Fotovoltaico e geotermico per la nuova palazzina green di Ferragamo

Per l’edificio sostenibile è stato avviato l’iter per la certificazione Leed Platinum Italia

Salvatore Ferragamo – marchio del lusso noto in tutto il mondo – ha inaugurato ad Osmannoro (FI), la nuova palazzina ad uso uffici, che si sviluppa su 8.000 m2 su quattro piani fuori terra, oltre a 2.000 metri quadrati di interrato, destinati a parcheggi, in cui tutto è stato progettato con un’attenzione assoluta agli aspetti green e al risparmio energetico.

Per la nuova costruzione, infatti, sono state create delle aree verdi nella corte e in copertura è stata integrata l’implementazione di fonti energetiche rinnovabili, con sonde geotermiche perimetrali all’edificio a supporto dell’impianto meccanico, recupero acque piovane ed implementazione di pannelli fotovoltaici integrati in una sovrastruttura realizzata in copertura.
Tutti gli impianti installati sono ad alta efficienza per minimizzare l’impatto degli assorbimenti energetici. L’illuminazione è realizzata integralmente con lampade a led.

Sempre nell’ottica della sostenibilità, nel parcheggio sono stati realizzati 4 posti auto dedicati ad iniziative di car sharing e 4 posti attrezzati per ricarica auto elettriche. 
“Abbiamo realizzato questa struttura con una particolare sensibilità nei confronti dell’ambiente, tanto che per il progetto abbiamo già avviato l’iter per la certificazione Leed Platinum Italia”, commenta Ferruccio Ferragamo, Presidente del Gruppo
Sempre nell’ambito del percorso di attività intraprese in tema di Corporate Social Responsibility, Salvatore Ferragamo ha inoltre avviato il processo di compensazione delle emissioni di CO2e prodotte attraverso le spedizioni per via aerea. Il Gruppo ha concordato con DHL Global Forwarding, che cura parte delle spedizioni e fornisce Green Services, di controbilanciare l’impatto ambientale delle tratte aeree Firenze–Shanghai e Firenze-Tokio, scegliendo di sostenere il progetto certificato VER Gold relativo alla “Water Purifiers” in Cambogia, che si prefigge di ridurre le emissioni con l’abbattimento della CO2e prodotta nella combustione a legna, utilizzata per la bollitura dell’acqua necessaria per l’eliminazione dell’Escherichia coli.

L’impegno sottoscritto dal Gruppo permetterà di fornire in Cambogia centinaia di kit Ceramic Water Purifiers, prodotti direttamente in loco, che consentiranno la purificazione dell’acqua attraverso appositi filtri, eliminando la necessità di bollire l’acqua.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Architettura sostenibile, Solare fotovoltaico

Le ultime notizie sull’argomento