Il Mise annuncia possibile stabilizzazione dell’ecobonus

Di Maio annuncia nel corso del question time alla Camera l’intenzione del Governo di ampliare l’ordine temporale dell’ecobonus, al di là della conferma per il 2019 prevista dalla Legge di Bilancio

 Di Maio annuncia possibile stabilizzazione ecobonus

Il ministro dello Sviluppo Economico Luigi di Maio è intervenuto nel question time presso la Camera dei Deputati sulle tematiche della green economy, confermando che per questo Governo il tema della sostenibilità è di prioritaria importanza e ha annunciato che sono previste modifiche in Parlamento che comprendono la revisione dell’ecobonus.

Investire nella “green-economy” con l’obiettivo di decarbonizzare e promuovere l’economia circolare, può assicurare importanti ritorni per il nostro paese in termini di crescita economica e competitività industriale.

Di Maio ha sottolineato che il Governo sta mettendo in atto politiche volte a ottimizzare l’efficienza energetica in tutti i settori e aumentare la produzione da fonti rinnovabili, prevedendo al contempo una pianificazione nazionale che rafforzi le misure per il risparmio e l’efficienza energetica e che riduca i consumi attuali.

Come sappiamo la Bozza della Legge di Bilancio ha confermato per il 2019 la proroga delle detrazioni fiscali gli interventi di ristrutturazione edilizia (50%), riqualificazione efficiente (65%), bonus mobili (50%), bonus verde (36%).

Il Ministro ha annunciato che per quanto riguarda l’ecobonus il MiSE sta lavorando a una possibile ulteriore proroga da apportare in Parlamento che preveda un orizzonte temporale più lungo, come richiesto da molte associazioni di settore. Questo garantirebbe importanti stimoli per il comparto delle costruzioni, “permettendo una migliore programmazione degli interventi, e garantendo un miglior risultato anche in termini di efficienza energetica generata”.

Il Ministro Di Maio ha poi riferito di aver avviato una interlocuzione con il MIT, per rivedere in maniera organica il sistema di detrazioni attuali con l’obiettivo di premiare maggiormente gli interventi di efficienza più virtuosi, anche in vista degli obiettivi europei sui quali saremo chiamati a dare risposte già nella stesura del Piano nazionale per l’energia ed il clima.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Detrazione fiscale 50% - 65%

Le ultime notizie sull’argomento