In Emilia 47 milioni a sostegno di innovazione ed efficienza energetica

Dal 10 luglio le imprese dell’Emilia Romagna potranno inviare le domande per accedere al fondo per startup e innovazione energetica

Sono 47 i milioni di euro messi a disposizione dalla regione Emilia Romagna per il credito agevolato per startup e innovazione energetica per le imprese, che dal 10 luglio al 30 settembre potranno inviare le domande per accedere al Fondo multiscopo realizzato con risorse europee del Por Fesr 2014-2020.

Il fondo nasce a sostegno della giovane imprenditorialità e dell’efficienza energetica e prevede una compartecipazione pubblica al 70% a tasso zero e privata, bancaria, al 30% a tassi convenzionati e agevolati, gestiti dalla Regione tramite Unifidi, Consorzio unitario di garanzia Emilia-Romagna selezionato con gara pubblica europea.

Sono previsti due assi di intervento: il Fondo Starter con una dotazione di 11 milioni di euro di finanziamenti in tre anni, ha l’obiettivo di aiutare la nascita di nuove imprese e sostenere la crescita di quelle con un massimo di 5 anni di attività. Il Fondo energia, invece, interviene sull’asse della sostenibilità (22% delle risorse Por Fesr 2014-2020) e prevede 36 milioni di euro in tre anni per migliorare l’efficienza energetica e incrementare l’autoproduzione di energia da fonti rinnovabili. Per entrambile domande possono essere presentate attraverso siti dedicati cui si accede dal portale di Unifidi.

Soddisfatta Palma Costi, assessore regionale alle Attività produttive, piano energetico ed economia verde che ha così commentato: “Puntiamo su nuove imprese e green economy per rafforzare la competitività del sistema economico regionale all’insegna della sostenibilità ambientale”.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Efficienza energetica

Le ultime notizie sull’argomento