Il fotovoltaico e i nuovi sistemi energetici per le città

Innovazione e interconnessione sono i perni della rivoluzione energetica urbana.

a cura di Italia Solare

Il fotovoltaico e i nuovi sistemi energetici per le città

La connettività e i dati sono oggi i driver di sviluppo sociale, economico e tecnologico. L’integrazione tra componenti tecnologiche, componenti sociali e modello di sviluppo urbano, ci porta verso una città intelligente (Smart city) sempre più sostenibile, destinata a generare innovazione.

In questo processo il settore energetico è profondamente coinvolto, con un percorso orientato verso la transizione energetica, diventata per forza di cose inevitabile da un punto di vista ambientale, ma anche e soprattutto da un punto di vista tecnologico.

Quella che ci aspetta è una rivoluzione di dimensioni enormi. Non si può più pensare al sistema elettrico come a un sistema formato da centri nevralgici – le centrali elettriche – da cui dipartono le reti di trasporto e distribuzione dell’energia, dove i percorsi sono a senso unico. Oggi, e in futuro sempre di più, il nostro sistema energetico deve tendere a una rete neuronale con scambi bidirezionali, senza più la netta distinzione tra centri di produzione e centri di consumo. Ogni utente può potenzialmente trasformarsi da consumatore a prosumer, con il doppio ruolo di produttore e consumatore. 

Il ruolo del fotovoltaico e della mobilità elettrica

In questo contesto il fotovoltaico e la mobilità elettrica sono destinati a giocare un ruolo fondamentale e sempre più sinergico in grado di modificare profondamente l’assetto energetico delle nostre città, con opportunità che solo qualche anno fa sembravano difficili da immaginare, se non addirittura avveniristiche.

Isole energetiche, sistemi di distribuzione chiusi, ma anche sistemi interconnessi, in cui il fotovoltaico diventa una voce importante nella generazione elettrica sono oggi possibili, soprattutto se realizzati con un sistema di mobilità elettrica che dialoga con la rete e diventa un importante strumento di stabilizzazione della rete stessa.

I passi da fare in questa direzione sono ancora molti, ma la tecnologia c’è (sia hardware sia software) e anche la normativa sta finalmente agevolando il processo, come si è visto con la nuova Strategia Energetica Nazionale e gli orientamenti del Clean Energy Package della Commissione Europea. Manca forse ancora una conoscenza diffusa di quelle che sono le potenzialità, per questo appuntamenti come il convegno di Italia Solare “Fotovoltaico e i nuovi sistemi energetici per le città”, che si tiene a Torino il prossimo 13 luglio, sono un’importante occasione per fare il punto sugli aspetti tecnologici, economici e normativi di un nuovo scenario energetico delle città. 

Necessità di pianificare lo sviluppo delle città

Il percorso purtroppo non è così immediato, serve pianificazione, serve superare gli ostacoli burocratici, amministrativi, più che tecnologici. Per dare vita a un modello di smart city è infatti necessario adottare un modello di pianificazione del sistema urbano che sia capace di integrare costantemente le componenti ICT con quelle della governance e con le decisioni localizzative delle principali funzioni urbane.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Solare fotovoltaico

Le ultime notizie sull’argomento