Heaven & Hell: Noa* ribalta il concetto di benessere

Dopo l’iconica piscina a sbalzo, un nuovo incredibile progetto architettonico diventa realtà. Il centro benessere sfida le leggi della gravità. Al livello inferiore della Spa, l’orizzonte è rotato di 180° come se fosse riflesso sulla superficie dell’acqua.

A cura di:

Heaven & Hell: Noa* ribalta il concetto di benessere

Lo studio di architettura Noa* ha progettato nel 2016 in Trentino Alto Adige, la piscina a sbalzo per l’hotel Hubertus nel 2016, immaginandola come una roccia incastrata tra terra e cielo.  Ora, a distanza di qualche anno, gli architetti tornano sulla stessa scena per un’altra opera di design: la Sky Spa Heaven & Hell, dedicata al benessere degli ospiti dell’albergo.

Noa* in questo progetto ha saputo far rivivere l’immaginazione, progettando una piattaforma che segna un nuovo avamposto galleggiante tra cielo e terra. Un progetto dove la forza di gravità sembra svanire per far posto a scenari inaspettati.

L’essenza di questo progetto è il ribaltamento degli orizzonti, con il conseguente effetto di meraviglia per l’osservatore” dichiara Lukas Rungger, architetto responsabile del progetto e fondatore di Noa*. “A pensarci bene, cambiare prospettiva è un esercizio comune nelle aree benessere, dove, a seconda che ci si trovi sdraiati nella sauna, seduti nell’area relax o tuffandosi a capofitto in piscina, i panorami cambiano continuamente” conclude.

Ribaltare il concetto di benessere

Il concept progettuale prende vita dall’osservazione del paesaggio circostante riflesso nella piscina: materializzare ciò che si vede specchiato sulla superficie dell’acqua, come se l’immagine fosse un rendering pronto per essere convertito in realtà. È un concetto che gioca con la linea dell’orizzonte e con la percezione del capovolto.

La Sky Spa Heaven & Hell dalla struttura capovolta

La nuova struttura è collocata sul lato sud-est della facciata, in posizione simmetrica rispetto alla piscina. Come la piscina, anche questa è staccata dall’edificio principale: la piattaforma si erge a 15 metri da terra ed è sorretta da due pilastri rivestiti in tronchi di larice. I visitatori raggiungono l’area benessere attraverso una passerella sospesa, che allo stesso tempo si apre alla zona relax di nuova costruzione, offrendo spazio fino a 27 persone.

La Sky Spa Heaven & Hell dalla struttura capovolta
Sulla piattaforma, singole microstrutture con tetto a due falde presentano due livelli funzionali. L’elemento sorprendente è il livello inferiore, dove l’orizzonte subisce una rotazione di 180°, e le capanne sembrano ancorate a testa in giù.

I pilastri rivestiti in tronchi di larice della Heaven & Hell SPA
I due livelli sono caratterizzati da un diverso trattamento della privacy, con spazi prevalentemente esposti sopra e spazi protetti sotto. Al piano superiore sono situate due vasche idromassaggio, due docce panoramiche e uno spogliatoio.

Idromassaggio della nuova Sky Spa Heaven & Hell

Il piano inferiore ospita nella parte centrale il foyer. Da qui si accede alla soft sauna, alla sauna finlandese, a una cabina doccia, a una doccia nebulizzata di ghiaccio e a una terza piscina all’aperto, da dove lo sguardo può spaziare sul paesaggio circostante.

Colori e materiali in armonia con il paesaggio montano

La scelta dei colori e dei materiali è in armonia con il paesaggio montano: pannelli di alluminio nei toni del marrone naturale rivestono le cabine, così come lo spessore della lastra, formata da una struttura portante in travi di acciaio. Dello stesso materiale e colore è anche il sistema brise soleil che scherma le finestre. I pavimenti sono in ceramica beige chiaro, mentre il pavimento è in rovere bianco oliato nella sala relax.

Il centro benessere di Noa* sfida le leggi della gravità

“Il livello più basso della piattaforma provoca una sensazione di straniamento nell’osservatore. Man mano che si scende, la temperatura aumenta e l’ambiente diventa più protetto. Sembra una discesa al centro della terra, con i poli che si invertono” dichiarano gli architetti.

La scelta di lavorare con i tetti a falde rovesciate è una scelta motivata da ragioni formali e funzionali: da un lato, la volontà di riprodurre l’architettura di un villaggio di montagna, e dall’altro, la necessità pratica di allocare nel tetto il sistema di depurazione dell’acqua per la piscina e la sauna.

img by www.noa.network

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia



Tema Tecnico

Architettura sostenibile

Le ultime notizie sull’argomento