Dal Mise più di 35 milioni di euro per la mobilità sostenibile

Firmato dal Ministro per l’Ambiente Gian Luca Galletti un decreto che suddivide 35 milioni di euro stanziati per il Programma sperimentale nazionale di mobilità casa-scuola e casa-lavoro

Dal Mise 35 milioni di euro a sostegno della mobilità sostenibile

Il decreto firmato dal ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti ha approvato 23 progetti di mobilità sostenibile al Centro Nord per un totale di circa 20 milioni di euro e 14 al centro sud per un totale di 13 milioni di euro.

I progetti finanziati nel nord Italia, che rientrano nel Programma sperimentale nazionale di mobilità casa-scuola e casa-lavoro previsto dal Collegato Ambientale, interessano molti e variegati interventi, da quelli per incentivare il bike e car sharing, il bike e car pooling, il piedibus, i buoni mobilità, programmi di educazione alla sicurezza stradale e di riduzione del traffico, dell’inquinamento e della sosta degli autoveicoli in prossimità di istituti scolastici e delle sedi di lavoro.

In particolare saranno finanziati nel nord Italia 6 progetti in Veneto e in Lombardia, cinque in Emilia Romagna, quattro in Piemonte e 2 in Trentino Alto Adige.

Torino è la città più alta nella graduatoria dei finanziamenti, con 3 milioni di euro suddivisi tra il progetto Pascal – Percorsi partecipati Scuola Lavoro – il progetto Torino Mobility Lab e il progetto “IntraNET per una mobilità sostenibile” proposto dall’Unione Comuni Nord Est Torino, a ognuno di questi il ministero contribuisce con un milione di euro.

Nel sud Italia saranno finanziati quattro progetti verranno cofinanziati nelle Marche, due nel Lazio, in Sardegna e in Toscana, uno in Calabria, Campania, Abruzzo e Sicilia. Anche in questo caso si tratta di interventi per incentivare il bike e car sharing, il bike e car pooling, il piedibus, i buoni mobilità, programmi di educazione alla sicurezza stradale e di riduzione del traffico, dell’inquinamento e della sosta degli autoveicoli in prossimità di istituti scolastici e delle sedi di lavoro.

Molto soddisfatto il ministro Galletti che ha apprezzato in particolare la vasta partecipazione al progetto. Sono infatti più di 100 tra comuni ed altri enti locali ad aver presentato iniziative a sostegno della nuova mobilità in grado di migliorare la qualità dell’aria e quindi la vita delle persone, aiutando anche il raggiungimento degli obiettivi fissati dalla COP21 di Parigi per clima.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Mobilità elettrica

Le ultime notizie sull’argomento