Intelligenza Artificiale: torri ricoperte di alghe per purificare l’aria della città

Grazie all’utilizzo di software dedicati, inserendo una serie di parole chiave, è possibile sviluppare veri e propri progetti architettoniciAI x Future Cities è il progetto sviluppato da un software di intelligenza artificiale, in grado di visualizzare come potrebbero essere le città del futuro: torri alte, snelle, ricoperte di alghe e ricche di vegetazione. Città sostenibili, capaci di purificare l’aria e ridurre le emissioni.

A cura di:

Intelligenza Artificiale: torri ricoperte di alghe per purificare l’aria della città

Il progetto AI x Future Cities è una risposta al rapido aumento dell’urbanizzazione globale. Sviluppato dall’architetto e designer Manas Bhatia, il progetto, realizzato con il supporto dell’intelligenza artificiale, immagina edifici sostenibili capaci di contrastare il cambiamento climatico.

Grazie all’aiuto di particolari software di IA, Manas Bhatia immagina una città sostenibile del futuro con grattacieli imponenti, contraddistinti da forme morbide e sinuose, con facciate avvolte da alghe e ricche di vegetazione. Torri biofile capaci di purificare l’aria e allo stesso tempo offrire molti vantaggi alla società: ridurre le emissioni di carbonio e limitare al minimo l’uso del raffreddamento artificiale.
È evidente che l’IA migliorerà e produrrà disegni architettonici dettagliati man mano che si svilupperà” commenta Manas Bhatia

Torri biofile ricoperte di alghe che purificano l’aria

Il progetto AI x Future Cities grazie ad un software specifico, immagina come potrebbe essere l’architettura sostenibile del futuro.

AI x Future Cities, Torri biofile ricoperte di alghe che purificano l’aria

La serie di immagini generata dal programma di intelligenza artificiale propone grattacieli alti, slanciati, con ampie vetrate, balconi e tanto verde. Spesso i grattacieli sono collegati tra loro mediante passerelle pedonali o sono contraddistinti da tetti verdi calpestabili. In linea generale le città sono ricche di verde per compensare le emissioni di carbonio e allo stesso tempo purificare l’aria che i cittadini respirano.

L’intelligenza artificiale nello sviluppo di progetti architettonici

Sempre più spesso gli architetti e i designer fanno ricorso all’intelligenza artificiale per visualizzare gli spazi del futuro. Strumenti software dedicati come Midjourney e DALL·E riescono a sviluppare progetti complessi partendo quasi da zero.

Manas Bhatia utilizza il software Midjourney grazie al quale, inserendo suggerimenti testuali, riesce a generare la sua visione architettonica del futuro: verde e utopica.

L’intelligenza artificiale nello sviluppo di progetti architettonici

Per il progetto AI x Future Cities e per ottenere una grafica sorprendente, con immagini particolari e fuori dal comune, Bhatia ha inserito nel software una combinazione di parole chiave e frasi come ad esempio: appartamenti simbiotici, biomimetici, fluidi, alghe, materiale bioluminescente, torri di purificazione dell’aria, città futuristica, HD, HQ, iper reale e fotoreale.

“L’utilizzo di software dedicati – commenta Bhatia – aumenterebbe significativamente l’efficacia del processo di progettazione architettonica e consentirebbe agli architetti di esplorare nuove idee di design senza dedicare troppo tempo allo sviluppo della loro visione” conclude. Manas Bhatia crede molto nell’uso dell’intelligenza artificiale, convinto che possa aiutare a pianificare in modo migliore e più efficiente gli edifici futuri, consentendo di testare diverse soluzioni risparmiando tempo e denaro.

img by profilo Instagram dell’architetto Manas Bhati

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia



Tema Tecnico

Architettura sostenibile

Le ultime notizie sull’argomento