Gennaio-Marzo: +23% per fotovoltaico, eolico e idro

Pubblicato il nuovo rapporto Anie Rinnovabili, in crescita le installazioni green nel primo trimestre 2020: +9% per il fotovoltaico, +7% per l’eolico e +250% per l’idroelettrico. Ancora troppo lontani gli obiettivi al 2030 del PNIEC, deve crescere il contributo delle rinnovabili. Necessario rivedere il DM FER e semplificare gli iter autorizzativi.

Gennaio-Marzo: +23% per fotovoltaico, eolico e idro

Pubblicato da Anie Rinnovabili l’Osservatorio FER di Marzo 2020: nel complesso fotovoltaico, eolico e idroelettrico arrivano a 178 MW di potenza, in crescita del 23% rispetto al 2019.

Bene anche se non c’è proprio da festeggiare perché l’Italia è ancora troppo lontana dalla media annua di 330 MW/mese necessari per raggiungere gli obiettivi al 2030 fissati dal PNIEC.

Fotovoltaico, eolico, idroelettrico, potenza connessa per fonte da gennaio a marzo.
Elaborazione ANIE Rinnovabili su dati Terna

Certamente uno fra i nodi più importanti da sciogliere è quello della semplificazione degli iter autorizzativi come ha dimostrato l’esito assai deludente della della seconda asta del DM FER 4.7.2019 in cui è stato assegnato solo stato il 60% della potenza disponibile. Secondo Anie Rinnovabili per garantire che tutte le risorse stanziate siano utilizzate, è necessario revisionare alcune parti del DM, prevedendo per esempio il “riallocamento della potenza non assegnata, postando quella inutilizzata dal Gruppo A2 al Gruppo A e aumentando il numero di bandi almeno con altre due sessioni dopo settembre 2021, così da recuperare il tempo necessario a far autorizzare gli impianti”.

Inoltre è necessario che ci sia un reale sostegno verso le energie pulite, a titolo di esempio Anie cita il recente PTPR (Piano Territoriale Paessagistico Regionale) approvato in Lazio che ostacola l’installazione di impianti fotovoltaici a terra.

Fotovoltaico

Ancora segno + per il fotovoltaico, che nel 2020 conferma la media mensile del 2019, anche se a marzo con 36 MW si registra un calo, per tutte le classi di potenza residenziali e industriali fino ai 200 kW e per le unità di produzione, rispetto di installazioni rispetto a febbraio (+47 MW) e anche in confronto a marzo 2019 (39MW) dovuto molto probabilmente agli effetti del lockdown.

Si segnala l’attivazione di quattro impianti in Sicilia per 13,3 MW in provincia di Agrigento e uno da 2,2 MW in Lombardia in provincia di Cremona.

Fotovoltaico: potenza connessa nel periodo gennaio-marzo 2020

Le regioni che hanno registrato il maggior aumento in termini di potenza sono, Campania, Marche, Molise, Sicilia e Valle d’Aosta, mentre quelle con il maggior decremento sono Abruzzo, Lazio e Toscana.

Le installazioni di potenza inferiore ai 20 kW rappresentano il 45% del totale, mentre il 63% delle nuove installazioni è di taglia uguale o superiore ai 10 kW.

Eolico

L’anno non è partito bene perché a gennaio non ci sono state installazioni, la situazione è migliorata a febbraio (+8 MW) e soprattutto a marzo (+25 MW), grazie all’attivazione di alcuni impianti di grande taglia: uno da 8 MW in Campania, uno da 9,4 MW in Liguria e uno da 15,8 MW in Calabria.

Il trimestre si è concluso con un complessivo +7%.

Eolico, potenza connessa mensilmente nel primo trimestre 2020

Si registra un calo del 33% nel primo trimestre del 2020 rispetto al 2019 del numero di unità di produzione.

Per quanto riguarda la diffusione territoriale, la maggior parte della nuova potenza connessa (72%) si trova nelle regioni del Sud Italia.

“In generale la tecnologia dell’eolico necessita di una tariffa incentivante diretta e pertanto si attende il contributo dei contingenti che verranno assegnati nei bandi del DM FER, considerato che dagli esiti dei primi due bandi l’eolico si è aggiudicato nelle Aste la maggior percentuale e i Registri del gruppo A sono stati saturati”.

Idroelettrico

Boom idroelettrico grazie all’attivazione di un impianto da 13,4 MW in Valle d’Aosta nel mese di marzo.

Le regioni che hanno registrato il maggior incremento di potenza rispetto all’anno precedente sono Lombardia e Valle d’Aosta. Gli impianti idroelettrici di taglia inferiore a 1 MW connessi nel 2020 rappresentano il 23% del totale installato.

Cresce del 65% rispetto al 2019 il numero di unità di produzione connesse.

“Anche la tecnologia dell’idroelettrico necessita di una tariffa incentivante diretta prevista da Decreti del Ministero dello Sviluppo Economico per vedere una crescita in termini di potenza installata”.

Idroelettrico: potenza connessa mensilmente primo trimestre 2020

Rispetto al trimestre ottobre-dicembre 2019, che aveva registrato una crescita importante soprattutto per il fotovoltaico, l’analisi congiunturale mostra un significativo decremento (-52%) della potenza potenza totale degli impianti connessi in rete nel primo trimestre 2020.

Variazioni congiunturali FV. eolico e idro per trimestri

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Eolico, Idroelettrico, Solare fotovoltaico

Le ultime notizie sull’argomento

Vademecum Ecobonus 110%

Vademecum Ecobonus 110%

Da ITALIA SOLARE un vademecum per chiarire le condizioni di accesso al superbonus 110% nella realizzazione ...