A ottobre lieve calo per la domanda di energia

Crescono geotermico, eolico, idroelettrico. Fotovoltaico in negativo

Terna ha pubblicato il rapporto mensile sul sistema elettrico da cui emerge che nel mese di ottobre 2015 l’energia elettrica richiesta dal Paese ha raggiunto i 25.913 GWh, in calo dell’1,8% rispetto allo stesso mese dello scorso anno, -0,7% se depurata dagli effetti di temperatura (trascurabili) e di calendario con un giorno lavorativo in meno.
La domanda è stata soddisfatta per l’83,4% del totale attraverso fonti di produzione interna e per la parte rimanente dal saldo con l’estero.

A ottobre si è registrato un sensibile aumento la produzione idrica (+11,8%) e quella eolica (+21,3%). In negativo il fotovoltaico – 8%, che ha però coperto il 5,5% della domanda complessiva. Segno – per il saldo di energia con l’estero (-4,7%).

A livello territoriale, la variazione tendenziale di ottobre 2015 risulta ovunque negativa sul territorio nazionale: -2,4% al Nord, -1,0% al
Centro e -1,2% al Sud.

La richiesta di energia elettrica in Italia nel mese di ottobre

Per quanto riguarda la richiesta di energia dall’inizio dell’anno, il valore della richiesta di energia elettrica con 263.315 GWh fa segnare nel periodo un’aumento dell’1,5% rispetto al 2014. Crescono geotermico (+4,5%), eolico (+4,1%) e fotovoltaico (+8,1%), che nei primi 10 mesi dell’anno ha coperto l’8,2% della domanda. In negativo l’idroelettrico (-20,7%).


La richiesta di energia elettrica in Italia dall’inizio dell’anno

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Sostenibilità e Ambiente

Le ultime notizie sull’argomento