 2°C e ridurre le emissioni industriali dell'UE di oltre la metà entro il 2050     La ricerca ...

06/06/2018

A che punto la transizione verso le energie rinnovabili?

Il 2017 è stato un anno record per le energie rinnovabili, grazie a riduzione dei costi, aumento degli investimenti e progressi delle tecnologie. Ma la transizione energetica non sta avvenendo abbastanza velocemente per raggiungere gli obiettivi per il ...

06/06/2018

Passivhaus Days 2018

Un'iniziativa che si svolge in tutta Europa che ha l'obiettivo di far conoscere a progettisti e utenti un nuovo modo di costruire e abitare, secondo il protocollo costruttivo Passivhaus.     Dall'8 al 10 giugno committenti e ...

05/06/2018

Approvate le norme sulla diminuzione dell'inquinamento

Approvato dal CDM del 29 maggio il decreto legislativo che promuove il raggiungimento di livelli di qualità dell’aria che non creino problemi alla salute e all'ambiente     Il Consiglio dei Ministri ha approvato lo scorso ...

05/06/2018

REBUILD 2018, linnovazione radicale

Per decarbonizzare l’edilizia la strada è ancora lunga. Ma REbuild 2018 ha dimostrato, esperienze alla mano, che si può fare. Ma occorre vincere ancora numerose resistenze, che non appartengono solo al settore delle costruzioni del nostro ...

01/06/2018

5 giugno, giornata mondiale dellambiente

La Giornata mondiale dell'ambiente organizzata ogni anno delle Nazioni Unite il 5 giugno, vuole incoraggiare la consapevolezza e l'azione a livello mondiale per la protezione dell'ambiente     Come ogni anno dal 1972 il 5 giugno è la ...

01/06/2018

Comportamento estivo degli edifici

ANIT ha realizzato in collaborazione con il “Gruppo di Lavoro Estivo”, un approfondimento dedicato al comportamento estivo degli edifici che prende in considerazione 4 tipologie di immobili: dal residenziale monofamiliare, all'appartamento in ...