IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > La prima casa passiva in Franciacorta

La prima casa passiva in Franciacorta

Viessmann, azienda leader nei sistemi di riscaldamento e climatizzazione, come scelta d’eccellenza per il progetto green che ha ricevuto la menzione d'onore del concorso Viessmann 2017

 

Casa Passiva in Franciacorta vincitore menzione d'onore concorso Viessmann 2017

 

È l’abitazione del futuro: stiamo parlando della casa passiva (passivhaus), vale a dire un edificio capace di assicurare benessere termico utilizzando in minima parte le fonti energetiche “tradizionali”.

 

Da qui nasce il progetto della prima casa passiva in Franciacorta (Brescia), firmata dall’ing. Nicola Fenaroli e realizzata secondo lo standard di Darmstadt; un edificio green in sinergia con la natura.

 

Impianti Viessmann per la prima casa passiva in Franciacorta

 

Il progetto ha ricevuto una delle 10 Menzioni d'Onore del  Concorso di idee Viessmann del 2017 “Into a new century: energie interconnesse a tutto campo”, che approfondiva un tema particolarmente attuale come quello della progettazione sostenibile, con attenzione all’interconnessione tra il mondo termico e quello elettrico.  

 

La Giuria ha analizzato i lavori dei 252 progettisti che hanno partecipato, scegliendo i 5 vincitori e le 10 menzioni attraverso la valutazione della qualità progettuale globale delle diverse proposte, delle soluzioni impiantistiche e tecnologiche utilizzate, innovative, ad alta efficienza energetica, integrate e interconnesse, che abbiano previsto l'utilizzo delle rinnovabili.

 

Ricordiamo che fino al 30 settembre è possibile iscriversi alla nuova edizione del concorso sul tema della "Progettazione efficiente: Convergenza termico-elettrico”. 

 

Vediamo nel dettaglio le caratteristiche del progetto della casa passiva in Franciacorta. L’abitazione presenta un ottimo rapporto tra superficie/volume, ma con degli elementi architettonici particolari assicurati dalle diverse finiture, come il legno e l’intonaco su piani sfalsati e uno splendido tetto-giardino pensato per il recupero delle acque piovane.

 

Lo stato attuale della costruzione della prima casa passiva in Franciacorta

 

La struttura è in cemento con tamponatura in poroton, isolamento perimetrale con 22 cm di eps grafitato, 15 cm di lana di roccia, in copertura 30 cm di xps, contro terra e sotto platea xps.

 

La prima casa passiva in Franciacorta vincitrice menzione d'onore concorso Viessmann 2017

 

Il progettista ha posto molta attenzione alla scelta dei materiali affinché avessero un basso impatto ambientale, anche nella fase di di produzione e trasporto, oltre ad avere grande resistenza nel tempo. Per questo motivo per le finestre, che avranno schermatura solare con frangisole orientabili, è stato utilizzato il legno sughero termo-trattato con trasmittanza 0.6W/m2K.

A sud è realizzato un portico dimensionato in modo da garantire il miglior apporto solare in inverno e la massima schermatura nei mesi estivi.

 

Pianta prima casa passiva in Franciacorta, progetto vincitore concorso Viessmann

 

Il progetto è stato strutturato in modo da attenuare i ponti termici: per questo motivo sono stati inseriti elementi a taglio termico sui balconi e aggetti, mentre le strutture non riscaldate sono state separate completamente dalla casa e ogni ponte termico studiato agli elementi finiti. 

Gli impianti Viessmann

Per la scelta degli impianti, si è puntato alla massima integrazione tra produzione da fotovoltaico e consumo della pompa di calore, il progettista ha scelto di rivolgersi a un’azienda leader nel settore come Viessmann. Per questo motivo è stata installata una pompa di calore, un accumulo Viessmann da 400L per ACS e un puffer inerziale per il sistema di riscaldamento e raffrescamento, mentre per il ricambio d’aria è stata scelta una VMC certificata passivhaus ad altissima efficienza. L’obiettivo è quello di sfruttare l’energia prodotta dai pannelli fotovoltaici presenti e consentire alla casa l’indipendenza energetica.

 

Per la produzione di acqua calda sanitaria e per il sistema di riscaldamento e raffrescamento si è scelto di utilizzare la pompa di calore Vitocal-200-S, un modello modulare silenzioso ad alta efficienza. L’accumulo per l’acqua calda sanitaria è un bollitore Viessmann Vitocell 100-V CVW che con i suoi 390 litri di accumulo e l’alto spessore di isolante permette di creare un accumulo di acqua calda sanitaria estremamente efficiente.

 

Pompa di calore Viessmann Vitocal 200-S

 

Inoltre è stato utilizzato di un accumulo inerziale Viessamnn Solarcell PSS 200 un puffer inerziale per acqua tecnica calda e refrigerata con un isolamento di 50mm in poliuretano iniettato, che serve per alimentare l'impianto sia in fase di riscaldamento che di raffrescamento.

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
21/08/2018

Il nuovo polo tecnologico del CNR di Napoli ad alta efficienza energetica

Il Consiglio Nazionale delle Ricerche apre la sua sede a Napoli, un progetto ad alte prestazioni energetiche in cui è stato previsto un uso consapevole delle risorse   a cura di Fabiana Valentini     Il nuovo polo tecnologico ...

03/08/2018

A New Hope, una casa che rivive dopo il sisma del 2012

Tra i progetti vincitori della menzione d'onore del concorso Viessmann 2017, A New Hope, un edificio realizzato in ottica di risparmio energetico ed eco-sostenibilità, con caratteristiche innovative dal punto di vista strutturale, delle ...

30/07/2018

Il teatro dellOpera di Zhuhai richiama il mare, la luna e le maree

Sulle rive dell’isola di Zhuhai l’Istituto di architettura di Pechino ha realizzato il teatro dell’Opera. Una struttura che richiama le maree e la forma della luna e che internamente garantisce agli spettatori un’esperienza teatrale di ...

18/07/2018

Larcipelago di Vega, patrimonio Unesco, ospita il suo primo centro per visitatori

La prossima primavera si inaugura il centro visite del sito Unesco dell’Arcipelago Vega. Una struttura sobria, elegante, realizzata con materiali robusti e naturali. Un manifesto della cultura popolare norvegese, incastonato in un paesaggio ...

13/07/2018

Vivere e lavorare in un edificio BIO in legno

Il titolare dell’Azienda Agricola Debiasi ha affidato a Vario Haus la realizzazione di un edificio totalmente sostenibile, che ospita l’abitazione, il laboratorio e il punto vendita     Stefano Debiasi, titolare dell’omonima ...

12/07/2018

Casa G a energia quasi 0 realizzata in bioarchitettura

Dalla riqualificazione di un rustico di fine 800 Tiziana Monterisi Architetto ha realizzato a Moneglia un’abitazione Nzeb utilizzando esclusivamente materiali naturali e spesso poco sfruttati in edilizia quali paglia di riso, argilla, cocciopesto e ...

09/07/2018

Il Politecnico di Torino firma un progetto sostenibile per le Olimpiadi della Cina

Il Politecnico di Torino realizza “Il Parco Dora di Shougang” una delle sedi che ospiteranno le olimpiadi invernali del 2022 in Cina, progetto sostenibile e a “zero consumo di suolo”.     Nasce dalla riqualificazione ...

29/06/2018

Un edificio in sinergia con la lussureggiante natura canadese

Il progetto dell'Audain Art Museum di Patkau Architects insignito del RIBA International Prize 2018, un edificio in vetro e legno immerso nella natura   a cura di Fabiana Valentini     Un edificio di design immerso nella natura e custode ...