Asilo ecosotenibile Fly family

E' stato inaugurato a Bari lo scorso luglio FLY-FAMILY, il primo asilo nido in tutta Europa costruito all'interno di un'area aeroportuale. "Questa struttura non solo è un asilo esteticamente molto bello – ha sottolineato Vendola all'inaugurazione – ma è anche un prototipo di bioarchitettura e di bioedilizia, interamente costruita secondo principi di ecosostenibilità e di ecocompatibilità. Tutti i materiali, dai tavolini alle sedioline, dai bagni ai giocattoli sono di materiali ecologicamente compatibili e non inquinanti. È un asilo pensato per l'agio dei bambini". Il progetto, fortemente voluto dalla Società Aeroporti di Puglia, si è avvalso del contributo finanziario per 1 milione di Euro (circa il 50% del costo totale dell'investimento) da parte della Regione Puglia, a valere sui fondi FESR 2007-2013 dell'Asse III finalizzati proprio per la crescita dell'offerta di strutture sociali e sociosanitarie sul territorio pugliese.
Primo nel suo genere in Italia, fornisce supporto alle famiglie dei lavoratori dell'aereoporto Karol Wojtila e dei vicini residenti. Aprirà i battenti a settembre grazie all'investimento di Aeroporti di Puglia SpA e al finanziamento della Regione Puglia.
Il nuovo Centro Educativo Polifunzionale di Aeroporti di Puglia, denominato "FLY-FAMILY" prende corpo dal riutilizzo di una palazzina esistente, precedentemente destinata ad abitazione del direttore dell'Aeroporto e ci sono voluti 3 anni per la sua realizzazione.
Oggi rappresenta l'unica struttura aereoportuale italiana a esclusivo supporto delle famiglie, non solo quelle dei lavoratori dell'aeroporto, ma anche dell'intero territorio circostante e offrirà inoltre un servizio di sostegno temporaneo anche ai passeggeri, ponendosi comunque come strumento a supporto di una migliore organizzazione dei nuclei familiari.
Sin dall'inizio la sua ideazione e costruzione si sono caratterizzate per le scelte di progetto operate nel doppio fronte della bio-compatibilità e dell'eco-sostenibilità, per l'uso di materiali atossici, riciclabili, a basso impatto ambientale e per le azioni volte all'innalzamento delle prestazioni termiche dell'edificio, agendo sul doppio fronte del risparmio energetico e dell'uso di energie da fonti rinnovabili.
A servizio del Centro è stato previsto un impianto integrato di generazione dell'energia elettrica con moduli fotovoltaici.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Architettura sostenibile

Le ultime notizie sull’argomento